SPECIALE – I 5 migliori giochi open world in arrivo nel 2019 da tenere sott’occhio!

0

5 migliori giochi open world 2019 – speciale di Valerio Vega

I giochi Open World stanno prendendo sempre più piede nel mercato videoludico, tanto da essere una delle tipologie di gioco più scelte dalle software house per lo sviluppo dei loro prodotti… Ecco la nostra personale lista dei 5 migliori giochi open world in arrivo nel 2019 da tenere sott’occhio!

5 migliori giochi open world 2019 – Anthem

BioWare si lancia per la prima volta nel mondo degli sparatutto multiplayer coop e questo Anthem promette di offrire sia un’esperienza videoludica divertente, che una narrativa avvincente, il che è una combinazione più unica che rara in questo genere di giochi se ci pensate.

Da quanto emerso nelle prime prove generali sia il combattimento, che l’esplorazione e soprattutto la grafica, sono elementi di prim’ordine. La qualità generale della produzione è da tripla A, ma siamo davvero convinti che ci si riesca pure a cucire sopra una storia degna di nota? Chissà.

Quello che possiamo sicuramente affermare è che Anthem sbalordirà per le ambientazioni vaste e variegate, con sessioni di volo, sessioni sottomarine ed altre di serrata esplorazione in un mondo con una flora stupefacente, tanto da far venire subito in mente il kolossal cinematografico Avatar.

Non resta che sperare di avere sugli scaffali un prodotto completo, che non ci faccia spendere una fortuna strada facendo.

5 migliori giochi open world 2019 – Days Gone

Days Gone è da tempo immemore in sviluppo, e in ben 7 anni non siamo ancora arrivati ad una release, con già due ritardi sulla tabella di marcia annunciata e poi modificata.

La community ha raffreddato notevolmente i suoi bollenti spiriti in merito e l’hype è probabilmente calato, facendo pensare a tutti che non ci troveremo di fronte ad una esclusiva PS4 memorabile come altre cui Sony ci ha abituato.

A veder bene però la speranza deve rimanere viva, perchè abbiamo delle promesse interessanti, che se fossero mantenute potrebbero dare i loro frutti.

Orde di zombie alla World War Z, combattimenti che incoraggeranno la sperimentazione totale, risalto alle traversate in motocicletta ed un sistema meteo dinamico che cambierà totalmente l’esperienza di gioco… 

Varrà la pena? Toccherà attendere il 26 aprile prima di saperlo.

5 migliori giochi open world 2019 – Dying Light 2

Dying Light nel suo primo capitolo è riuscito a convincere e coinvolgere ben 13 milioni di persone dal suo lancio nel 2015… Le sue caratteristiche vincenti, come gli intensi combattimenti in prima persona, il ciclo giorno notte ben gestito e le sessioni simili al parkour, lo hanno reso un gioco popolare. Come potrà quindi essere migliorato questo secondo capitolo?

Beh è presto detto… In primis le meccaniche GDR saranno implementate tantissimo secondo gli sviluppatori e daranno maggiore importanza alle nostre decisioni ed allo sviluppo in game. Ci sarà poi un mondo che promette di essere 4 volte più vasto del precedente e capirete bene i benefici di una cosa del genere, perchè si avrà la vera sensazione di essere all’interno di un open world.

Manca ancora una data ufficiale, ma quando ne avremo una vi consigliamo di cerchiarla in rosso sui vostri calendari!

5 migliori giochi open world 2019 – Rage 2

Rage 2 celebra l’unione di due sviluppatori videoludici importanti, che potrebbero creare qualcosa di affascinante. Id Software ed Avalanche Studios stanno infatti collaborando nonostante le loro palesi differenze stilistiche. Dei maestri del genere sparatutto e i più caotici creatori (e distruttori) di open world.

Questo Rage 2 di sicuro ci ha impressionato per la sua stravaganza e per il non prendersi eccessivamente sul serio. Le ambientazioni alla Mad Max hanno fatto il resto.

Inoltre ci è piaciuto il fatto che sembra ci sia molta più carne al fuoco per i combattimenti veri e propri che per le sparatorie, e che al tempo stesso le abilità speciali delle armi promettano di dare modo ai giocatori di creare devastanti combo con una potenza di fuoco inaudita.

Insomma tutto sembra fluido, divertente ed appagante ed il 14 maggio non è poi così lontano!

5 migliori giochi open world 2019 – Ghosts of Tsushima

Per ora i nostri occhi hanno visto poco, ma hanno visto spettacolo. Di sicuro per il 2019 (se dovesse farcela ad uscire) questo Ghosts of Tsushima potrebbe rivelarsi come il top, in termini tecnici, dell’anno.

L’architettura feudale giapponese è uno spettacolo, la vegetazione delle ambientazioni è di una spaventosa dinamicità, l’esperienza samurai (quasi ronin diremmo) è intrigante come sempre… Insomma saremo catapultati in un film di Akira Kurosawa e questo è già tantissimo.

Parliamo inoltre di un gioco che dovrebbe avere una storia interessantissima, basata su fatti realmente accaduti in quel periodo ed ambientato durante l’invasione mongola del Giappone.

Tsushima è appunto la piccola isola che separa il Giappone dalla penisola coreana ed è allo stesso tempo la prima linea della resistenza! Saremo un uomo solo contro un intero esercito, disposti a tutto per reclamare la nostra isola! Affascinante non trovate?

E non dobbiamo chiudere un occhio nemmeno sul gameplay, perchè anche qui abbiamo promesse che se mantenute ci metteranno di fronte ad un papabile GOTY!

Uscirà nel 2019? Speriamo di si!

5 migliori giochi open world 2019 – Considerazioni finali…

Non è assolutamente possibile inserire nella lista tutti gli open world che riteniamo degni di nota… Magari pubblicheremo un secondo capitolo, perchè ci rendiamo conto di non aver fatto nomi che invece dovrebbero essere fatti!

A tal proposito vi invitiamo a segnalarci anche i vostri preferiti, in modo da tenerne conto per l’eventuale secondo articolo!

Siete pronti a questa pioggia di Open World? E qual’è il vostro preferito tra questi 5?

About author

Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”