Avatar 2 ha richiesto a Sigourney Weaver e Kate Winslet di restare in apnea per oltre 5 minuti

Avatar 2 – Le star restano in apnea

Poiché c’è grande enfasi sull’ambiente oceanico, Cameron non ha voluto utilizzare le tecniche solitamente adottate per simulare le riprese subacquee.

Ci è voluto più di un decennio prima che il regista James Cameron mettesse insieme i pezzi per giungere alla creazione del sequel di Avatar, ma ci stiamo avvicinando a vedere il prodotto finito e il regista sta condividendo alcune notizie sul progetto.

Il regista di Titanic ha discusso di come Avatar 2, in arrivo nei cinema il prossimo dicembre, espanderà la geografia della terra immaginaria di Pandora e andrà in apnea sott’acqua. In un’intervista con Entertainment Weekly , Cameron ha discusso di come, il primo film avesse il fulcro del suo racconto ammonitore sulla deforestazione, il sequel avrà invece un occhio di riguardo alla promozione della conservazione degli oceani.

“Faccio cose per salvaguardare gli oceani quando non faccio film”, ha detto. “Quindi, se posso unire i miei due più grandi amori, uno dei quali è l’esplorazione dell’oceano e l’altro è la creazione di lungometraggi, perché non dovrei?”

Poiché c’è una tale enfasi sugli oceani, Cameron non ha voluto impiegare le tecniche generali utilizzate per simulare le riprese sott’acqua, ciò che Cameron chiama “secco per bagnato”.

“Ho detto: ‘Non funzionerà. Non sembrerà reale’”, ha detto. “Ho persino lasciato che eseguissero un test, in cui abbiamo catturato da asciutto a bagnato, e poi abbiamo catturato in acqua, un livello grezzo della nostra cattura in acqua. E non c’era paragone”.

Invece, il cast non è diventato solamente un gruppo di esperti subacquei, ma ha anche imparato ad immergersi in apnea per limitare le bolle d’aria e imparare quant’altro fosse necessario per girare al meglio.

L’allieva di Cameron, Sigourney Weaver, il cui ruolo è top secret, è stata in grado di trattenere il respiro per oltre sei minuti per girare le sue scene. L’attrice Kate Winslet, tornando a lavorare con Cameron dopo il loro sodalizio in Titanic, ha trattenuto il respiro per oltre sette minuti.

“Uno dei miei ricordi preferiti era che avevamo questa vasca circolare, larga forse 40 piedi, con un grande portale di vetro. Sono passato un giorno e ho visto Kate Winslet camminare sul fondo del serbatoio”, ha detto il produttore Jon Landau nell’intervista. “Sta camminando verso di me e mi vede dalla finestra, e si limita a salutare, arriva alla fine del muro, si gira e torna indietro.”

Cameron ammette nell’intervista di essere preoccupato per il mutevole panorama dell’intrattenimento in cui si sta accingendo a rilasciare i suoi sequel. “Il grosso problema è capire se faremo dei dannati soldi”, ha detto Cameron.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jon Landau (@jonplandau)

Come risponderà il pubblico? Si riuscirà a ripetere il miracolo del primo capitolo? Diteci la vostra nei commenti!

Avatar 2 debutterà nelle sale il 16 dicembre 2022.

Valerio Vega
Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo Commodore64”