Super Goal! – Recensione – CreativaMente

Super Goal! – Recensione di Alessandro Pugliese

Rinvio del portiere… stop del mediano che si gira e salta il proprio marcatore! Sciabolata morbida in area di rigore… mucchio selvaggio! L’attaccante stoppa di petto e di rovesciata… proprio lui! Super Goal!!!

 

Mi credereste se vi dicessi che è possibile giocare una partita di calcio con soli otto dadi, un piccolo campo in panno ed una piccola semi-palla in legno? Non mi credete, vero?

Beh, questo perchè non avete mai giocato a Super Goal!, un avvincente ed italiano gioco di dadi ideato da Emanuele Pessi, Marco Ippolito e Stefano Giachi per 2 giocatori, prodotto da CreativaMente, della durata media di 15 minuti a partita ed adatto praticamente a tutti (consigliato dai 6 anni in su).

ATTENZIONE! Potrebbe creare dipendenza.

SUPER GOAL! – RECENSIONE – DIAMO UN OCCHIO AL REGOLAMENTO…

Ammetto che quando ho aperto il minuscolo regolamento di Super Goal!, ho avuto un attimo di timore che questo piccolo gioco fosse più complicato di quanto potesse far sembrare dalle sue dimensioni tascabili; tredici pagine piene di testo per soli otto dadi? Sì, e ci stanno tutte! 

Nonostante i materiali complessivi contino “solamente” otto dadoni belli grossi e colorati, un campo da calcio in panno morbido e un pedina pallone (tutto rigorosamente di legno), Super Goal! riesce sorprendentemente a simulare con incredibile efficacia una vera partita di calcio, non solo dal punto di vista generale, ma anche con tantissime piacevoli sfaccettature!

Il regolamento quindi non fa altro che illustrare i molteplici usi dei dadi e di tutti casi che possono presentarsi durante un match.

Facciamo una breve panoramica sui dadi e le loro funzioni:

  • Il Dado di Controllo (arancione) permette piccoli avanzamenti con poco rischio, non può mai essere usato per due volte consecutive
  • Il Dado del Passaggio (Rosso) permette avanzamenti più ampi, ma con più rischio di perdere il pallone
  • Il Dado del Lancio (Viola) permette lunghi spostamenti, ma con alto rischio di perdere il possesso palla
  • Il Dado del Tiro (Rosso) con il quale i giocatori proveranno a fare goal, con il rischio di colpire pali, traverse o spedire il pallone in tribuna
  • Il Dado della Difesa (Blu) utilizzabile per rubare la palla agli avversari, ma con il pericolo di commettere lisci, falli da rigore o addirittura farsi autogol
  • Il Dado del Portiere (Azzurro) usato per cercare di parare i tiri della squadra avversaria
  • Il Dado del Rigore (Nero), usato per battere il penalty dagli undici metri, dopo aver subito un fallo in area di rigore
  • Il Dado Fuoriclasse (bianco) permette di utilizzare colpi speciali durante il match (assist in area, tiri da metà campo, super parate e molto altro), viene passato da un giocatore ad un altro dopo il suo utilizzo

Inutile dirvi quanto il setup sia veloce ed indolore, la cosa più complicata da fare sarà scegliere chi sarà il primo giocatore.

Una volta espletato tale compito, quest’ultimo si approprierà dei tre dadi azione e tirerà il dado fuoriclasse, tenendolo vicino con il risultato in bella vista; l’avversario invece si preparerà con il dado difesa pronto all’uso. Non ci resta che preparare il cronometro… avete capito bene, il cronometro!

Infatti Super Goal! va giocato rigorosamente in tempo reale! Il regolamento consiglia due tempi di gioco da sette minuti e mezzo ciascuno, ma questo dato può essere modificato a piacere ed in qualunque momento.

L’arbitro porta quindi il fischietto alla bocca ed il match può cominciare!

Il giocatore in attacco parte tirando il dado di controllo arancione (sempre obbligatorio anche dopo ogni palla rubata) e poi prosegue scegliendo l’ordine che preferisce.

Il movimento delle palla può subire però delle interferenze, nel momento in cui sul dado appaiono il punto interrogativo o la croce.

Nel primo caso, l’attaccante effettua il movimento e poi aspetta il lancio del dado di difesa (con cui è possibile subire fallo, perdere palla o subire un rimpallo di tre caselle indietro), nel secondo invece, l’attaccante perderà automaticamente palla dopo aver esaurito il movimento indicato dal dado. 

Tra un capovolgimento di fronte, azioni sulla fascia ed improbabili lisci delle difese, i giocatori possono portarsi al tiro con il dado apposito rosso con conclusioni dall’interno dell’area di rigore o addirittura da fuori area, sperando che il portiere non devii la sfera in calcio d’angolo o che addirittura non la blocchi per dar via ad un’immediata ripartenza.

Occhio agli interventi in area di rigore, perchè un’intervento troppo rude del difensore potrebbe portare ad un calcio di rigore clamoroso! 

La casistica di Super Goal! prevede anche la possibilità di potersi impossessare del pallone dopo che l’avversario ha colpito un palo clamoroso, un portiere può essere in grado di farsi autogol dopo un rimpallo sfortunato con la traversa, così come un difensore può commettere un clamoroso liscio davanti alla porta e segnare un impietoso autogol!

Ma non dimentichiamoci che ogni partita può essere decisa dal colpo del fuoriclasse!

Infatti, in qualsiasi momento del match, un giocatore può annunciare a sorpresa l’utilizzo di questo dado, il quale può permettere di eseguire tiri imparabili, parate incredibili, assist perfetti davanti alla porta, tiri da oltre “50 metri”, recuperi difensivi immediati e possibilità di fischiare falli a proprio favore, ottenendo semplici punizioni o addirittura dei calci di rigore!

Scaduti i 15 minuti regolamentari, l’arbitro eseguirà il triplice fischio finale, dichiarando così il vincitore della partita!

SUPER GOAL! – RECENSIONE – ALCUNE CONSIDERAZIONI…

Ammetto il mio iniziale scetticismo su Super Goal!, così di primo acchito pensavo potesse trattarsi di un gioco molto semplice ed adatto ad un pubblico prettamente giovane. Ed invece, dopo la prima partita di rodaggio, ne ho voluto fare un’altra… ed un’altra ancora…

Non lasciatevi ingannare da quest’aria sempliciotta che si porta dietro quella che sembra una mini scatola per biscotti, poichè quello che offre Super Goal! è una vera e propria partita di calcio!

Gli otto dadi disponibili regalano decine di variabili diverse, proprie di un vero match agonistico, che aggiunte allo scorrere del tempo, porteranno a molteplici sfide al cardiopalma, con tanto di cori ed esultanze a non finire!

Non smetterete più di accarezzare il morbidoso campo da calcio (scusate, non c’entra nulla, ma volevo dirlo)

Inoltre, il gioco gode di un’estrema portabilità ed è praticamente utilizzabile ovunque ci sia un tavolo e due sedie; portarlo in spiaggia potrebbe regalare grossissime soddisfazioni nel dopo pranzo e prima di un fresco aperitivo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Alessandro Pugliese
Classe '83, fiero torinese ed assiduo instagramer con lo pseudonimo "aleboardgamer", si considera con orgoglio un nerd di prima classe. Amante dei giochi da tavolo sin dalla tenera età di sei anni quando gli vennero regalati titoli d'antologia come Brivido, Hero Quest e L'isola di Fuoco, la sua missione è quella di espandere il credo dei boardgames per distogliere l'attenzione dagli smartphones e convincere le persone a riunirsi attorno ad un tavolo per socializzare, sviluppare l'ingegno e soprattutto divertirsi.