Horizon Zero Dawn – Guida alle bestie meccaniche – Secodonte, Manticerio e Razziatore

Torna l’appuntamento con la Guida alle bestie meccaniche di Horizon Zero Dawn a cura del nostro Leopardus91! In questo episodio parleremo di Secodonte, Manticerio e Razziatore.

INDICE

 

LA VIDEOGUIDA

LA GUIDA TESTUALE

Bestia meccanica: Secodonte

Il Secodonte è la prima bestia aggressiva per definizione che si incontra. Non ha armi di sorta ma usa la sua mole contro di voi. Infatti l’unico attacco che farà è una carica alquanto feroce. Anche se risulta ovvio, specifico, che è un’attacco che va evitato a tutti i costi.

Ha come punto debole il fuoco, ma non avendo particolari resistenze né al fulmine né al gelo è possibile sia congelarlo che stordirlo con facilità. Il serbatoio di vampa dal quale potreste farlo saltare in aria o dargli fuoco si trova purtroppo sulla pancia.

Finchè si muoverà sarà molto difficile colpirlo. Ma le cose cambieranno se lo si stordisce. Il serbatoio rimane esposto ed il gioco è fatto.

Se non si è pratici consiglio di scansionarlo per vedere quale percorso sta per percorrere in modo da farlo cadere in qualche trappola stordente o esplosiva, così facendo la pancia verrà esposta.

Per attuare questa strategia il lancia-trappole è fondamentale. Se invece avete già più dimestichezza, congelarlo e lanciargli addosso tutto ciò che può causargli danno (frecce di precisione in primis) rimane comunque una valida alternativa alla strategia principale e lo potete abbattere senza fatica. Se avete a disposizione delle bombe esplosive sarà ancora meglio.

 

Bestia meccanica: Manticerio Incendiario / Manticerio Congelante

Esistono due tipi di Manticeri: il congelante e l’incendiario. Entrambi possono essere abbattuti con la medesima strategia ma la cosa che li rende diversi l’uno dall’altro è l’esplosione che si creerà quando la loro sacca esploderà. Nel primo si avrà un’esplosione congelante e nel secondo un’esplosione infuocata.

È l’unica creatura a possedere una sacca che è talmente grande da essere impossibile non notarla. Il primo tra i due che il giocatore incontrerà sarà il Manticerio incendiario.

Di primo acchito si penserà che saranno sufficienti delle frecce incendiare per far sì che la sacca esploda ma così non è. Infatti la suddetta sacca è più spessa dei serbatoi comuni e, per bucarla, serviranno delle frecce che facciano molto danno. Ad inizio gioco saranno quelle di precisione ma, andando avanti con il gioco, saranno sostituite da quelle devastanti con i dovuti potenziamenti ovviamente.

La strategia di base che li accomuna è colpire a più non posso la grande sacca fino a farla esplodere. Dopo di che si passa ai tubi (chiamati “esofago”) che vanno dalla sacca oramai distrutta alla bocca della bestia e si fanno esplodere pure quelli. Infine gli si dà il colpo di grazia continuando a bersagliarlo di frecce o bombe.

Entrambe le bestie possiedono dei serbatoi ma è sconsigliato provare a romperli poiché sono in una posizione veramente scomoda da colpire. Ancor più scomoda di quella del Secodonte. Molto meglio puntare alla sacca.

Bestia meccanica: Razziatore

Il Razziatore è una creatura temibile. Il suo potente cannone montato sulla schiena può letteralmente spazzarvi via in una scarica di colpi, ma la sua più grande forza può trasformarsi nella sua più grande debolezza.

Infatti se si usano le frecce dirompenti è possibile staccargli il cannone e usarlo come arma contro di lui. Non vi nascondo che è super efficace. Ha il corpo resistente al fulmine e un serbatoio di gelo che lo rende vulnerabile a questo elemento, ma se volete stordirlo, l’unica maniera possibile per farlo è colpirgli la batteria con una freccia fulminante. Però non ve lo consiglio.

Congelarlo e poi colpirlo è una tecnica molto più efficace. Se poi sfruttate il cannone ancora meglio. È una creatura che è meglio non affrontare quando la trovate in gruppo. Se non potete evitare lo scontro allora il mio consiglio è cercare di attirarne uno alla volta fuori dal gruppo in modo di occuparsi di lui nella maniera meno problematica possibile.

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Leopardus91

Milanese, cresciuto a pizza e videogames. Fiero di essere un nerd, gioca da quando aveva 8 anni e da allora la sua passione per questo mondo parallelo non è mai diminuita. Oltre a videogiocare per divertisi lo fa anche per sfida, gli piace mettersi alla prova ed affrontare l'impossibile. Il suo motto? "Sono un videogiocatore non perchè non ho una vita, ma perchè ho scelto di averne tante!" PROFILO TWITTER - PAGINA FACEBOOK - CANALE YOUTUBE

Lascia un commento