Sex Education – Quando il sesso non deve essere un tabù

Sex Education – news di Andrea Kobla

Nel 2018, ormai 2019, non si può pensare al sesso come un tabù, un atto impuro che conduce la propria anima agli inferi. È una realtà e va affrontata come tale; per questo ci viene in aiuto Netflix.

Questa nuova serie nasce per aiutare il pubblico adolescenziale ad una conoscenza maggiore e diversificata sul sesso. Sempre maggiori sono le “gravidanze indesiderate” da parte degli adolescenti, sempre maggiore è il rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili e proprio per questo Netflix, ha deciso di parlare apertamente sul discorso più controverso di sempre.

Non è un caso che all’annuncio della serie Sex Education, la stessa Netflix ha esordito in questo modo: “È arrivato il momento di parlare di sesso”.

La trama si basa sulla vita di Otis Thompson, un ragazzo emarginato e vergine che vive con la madre sessuologa.

Il giovane, un giorno, decide di aprire una clinica di terapia sul sesso, il tutto per aiutare altri giovani come lui i quali sono attanagliati da decine di dubbi sulla sessualità.

Otis si potrebbe definire un esperto in materia, in quanto la madre è una sessuologa, e lui è sempre stato circondato da manuali, video ed ha sempre partecipato a conversazioni sul sesso.

Il cast è compost da volti noti: Gillian Anderson (X-Files) e Asa Butterfield (Hugo Cabret). La serie sarà disponibile su Netflix a partire dall’11 Gennaio 2019.

[amazon_link asins=’B01IVIUJI0,8863554439,B015HERBQO,B01LTHLPDS,B01N8RNTCN,B015WS28RM,B072JN2LLS,B077NQF2QG,8899016356′ template=’ProductCarousel’ store=’AKIAJZUFWM3PAT6WVGUQ’ marketplace=’IT’ link_id=’6475c3eb-0af7-11e9-b687-f99d157f547a’]

Andrea Panicali
Proveniente dalle onde marittime di Roma, o meglio Ostia, è un grande appassionato di videogiochi, serie tv, film e libri thriller. Cresciuto a suon di pizza, pasta e videogiochi, si è guadagnato il rispetto tra i più famelici mangiatori d'Italia.