The Witcher 3 in versione next-gen potrebbe essere l’apoteosi di CD Projekt Red

The Witcher 3 – Next-Gen

Per molti giocatori là fuori, The Witcher 3: Wild Hunt è l’apice dei videogiochi RPG. Basato sulle applaudite opere letterarie dell’autore polacco Andrzej Sapkowski, vi sono pochi giochi nella storia che possono vantare il successo di questa serie che con l’aggiornamento next-gen in arrivo questa estate potrebbe davvero arrivare a fare un miracolo.

The Witcher sta arrivando con un look tutto nuovo su PlayStation 5, Xbox Series X|S, e Windows. Anche se nessuna data di rilascio è disponibile in questo momento, quello che sappiamo è che la remaster arriverà nel secondo trimestre del 2022, il che dovrebbe vedere il titolo diventare disponibile intorno al periodo aprile-maggio-giugno.

Con il suo presunto arrivo in primavera/estate arriva una serie di nuove caratteristiche, tra cui miglioramenti grafici, ottimizzazioni delle prestazioni e molto altro.

Per cominciare, l’aggiornamento next-gen di The Witcher 3: Wild Hunt sarà esclusivo per PS5, Xbox Series S|X, e piattaforme Windows. Ciò che è fantastico dell’imminente remaster è che anche gli attuali proprietari del gioco riceveranno il nuovo contenuto gratuitamente. Questo significa anche che i giocatori di PlayStation 4 e Xbox One che hanno già acquistato una copia riceveranno l’aggiornamento senza costi aggiuntivi, e anche se non avete ancora una delle nuove console, l’imminente remaster di The Witcher vi aspetterà una volta che l’avrete.

Attualmente ciò che i fan otterranno nell’aggiornamento di Wild Hunt non è esattamente chiaro, ma ci sono alcune caratteristiche che possiamo aspettarci.

In primis, il gioco includerà un pesante aggiornamento visivo sotto forma di texture ad alta risoluzione e probabilmente anche modelli 3D ricreati (o mesh artificialmente migliorate attraverso l’uso della moderna tecnologia GPU come la tessellation, il cui punto chiave è quello di generare superfici più lisce di quelle che potrebbero essere prodotte da qualsiasi risorsa 3D originale del gioco). Le texture 4K saranno anche supervisionate dall’unico e solo modder, Halk Hogan, che sta lavorando direttamente con CD Projekt. Hogan è famoso per aver creato la mod di The Witcher 3 “HD Reworked” che ha migliorato pesantemente le texture, la maggior parte delle quali sarà presente nella nuova versione in arrivo.

La rimasterizzazione di The Witcher 3: Wild Hunt sicuramente porterà anche le modalità 4K e 60FPS per migliorare ulteriormente la grafica e le prestazioni della versione iniziale del 2015, portando il gioco alla pari con gli standard moderni. Ciò che non è chiaro, tuttavia, è se le suddette caratteristiche ad alta fedeltà saranno offerte come impostazioni di gioco opzionali o permanenti. Potrebbe benissimo essere la prima ipotesi, avendo in mente che diversi giochi per console hanno preso la strada dei titoli per Windows negli ultimi anni. I giochi per Windows offrono spesso una quantità pazzesca di impostazioni grafiche che permettono ai giocatori di esplorare e modificare le prestazioni in tempo reale.

Le voci hanno anche accennato al fatto che l’aggiornamento next-gen di Wild Hunt includerà il ray-tracing, un metodo di rendering grafico che simula il comportamento fisico della luce. Questa non è affatto un’ipotesi inverosimile, dato che il ray-tracing sta diventando sempre più popolare e ha rapidamente guadagnato favore tra gli sviluppatori. Va anche notato che le potenti caratteristiche grafiche delle nuove console di Sony e Microsoft sono i primi dispositivi in grado di gestire il ray-tracing in tempo reale con una qualità rispettabile.

Un altro bonus della remaster, se così possiamo chiamarlo, è che, come per tutti i giochi che girano sull’hardware delle nuove console, i tempi di caricamento saranno incredibilmente veloci – il che renderà più veloce per i giocatori spostarsi tra le zone e ridurrà significativamente quello che molti considerano “la fatica del trasporto” (almeno per quei giochi che non hanno fatto del viaggio a distanza una parte importante del loro design).

Credo inoltre che la prossima remaster di The Witcher 3: Wild Hunt includerà ulteriori caratteristiche per il controller, soprattutto attraverso l’uso del DualSense di PlayStation 5 che può fornire un feedback fisicamente reattivo alle azioni di gioco; un feedback reso possibile solo attraverso la tecnologia aptica unica di Sony. In confronto, il controller Xbox Series S|X ha un feedback rumble, che potenzialmente permette un’immersione altrettanto raffinata. Tuttavia, la tecnologia rumble di Xbox è un’evoluzione della tecnologia creata nel 2013 e non è così avanzata come quella del DualSense.

Il passaggio di CD Projekt all’Unreal Engine 5 per la serie di The Witcher potrebbe prevenire disastri in stile Cyberpunk in futuro. Tuttavia, fonti veterane dell’industria vicine a Kurgan Compass ci hanno informato che il codice sorgente dell’onnipresente motore di Epic è “un inferno disastroso”, con le caratteristiche UE5 che vengono aggiunte rapidamente in stile “forza bruta” a livello C++, con il risultato che il codice del motore di Epic – specialmente su console, dove la programmazione C++ a basso livello è spesso richiesta per modificare il motore – non è neanche lontanamente strutturato, ben documentato e professionale come altri motori personalizzati come Frostbite di DICE o Snowdrop Engine di MASSIVE UbiSoft (entrambi i quali sono sviluppati in Svezia).

Forse più di ogni altra cosa, la rimasterizzazione di The Witcher 3: Wild Hunt sembra uscire al momento giusto, ammesso che ce la faccia per l’estate 2022. Si tratta di un gigante della sua categoria, ha spinto lo sviluppatore CD Projekt Red a nuove vette, e speriamo tutti non si rovini il lavoro fatto come con Cyberpunk anche se sembrava che CD Projekt non potesse sbagliare mai, rilasciando un successo dopo l’altro.

CD Projekt RED con The Witcher 3: Wild Hunt ha preso una storia eccellente, l’ha infusa con personaggi brillanti che hanno preso vita in un’ambientazione splendidamente dettagliata e unica, unendo tutti questi elementi. Il gioco ha poi accoppiato il suo unico approccio open-world con compiti e missioni secondarie che hanno avuto lo stesso impatto della storia principale del protagonista della serie, Geralt, che cerca di trovare Ciri. Meglio ancora, il “3” nel titolo è un po’ fuorviante nel senso che significa molto poco – i giocatori possono saltare nel gioco senza aver mai giocato i primi due titoli e comunque “capirlo”.

Le scelte erano importanti anche nell’originale The Witcher 3: Wild Hunt e intere trame cambiavano a seconda delle azioni del giocatore. I personaggi possono essere lasciati vivere o lasciati morire, affrontare o meno i loro traumi personali, e sta a voi decidere come va la storia. Per completare il tutto, il combattimento basato sull’azione è veloce, fluido e divertente con meccaniche eccellenti.

Il vecchio adagio di essere abbastanza semplice da prendere ma impegnativo da padroneggiare con i vari Segni magici e i potenziamenti che si possono utilizzare si adatta perfettamente al titolo. The Witcher 3: Wild Hunt è un capolavoro assoluto per molti, me compreso, e l’aggiornamento next-gen offrirà il modo migliore per giocarlo.

Questo, almeno, fino all’uscita di The Witcher 4 (o come finirà per essere chiamato) che è già stato formalmente annunciato.

Francesco Alberio
Milanese, nato nel’anno del primo Final Fantasy e di Metal Gear, non c’era da stupirsi che i videogiochi gli sarebbero entrati nel DNA a tal punto da aprire un canale YouTube ed una pagina Instagram dedicati alla sua passione. Innamorato degli U.S.A, del mondo nerd e delle colline di Toussaint al tramonto.
Available for Amazon Prime