The Fully Automated Board Game – Un nuovo gioco da tavolo su Kickstarter dal 21 marzo

No Board Games è un collettivo di ideatori di giochi da tavolo nato a seguito del successo ottenuto con il gioco da tavolo Riot – Cast the First Stone (2015), finanziato via crowdfunding su Indiegogo e che ha visto la distribuzione di più di mille copie in tutto il mondo.

Il 21 marzo partirà la campagna di crowdfunding del nuovo progetto: The Fully Automated Board Game (illustrato da Rupe), un veloce party game contro il lavoro stipendiato e a base di robot, sindacalismo, raggiungimento della piena automazione e del reddito universale di base.

Dai 2 ai 10 giocatori, con elementi di diplomazia, bluff e un pizzico di luddismo.

In The Fully Automated Board Game potrai interpretare il ruolo di un lavoratore orgoglioso o di un capo corrotto. L’obiettivo dei lavoratori, che giocano in modo semi-cooperativo, è quello di espropriare quanti più robot possibile. L’obiettivo dei due boss, in competizione sia con i lavoratori che tra loro, è accumulare il proprio fatturato.

Ogni turno del gioco si sviluppa in sette fasi e rappresenta un mese di lavoro. Durante il mese, i capi possono assumere lavoratori o costruire
robot obbedienti. I lavoratori, invece, non sono obbligati ad accettare lavori e possono anche scioperare, tenendo presente che a fine mese
potrebbero non avere più i soldi per pagare l’affitto.

Il crowdfunding inizierà su Kickstarter il 21 marzo a questo indirizzo: CLICCA QUI

Valerio Vega
Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo Commodore64”