Dragon Castle – Gameplay – Ghenos Games

Dragon Castle è senza dubbio uno degli astratti più eleganti presenti nella mia collezione, grazie al suo stile orientale ed alle incredibili tessere ispirate al gioco del Mahjong. E nonostante i suoi ormai cinque anni di età, ho deciso di portarlo sul mio canale per farvi vedere quanto è bello, grazie a questo video gameplay girato insieme a mio figlio Andrea. Vi ho incuriosito??

Dragon Castle è un gioco da tavolo strategico ideato da Hjalmar Hach, Luca Ricci e Lorenzo Silva per 2-4 giocatori e dalla durata media di circa 30-45 minuti per partita. Il gioco si presenta decisamente semplice sia nel regolamento sia nella gestione della partita, da qui l’8+ scritto sulla scatola.

Le meccanica di gioco è la classica “prendi la tessera, piazza la tessera” (in pieno stile “metti la cera, togli la cera”), praticamente un requisito quasi d’obbligo perchè un gioco da tavolo si possa definire un vero “astratto”. L’obiettivo in Dragon Castle è quello di ottenere il maggior numero di punti, costruendo al meglio il proprio piccolo castello, utilizzando le tessere prese dal Castello del Dragon al centro del tavolo.

E l’ispirazione al Mahjong non la notiamo solo nelle stupende tessere, ma proprio anche nello stile di gioco con cui possiamo o meno fare nostra una tessera del castello. Detto cio’, Dragon Castle potrebbe sembrare un gioco molto rilassante (ed in parte lo è), ma fate attenzione perchè l’interazione indiretta che si viene a creare tra i giocatori può diventare molto cattiva!

 

UNA PARTITA COMPLETA A DUE GIOCATORI A DRAGON CASTLE…

Ma non perdiamo altro tempo e andiamo subito a vedere questo video gameplay di Dragon Castle, in cui vi spiegherò anche le regole generali per poter imparare a giocare!

Un enorme grazie a TE per avermi dedicato qualche minuto del tuo tempo ed aver letto questo articolo! Ti ricordo che puoi seguirmi anche su Instagram (AleboardGamer) e su Youtube (La Ludoteca di Aleboardgamer). Ci si vede al prossimo articolo!

Alessandro “AleBoardGamer” Pugliese

Alessandro Pugliese
Classe '83, fiero torinese ed assiduo instagramer con lo pseudonimo "aleboardgamer", si diverte a spiegare regolamenti sul suo canale Youtube "La Ludoteca di AleBoardGamer". Amante dei giochi da tavolo sin dalla tenera età di sei anni quando gli vennero regalati titoli d'antologia come Brivido, Hero Quest e L'isola di Fuoco, la sua missione è quella di espandere il credo dei boardgames per distogliere l'attenzione dagli smartphones e convincere le persone a riunirsi attorno ad un tavolo per socializzare, sviluppare l'ingegno e soprattutto divertirsi.