Resident Evil 7 – Guida ai boss – Difficoltà Manicomio: Jack Baker

Resident Evil 7 – Guida ai boss – Difficoltà Manicomio: Jack Baker – Nella Gabbia del Leopardus

Stavolta ci occuperemo di Jack Baker il famigerato capofamiglia.

Jack lo si incontrerà dall’inizio a circa la metà del gioco in diverse occasioni, ma saranno solo tre le volte in cui, scontrandoci con lui, avremo la possibilità di neutralizzarlo: nel garage, nell’area di trattamento e al molo (in quest’ultima location finalmente morirà).

IL GARAGE

Nel garage Jack parte subito alla carica dopo aver ucciso il poliziotto. Armato di ascia formato famiglia non esiterà ad usarla contro di voi. Potrei consigliarvi di parare i suoi colpi ma il fatto di parare non è proprio una mia usanza. Chi mi conosce e mi ha visto giocare lo può confermare, preferisco di gran lunga la schivata alla parata in questo e in molti altri videogiochi. Tenendo poi conto che la difficoltà è massima non saprei quanto possa essere efficace la parata. Perciò il mio consiglio è, per quanto Ethan lo permetta, cercare di stare sempre in movimento e schivare i suoi colpi. Mentre lo si evita sparategli alla testa con qualsiasi arma avete a disposizione.

Per questa boss fight ci sono due possibili sviluppi che però non sono in grado di dirvi se dipendano dalla difficoltà o dal caso…

Caso 1

Girando per il garage troverete su un tavolo le chiavi della macchina, cercando di non farvi prendere, entrate nell’auto parcheggiata, accendete il motore e usate la stessa come arma contro Jack investendolo più e più volte fino a quando, con doti al di là dell’umana comprensione, vi ritroverete il Sig. Baker sul tettuccio. Quest’ultimo verrà letteralmente aperto come una scatoletta di tonno e Jack prenderà le redini del mezzo. Ma non preoccupatevi perché ci sarà solo un possibile esito: lo schianto contro delle travi d’acciaio. La peggio c’è l’ha proprio il Sig. Baker poiché avrà una trave spiaccicata in faccia. Voi uscite dalla macchina prima che prenda fuoco. Ma ecco che anche Jack si alzerà dal sedile, tutto ricoperto di fiamme, ed avanzerà verso di voi. A questo punto che gli spariate o meno non farà differenza poiché, in entrambi i casi, dopo qualche secondo l’auto esploderà ponendo fine alla boss fight.

Caso 2

Le chiavi della macchina non ci sono poiché le ha Jack in tasca. Quindi l’unica cosa da fare è continuare a sparargli finché non decide di salirci lui nell’auto, cercando poi di investirvi con la stessa. Non puntate a lui ma alle gomme. Dovete schivare la macchina muovendovi in maniera obliqua e nel mentre sparare agli pneumatici. Tre gomme a terra sono sufficienti perché lui si vada a schiantare. Poi la macchina andrà a fuoco e il resto è uguale come nel caso 1.

Dopo che Jack sarà a terra tutto ustionato potrete finalmente salire la scala che vi condurrà alla chiave per aprire la porta del salone d’ingresso. Ma ecco che, colpo di scena, Jack è ancora vivo e per dimostravi il suo potere si sparerà alla testa concludendo definitivamente la boss fight del garage.

Durata boss fight: dal minuto 00:40 al minuto 06:55 di questo video:

AREA DI TRATTAMENTO

Anche qui Jack vi coglierà di sorpresa e vi butterà nell’obitorio, luogo dello scontro.

L’inizio è piuttosto semplice, bisogna cercare di schivare i suoi colpi d’ascia e nel mentre sparargli alla testa. Essendo la terza boss fight del gioco si hanno a disposizione un po’ più di armi rispetto a quando si era nel garage e quindi consiglio di portarsi dietro come arma potente almeno il fucile M37 o ancora meglio il fucile M21. Inoltre consiglio l’uso dei colpi potenti per la pistola.

Lo scontro si complica un po’ quando Jack avrà circa metà vita. Infatti butterà l’ascia per prendere la motosega biforcuta. Ma state attenti poiché nello stesso punto dove lui ha preso la motosega voi potete prenderne un’altra che potrete anche voi usare come arma.

Da questo punto in poi la schivata diventa fondamentale poiché Jack vi farà parecchio danno. Anche se il suo attacco è potenziato ha comunque un tallone d’Achille.

Quando il Sig. Baker tenterà di usare la motosega come una mazza non fatevi prendere.

Effettuerà tre colpi consecutivi. Se vi mancherà avrete qualche istante per contrattaccare con la vostra motosega. Continuate così fino a quando Jack non sarà esausto e, per la stanchezza, mostrerà il suo punto debole mentre è in ginocchio. È qui che dovrete colpire a più non posso.

Capirete che lo scontro è quasi concluso quando il Sig. Baker si arrabbierà molto e inizierà a fare delle corse in linea retta per travolgervi con la sua motosega. A questo punto manca davvero poco alla fine della boss fight, quindi resistete, schivate e colpite quando potete e quando riuscirete a segarlo a metà è praticamente fatta.

Durata boss fight: dal minuto 10:10 al minuto 14:04 del video:

IL MOLO

Terza ed ultima boss fight contro Jack. Oserei dire, per esperienza, che è lo scontro più impegnativo dell’intero gioco.

E’ l’unico punto dove sono rimasto bloccato per ore prima di superarlo. Ma vi illustro come sono riuscito a risolvere anche questo grattacapo.

Prima di tutto Jack apparirà improvvisamente subito dopo aver salvato Mia e Zoe.

Di primo acchito non lo riconoscerete poiché non è più in forma umana ma completamente mutato. Vi trascinerà con sè nell’arena dello scontro ed è un posto suddiviso su due livelli. Al primo livello (Il luogo dove vi lascerà andare) non bisogna combatterlo. Sotto i piedi si hanno delle assi di legno bucate in determinati punti o con pezzi proprio mancanti, quindi per evitare inavvertitamente di cadere di sotto conviene scendere a piano terra fin da subito ed è proprio qui che va affrontato.

Jack è un’ammasso di roba nera simile ai Micomorfi, è grosso, resistente ed ha delle braccia lunghe quanto due uomini. Però ha diversi punti deboli che non è difficile notare. Sono degli occhi arancioni che usa per vedervi ed è lì che dovete colpire. È imperativo, ancor di più che nella precedente boss fight, non farsi prendere. Una spazzata della sua coda o delle sue braccia può tranquillamente uccidervi in un colpo solo o, nel migliore dei casi, lasciarvi in fin di vita.

Per questo scontro bisogna armarsi come si deve. Il Fucile M21 è d’obbligo e se avete armi più potenti non esitate a metterle nell’inventario perché vi serviranno. Inoltre portate anche un buon numero di soluzioni mediche se potete. Fortunatamente entrambi i livelli dell’arena sono ben forniti di munizioni ma non gridate al miracolo poiché, se non ne avete troppe in partenza, quelle che trovate sul campo non vi basteranno ad eliminare tutti gli occhi. Però c’è una possibile soluzione anche a questo problema.

Per risparmiare munizioni usate il coltello. So che sembra folle ma Jack non è in grado di prendervi se gli state particolarmente appiccicati ed è qui che può entrare in gioco il coltello. La maggior parte degli occhi si trovano tranquillamente a portata di braccio quindi tenete i proiettili solo per quelli dove non potete arrivare. Così facendo si risparmieranno colpi per la fase finale della boss fight dove questi sono fondamentali. Sappiate però che ci vorrà molto, molto tempo, poiché il coltello pieghevole non fa molto danno.

Jack non starà per tutto lo scontro al piano terra ma alternerà momenti dove si trova al vostro livello con altri dove invece andrà al livello superiore. Per i momenti dove sta in alto è ovvio che dovete usare i proiettili per prendere gli occhi (tra l’altro uno di questi si trova sotto al suo corpo ed è proprio in questa fase che va obbligatoriamente preso). Inoltre, quando è in alto, vi attaccherà sia con le braccia cercando di darvi una specie di pestone, che tramite la bocca, sputandovi contro un’acido.

Prestate un minimo di attenzione e capirete che sono attacchi facilmente prevedibili e quindi schivabili.

Se riuscite a sopravvivere ed eliminargli tutti gli occhi ecco che Jack si ritirerà, per poi trascinarvi sott’acqua e, nel mentre, divellere l’intero pavimento dell’arena.

Questo è il punto più ostico in assoluto. Sollevando il pavimento ha ridotto lo spazio di manovra a veramente pochi metri quadri e, sorpresa sorpresona, ecco che gli è spuntato l’ultimo occhio che teneva nascosto.

L’occhio si trova sulla faccia ed avete veramente poco tempo per colpirlo.

Jack vi farà una serie di attacchi caricati con le braccia e dovete attaccarlo mentre carica questi colpi devastanti ma, poco prima che vi colpisca, spostatevi lateralmente nel poco spazio che avete a disposizione schivando il colpo. Quest’ultima cosa che ho scritto però non è una cosa certa e potrebbe non capitarvi per due motivi.

Il primo è che il giocatore è molto disorientato e provato dalla precedente fase dello scontro e quindi non riesce a capire bene cosa accade. Il secondo è che Jack può anticipare i vostri movimenti, quindi basta muovervi anche un secondo prima o dopo e lui capirà dove vi state andando a posizionare colpendovi lo stesso.

Non arrendetevi, tentate e tentate e se riuscirete ad abbattere anche l’ultimo occhio la boss fight sarà praticamente conclusa.

Durata boss fight: dal minuto 13:53 al minuto 31:13 del video:

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Leopardus91

Milanese, cresciuto a pizza e videogames. Fiero di essere un nerd, gioca da quando aveva 8 anni e da allora la sua passione per questo mondo parallelo non è mai diminuita. Oltre a videogiocare per divertisi lo fa anche per sfida, gli piace mettersi alla prova ed affrontare l'impossibile. Il suo motto? "Sono un videogiocatore non perchè non ho una vita, ma perchè ho scelto di averne tante!" PROFILO TWITTER - PAGINA FACEBOOK - CANALE YOUTUBE

Lascia un commento