Bubba Wallace in gara contro ogni limite. Documentario Netflix che affronta il razzismo nella NASCAR – Recensione

Dopo l’enorme successo di Formula 1: Drive to Survive, Netflix sta rivolgendo la sua attenzione alle corse automobilistiche americane. Un nuovo documentario sull’unico pilota di auto da corsa nero a tempo pieno della NASCAR. Bubba Wallace: in gara contro ogni limite è una serie di sei episodi che debutterà il 22 febbraio.

Bubba Wallace in gara contro ogni limite

La docuserie si concentra sulla stagione 2021 della NASCAR Cup Series di Wallace poiché è il suo primo anno con la 23XI. Compagine che è in comproprietà con il collega pilota NASCAR Denny Hamlin e la leggenda dell’NBA Michael Jordan. Wallace sente la pressione di esibirsi per i suoi due capi, il che lo porta ad affrontare la sua parte di sfide in pista. Il pilota ha fatto la storia in ottobre quando ha vinto la sua prima gara della Cup Series, diventando così il primo pilota nero a vincere una gara della manifestazione dai tempi di Wendell Scott nel 1963. Bubba Wallace: in gara contro ogni limite è una nuova e potente docuserie targata Netflix.

Bubba Wallace in gara contro ogni limite ecco cosa aspettarsi

Oltre a dare un’occhiata alla stagione 2021 di Wallace,  la serie Bubba Wallace: in gara contro ogni limite esamina le vicende legate al pilota realizzate nel 2020. La serie si tuffa nel suo pensiero, un fermo sostenitore del movimento Black Lives Matter. Dall’eliminazione delle bandiere confederate alle gare, passando dalla  controversia storia “sul cappio” (scoprirete più avanti nell’articolo a cosa mi riferisco). Il documentario offre uno sguardo all’interno di tutti gli eventi accaduti nel 2020 che hanno reso Wallace un nome familiare. Ma quest’ultimo (Wallace) offre alla serie il giusto anello di congiunzione con gli avvenimenti nel passato che additano questo sport “principalmente di destra”.

Nella storia della NASCAR, ci sono stati infatti solo quattro piloti neri a tempo pieno: Scott, Willy T. Ribbs, Bill Lester (che viene intervistato nella serie), e Wallace. Lester parla delle critiche che ha ricevuto dai bianchi durante la competizione, e la serie ripercorre anche la vittoria di Scott nella NASCAR e come questo sia diventato un problema.

Bubba Wallace: in gara contro ogni limite

Bubba Wallace in gara contro ogni limite: sinossi ufficiale

Nel corso di sei episodi Wallace fa i conti con chi è dentro e fuori pista, trovandosi sia come pilota che come attivista. Affronta i suoi problemi di salute mentale e altera in modo permanente lo sport notoriamente bianco e conservatore delle corse ispirando il divieto della bandiera confederata. Mentre affronta lo stress della competizione e le ricadute pubbliche sia in pista che sui social media dal suo stand, Wallace è supportato nei suoi sforzi dalla sua famiglia e dai membri della comunità delle corse.

Bubba Wallace in gara contro ogni limite è stato diretto da Erik Parker, noto per il suo lavoro in “LA Burning: The Riots 25 Years Later” e “Nas: Time Is Illmatic”.

Wallace ha descritto il documentario come:

diverso da qualsiasi progetto a cui abbia mai partecipato. E’ un resoconto crudo, emotivo e completamente trasparente degli eventi che hanno avuto luogo durante le stagioni NASCAR 2020 e 2021. Con me, quello che vedi è quello che ottieni. Assisterai alle vette e alle valli di questo sport e vedrai come le tue azioni fuori dalla pista sono importanti quanto quelle su di esso. Uno dei pezzi più avvincenti della serie è l’intuizione aggiuntiva che gli spettatori acquisiranno ascoltando i miei coetanei, la famiglia e alcuni dei miei partner che hanno avuto un ruolo in questo viaggio monumentale. Unisciti a me mentre abbattiamo le barriere, affrontiamo le controversie e accogliamo una nuova base di fan nello sport della NASCAR

Scopri le nostre recensioni dei film QUI

Se non conosci la NASCAR non è un problema

Orientata a un pubblico non NASCAR, la serie è divisa in 6 parti. Offre un tuffo nella vita, nella carriera e nella tumultuosa estate del 2020 di Wallace che ha coraggiosamente abbracciato, portandolo a diventare un’icona istantanea, insieme al pedaggio e al pericolo che ne derivavano, soprattutto come unico pilota nero a tempo pieno nella NASCAR .

Gli spettatori che non hanno seguito da vicino Wallace inizieranno a capire che la sua posizione era qualcosa di più della NASCAR, qualcosa di più dello sport. Verranno a conoscenza delle molte ingiustizie con le quali Wallace e la sua famiglia hanno lottato. Wallace che stima di essere stato fermato più di 20 volte dalle forze dell’ordine. Alla stessa polizia viene attribuita anche l’uccisione del cugino. Inizierete a capire come eventi dal forte impatto visivo come l’omicidio di Ahmaud Arbery hanno avuto un influenza su di lui. Wallace si rese subito conto che non poteva “stare in silenzio solo perché tutti gli altri sono seduti in silenzio”.

È automatico che ho una responsabilità

dice nelle docuserie.

Fu allora che iniziai a esprimere la mia opinione su com’è essere neri in America.

Alcuni aspetti della serie Bubba Wallace in gara contro ogni limite

A partire da gennaio 2021, le telecamere hanno documentato gli alti e bassi della sua prima stagione con il team di Michael Jordan e Denny Hamlin, la 23XI Racing, culminando con la sua prima vittoria in carriera nella Cup Series ad ottobre. Con l’aiuto di una sequenza temporale visiva, le fasi di quella prima stagione con una squadra nuova di zecca sono intervallate da momenti della sua infanzia, dalla sua ascesa nelle classifiche e dall’anno esplosivo in cui il 2020 è stato dentro e fuori la NASCAR, insieme al battaglie interne che Wallace ha deciso di affrontare.

Veniamo a sapere di un giovane Wallace che chiede a sua madre cosa significa la parola “Negro” dopo averla ascoltata in una pista locale, ribadendo che se era abbastanza grande per sperimentare il razzismo allora, i bambini bianchi sono abbastanza grandi per impararlo fin da ora. Ci viene ricordato come ogni titolo sulla polizia che uccide un nero evoca i dolorosi ricordi della sua famiglia di quando suo cugino adolescente, Sean Gillespie, è stato ucciso allo stesso modo. E come non siano soli con quel sentimento, poiché Gwen Carr, la madre di Eric Garner, descrive l’omicidio di George Floyd come “un’eco dalla tomba”.

L’ascesa di Wallace è contestualizzata con storie di corridori neri che hanno contribuito a spianare la strada, così come atleti neri – tra cui Jackie Robinson, Muhammad Ali, Althea Gibson, Tommie Smith e Colin Kaepernick – che hanno utilizzato i loro sport e hanno abbracciato le loro piattaforme per respingere questa forma di discriminazione.

Se invece conosci bene il mondo NASCAR

Per coloro che seguono da vicino la carriera della NASCAR e Wallace, Bubba Wallace in gara contro ogni limite non rivela troppi dettagli precedentemente sconosciuti. Ma approfondisce il lato emotivo e umano dell’essere leader e voce in uno spazio prevalentemente bianco e come questo si interseca con il quadro più ampio delle questioni relative ai diritti civili del paese. Rafforza l’idea che gli atleti sono qualcosa di più del loro lavoro quotidiano.

Sentiamo le persone più vicine a Wallace, come sua madre, Desiree Wallace, sua sorella, Brittany Gillispie e la sua fidanzata, Amanda Carter. Applaudono al suo coraggio, lo inondano di sostegno ed esprimono le loro reali paure per la sua sicurezza, dentro e fuori dalla pista, mentre si alza in piedi e sviluppa la sua voce.

Bubba Wallace in gara contro ogni limite

La sfumatura più interessante della serie

I dettagli più importanti che apprendiamo su Wallace riguardano i suoi problemi di salute mentale.

“Il problema dell’infrangere una barriera è che implica la rottura”, afferma Jemele Hill nella serie Bubba Wallace in gara contro ogni limite.

Ciò significa che c’è del dolore ad esso associato. E quando torni indietro e guardi cosa hanno dovuto affrontare atleti come Jackie Robinson, quello di cui non hai sentito parlare è quello che ha fatto allo spirito di Jackie, il dolore che lo ha lasciato, essendo l’unico

Per Robinson, ha detto Hill, il dolore di “affrontare un enorme livello di ostilità razziale” è stato “psicologicamente traumatizzante”. Wallace ha parlato per la prima volta di soffrire di depressione e ansia durante la stagione NASCAR 2019. Ma la serie fornisce forse lo sguardo più approfondito su quanto oscuro e isolato Wallace possa sentirsi sotto una pesante coltre di depressione, e che combattere lo stigma contro il parlarne è la sua stessa battaglia.

Mi ripeto ancora che faccio schifo ogni giorno

dice nella serie, snocciolando altri esempi della sua voce interiore pericolosamente deprecante. Riconosce che questo suo stato mentale “è decisamente uscito da molte gare negli ultimi tre o quattro anni”

La serie ci vuole ricordare che gli sportivi sono umani

Wallace si rilassa con Amanda e il suo adorabile cane, Asher, gioca a golf con Hamlin virtualmente e nella vita reale e va in città con la batteria, suonando (e cantando insieme a) Fall Out Boy’s Sugar, We’re Going Down. E mentre dichiare che non pensa di fare troppa pressione su se stesso, è chiaro che c’è una quantità immensa di pressione, proprio sulla sua persona.

Questa è stata solo un’opportunità per le persone di conoscermi davvero e cosa sta succedendo nella mia mente pazza”

Ci viene continuamente ricordato delle pressioni a volte insormontabili che gli atleti d’élite devono affrontare, ma nessuno ci ricorda con la medesima costanza che questi atleti sono comunque umani, nonostante le loro capacità apparentemente sovrumane.

Qualcosa in più sulle vicende legate al pilota

Nel giugno 2020 a Talladega, la Nascar ha scoperto un cappio nella stalla del garage assegnata a Wallace. La scoperta è arrivata appena una settimana dopo che Nascar aveva bandito la bandiera confederata ai suoi eventi su sollecitazione di Wallace.

Il divieto di bandiera è stato un problema a Talladega, dove un convoglio di veicoli ha sfilato su e giù per lo Speedway Boulevard fuori dall’ingresso principale dello speedway in tutti e quattro i fine settimana di gara poiché la NASCAR ha affermato che non avrebbe consentito il simbolo all’interno delle sue piste. Il convoglio è arrivato addirittura al punto di sfilare con un’auto che trainava un rimorchio che conteneva un cannone dell’era della Guerra Civile.

La risposta di Wallace agli eventi di Talladega

Wallace ha definito l’incidente del cappio un punto basso della sua vita. È stato sottoposto a continue molestie online che l’anno scorso includevano anche un tweet dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump che accusava falsamente Wallace di inventare il cappio. Il tweet di Trump ha fatto eco alle teorie del complotto rivolte a Wallace. Un’indagine dell’FBI ha rilevato che l’autista non era vittima di un crimine d’odio e che il cappio era stato modellato come un tirante per la porta lo scorso autunno, molto prima che alla sua squadra fosse assegnato il garage di Talladega. Dopo questa assurda teoria l’intera industria si è radunata intorno a lui,  e si è schierata in solidarietà con Wallace e alla sua macchina in testa alla griglia prima della gara.

Tra le proteste globali in seguito alle uccisioni da parte della polizia di George Floyd e Breonna Taylor nel 2020, Wallace ha fatto notizia quando ha indossato una maglietta di Black Lives Matter – decorata con le parole “Non riesco a respirare” – durante una cerimonia pre-gara a Atlanta. Subito dopo, ha invitato con aria di sfida la NASCAR a bandire le bandiere confederate dagli eventi.

Concludo riportandovi le parole del produttore esecutivo Kevin Liles:

Quello che abbiamo catturato con Bubba Wallace in gara contro ogni limite è un nuovo sogno americano a 200 miglia orarie. Il buono, il brutto e il cattivo: una storia toccante, attraverso i suoi occhi e le sue lotte per competere come l’unico Pilota afroamericano nella NASCAR Cup Series

Marco Salati
Scrive come tesi di laurea “ Il cinema nella mente” perché per lui la relazione tra cinema e psicologia è tutto. Ama vivere nel sogno, o semplicemente far vivere i suoi di sogni, purché questi vengano vissuti in maniera personale. Non dimentica mai che “In ogni strada di questo paese c'è un nessuno che sogna di diventare qualcuno” e in quel viaggio cosi folle “ Perdersi è meraviglioso”.