No Man’s Sky – Vale la pena giocarlo nel 2021?

Se avete rinunciato a No Man’s Sky quando è stato rilasciato, ora è il momento di dargli un’altra possibilità. Gli aggiornamenti e le correzioni hanno trasformato il gioco che all’uscita fu irrimediabilmente deludente.

Annunciato inizialmente ai VGX Awards 2013, l’idea di No Man’s Sky ha mandato in delirio la comunità dei videogiochi. Per chiunque fosse anche un fan di fantascienza di passaggio, il gioco era tutto ciò che si poteva desiderare: un gioco di esplorazione spaziale open-world con un vasto universo infinito di pianeti generati proceduralmente da scoprire ed esplorare.

Sfortunatamente, l’uscita del gioco non è stata accolta con tale fanfara. Segnato da un noioso ciclo di gioco, una storia poco brillante e una generazione procedurale incoerente, No Man’s Sky era un pasticcio pieno di bug e incompiuto. Solo poche settimane dopo la sua uscita, il gioco era svanito nel nulla e si pensava fosse solo un altro ammonimento su cosa non fare durante lo sviluppo di un videogioco.

Da allora, tuttavia, No Man’s Sky ha avuto una delle, se non la più grande, storia di ritorno nella storia dei videogiochi. Dopo aver sostenuto uno dei più grandi problemi in termini di stampa negativa al momento del rilascio, gli sviluppatori Hello Games hanno dedicato tutto il loro tempo a migliorare No Man’s Sky e renderlo più simile al gioco che avevano promesso che sarebbe stato. Quindi, la domanda è: vale la pena giocare a No Man’s Sky nel 2021? La nostra risposta: assolutamente si! Perché il gioco, così com’è attualmente è quasi irriconoscibile rispetto al gioco a cui hai giocato (e del quale probabilmente sei rimasto deluso) nel 2016.

Per prima cosa, la grafica è sbalorditiva e la generazione procedurale offre costantemente risultati quando si tratta di pianeti. Spaziando da uno splendido paradiso lussureggiante con alberi luminosi e lucciole, o una tundra ghiacciata con ricorrenti tempeste tossiche, ogni nuovo sistema stellare sfoggia un’estetica unica e un terreno che attira sempre l’attenzione. Anche i giocatori con hardware più recente sono fortunati dopo che Hello Games ha rilasciato l’aggiornamento Next Generation per l’ottimizzazione con le nuove console Xbox Series X/S e PlayStation 5, nonché le nuove schede grafiche per PC, lo scorso ottobre.

Contrariamente a come era al momento del rilascio, c’è molto da fare e da scoprire sui pianeti generati da No Man’s Sky. La fauna locale varia da carburante meraviglioso a carburante da incubo, sia a terra che nelle profondità dell’oceano. I pianeti sono solitamente abbondanti in un set unico di materiali, il che incentiva il giocatore a visitare il maggior numero possibile di sistemi stellari. Alcuni potrebbero vederlo come un ciclo monotono, ma la variazione dei pianeti dovrebbe interessare la maggior parte dei giocatori, in particolare i completisti di obiettivi e coloro che cercano di catalogare quante più nuove scoperte possibile.

Il gioco vanta abbastanza modalità di gioco per soddisfare qualsiasi esperienza il giocatore stia cercando. Per coloro che cercano un’esperienza più hardcore e spietata, No Man’s Sky ha una modalità Permadeath che assicura che la tua esperienza sia un’esperienza di brividi, chiamate ravvicinate e posta in gioco alta. Al contrario, il gioco ha una modalità creativa in cui i pericoli dello spazio esterno diventano inesistenti e i materiali utilizzati per la costruzione della base non hanno alcun costo, offrendo ai giocatori una sandbox aperta da esplorare e colonizzare a loro piacimento. Tra queste due ci sono le modalità Normale e Sopravvivenza, con la prima che è l’ esperienza originale di No Man’s Sky e la seconda è più una sfida ma non del tutto al livello di Permadeath.

Quando si tratta di giocare con gli altri, l’elemento multiplayer più comune sarà semplicemente radunare un gruppo di amici per esplorare con te o aiutarti a fare missioni. Se nessuno dei tuoi amici è esperto nell’esplorazione dello spazio, il gioco presenta un hub multiplayer noto come Space Anomaly che apparirà a breve nella storia principale. L’anomalia spaziale è comparativa alla Torre di Destiny e avrà sempre giocatori casuali che vagano in cerca di missioni o semplicemente stanno là per passare il tempo, purché la tua funzione multiplayer sia abilitata.

Inoltre, se tutto ciò che stai cercando è la bassa possibilità di un incontro casuale con un altro giocatore e non ti piace l’idea di formare un clan, puoi semplicemente disattivare la tua funzione multiplayer e vedere cosa succede. C’è anche la nuova modalità Spedizioni che mette diversi viaggiatori su un pianeta e gli fa intraprendere viaggi insieme alla ricerca di ricompense preziose e uniche. Se c’è un vero svantaggio nel multiplayer di gioco, è che non c’è ancora una vera esperienza PVP. Nonostante si sia in grado di avere navi e multitool con vari livelli di danno da infliggere, praticamente tutti i combattimenti saranno contro i robot controllati dalla CPU anziché contro l’opposizione senziente.
La cosa interessante di No Man’s Sky è che il gioco finale è davvero quello che il giocatore vuole che sia. Se il tuo obiettivo è superare la storia principale, allora può essere un’esperienza gratificante di colpi di scena. E se non sei all’altezza del retroscena del perché il tuo Viaggiatore esiste in primo luogo, allora sei libero di goderti l’universo e partecipare a qualsiasi cosa, dall’agricoltura alla creazione della tua base dove puoi immagazzinare materiali e uscire con gli amici. E a partire dal più recente aggiornamento di Frontiers, i pianeti ora hanno insediamenti, piccole città di alieni indigeni, che puoi aiutare in vari modi.
Nonostante l’enfasi sulla raccolta di elementi per creare altri oggetti e ottenere valuta, No Man’s Sky in quello non offriva chissà che ricompense. Come parte del più recente aggiornamento sulle spedizioni, i giocatori ora ricevono quantità più generose di materiali dalle risorse minerarie. In precedenza, creare valuta di gioco richiedeva molto tempo. Ma senza opzioni per le microtransazioni, l’estrazione di materiali era l’unico modo per ottenere i progetti per strumenti più divertenti come veicoli e nuove astronavi. Il fatto che Hello Games lo abbia notato e sia disposto a dare ai giocatori un percorso più breve per fare le cose che vogliono fare, in un’era carica di schemi pay-to-win, è quantomeno encomiabile.

Per riassumere, No Man’s Sky merita sicuramente una giocata se avete tempo o siete semplicemente curiosi. In un mondo pieno di giochi che spesso sono poveri di contenuti ma costano cifre non indifferenti per il nostro portafoglio, un gioco pieno di contenuti divertenti e interessanti come No Man’s Sky è una gradita pausa da tutto il resto offrendoci molte ore di divertimento. E a quanto pare, l’esperienza continuerà a migliorare con il passare del tempo.

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”