IMPOSTORE ci farà dubitare dei nostri stessi amici – Recensione – Lisciani

Intrighi e sotterfugi, vecchie amicizie e nuovi pericoli… Fidarci o no di chi abbiamo accanto? Impostore è un gioco per bambini che farà divertire anche i grandi per la tematica così fuori dall’ordinario.

Impostore recensione
Tabellone

Un gruppo di amici di vecchia data si ritrova dopo moltissimo tempo e decidono di passare un tranquillo weekend di terrore in un campeggio sul lago. Uno di loro non è chi dice di essere ed è veramente malintenzionato… Ritornare a casa sani e salvi sarà un’impresa non da poco!

Di sicuro giochi da tavolo per bambini come questo non avevo mai avuto occasione di vederne. Nessuna pucciosità o mezzi termini: chi sopravvive sarà il vincitore.

Ci ritroveremo dunque a dover usare le armi e la nostra astuzia per sopravvivere all’Impostore e ovviamente l’Impostore dovrà cercare di uccidere tutti gli altri prima che venga scoperto.

Vi ho lasciato senza parole, vero? Non perdetevi il resto allora!

IMPOSTORE COME SI GIOCA…

Dopo aver posizionato il grande tabellone al centro del tavolo che rappresenterà tutta la zona circostante del lago, ogni giocatore pesca a caso una scheda personaggio (due se si gioca in 3) e la mette davanti a se scoperta posizionando sopra i gettoni Skill e Salute. Tutti prendiamo i segnalini dei nostri personaggi e li posizioniamo al Campo Base.

È il momento di preparare le tessere gioco formando una pila con quelle speciali dell’Impostore (Attacco, Super Attacco e Impostore) e altre pile formate da 5 tessere ciascuna prese casualmente. Le pile dovranno essere in numero uguale ai personaggi in gioco. Per non sapere chi prenderà la pila dell’Impostore tutti chiuderemo gli occhi tranne due di noi. Uno mischierà le pile e l’altro controllerà che non imbrogli, poi toccherà ai giocatori successivi fare la stessa cosa. Ora ognuno potrà prendere una pila e scoprire se giocherà come Impostore.

Mischiamo le carte Missione, le carte Evento e i gettoni Arma, collochiamoli coperti accanto il tabellone. Non ci resta che iniziare la nostra avventura!

Impostore recensione
Carte Missione ed Evento

Si comincia pescando ognuno una carta Missione e cercando di raggiungere il luogo in cui serve il nostro intervento, potrà essere la diga, il parco avventura, la stazione di servizio, il ponte radio, il mini market, la segheria, il tiro al bersaglio, la piscina scoperta, il camping area e il molo. Per muoverci tireremo a turno il dado e se capiteremo su una casella Evento prenderemo la relativa carta applicandone subito l’effetto, se invece capiteremo sulla casella Arma ne prenderemo una dalla pila coperta e se finiamo sullo Stop non potremo proseguire il percorso in quel turno.

Impostore recensione
Gettoni arma

Una volta raggiunto il luogo della Missione dovremo leggere a tutti il testo scritto sulla carta. Ognuno inserisce nel sacchetto, raffigurante schizzi di sangue, una tessera gioco; potremo scegliere di aiutare o attaccare (se saremo l’Impostore) il giocatore di turno. Quindi valuteremo se la Missione chiede una prova di Ingegno o di Prontezza o di Vigore e inseriremo la tessera adatta. A questo punto si guardano le tessere e si sommano i valori raggiunti.

Sacchetto

La Missione è risolta se il valore indicato sulla carta è raggiunto dalla somma delle tessere estratte, se non bastassero il giocatore può giocare le sue Skills. Può essere risolta anche se su una tessera è scritto Buona Sorte.
La Missione sarà fallita nel caso in cui non si raggiunge il valore della carta o se il sacchetto dovesse contenere la tessera Attacco o Super Attacco. L’Impostore può usare la tessera Attacco qualora si trovi nella stessa area o in quella adiacente del giocatore di turno e Super Attacco se si trova più lontano.

Una volta scoperte tutte le tessere gioco dal sacchetto verranno rimesse nel mazzo delle tessere avanzate e ogni giocatore ne riprende una a suo piacimento senza mostrarla a nessuno.

Se 5 Missioni falliscono il gioco termina decretando la vittoria all’Impostore altrimenti si procede fino alla quinta Missione (totale tra quelle fallite e quelle risolte) per passare al giorno successivo, ovvero il giorno della resa dei conti!

Infatti qui il gioco cambia drasticamente e ormai ci saremo fatti un’idea di chi potrebbe essere una minaccia per la nostra vita. Le Missioni non serviranno più e le caselle Evento verranno ignorate. In questa fase dovremo armaci fino ai denti e raggiungere quello che noi crediamo essere l’Impostore, attaccarlo fino ad ucciderlo per vincere noi campeggiatori la partita. Se siamo noi L’Impostore faremo la stessa cosa attaccando tutti i personaggi rimasti ancora in vita a patto di stare nella stessa area e di possedere delle armi, se così non fosse potremo prendere l’ascia rivelando però la nostra identità. Se l’Impostore è l’unico sopravvissuto vincerà la partita.

IMPOSTORE – RECENSIONE – Impressioni del gioco

Direste mai che è un gioco per bambini? Magari per il regolamento certo, ma parliamo di dover uccidere per salvarci la pelle.
Proprio per la sua tematica particolarmente cruenta penso che non possa andar bene al pubblico di riferimento. Le armi che abbiamo a disposizione per infliggere ferite all’avversario e il sacchetto nero con raffigurato il sangue potrebbero far storcere il naso a parecchi genitori. Poi capiterà che i nostri figli dovranno agire come l’Impostore, dunque farli operare come criminali potrà non fare felici parecchi adulti giustamente.

È molto simile alle terminologie e figure che usano giocando ad un videogioco… però meno sentita l’idea di uccisioni nel gioco da tavolo; non si vedono di certo scene raccapriccianti. Il divertimento è tenere nascosta la propria identità di Impostore o cercare di scovarlo in tutti i personaggi per infliggergli ferite e metterlo fuori gioco.

Diciamo che Impostore è un gioco per bambini travestito da gioco per grandi che li farà divertire con una suspense da videogame. Certo è che di sicuro non lo consiglierei mai a bimbi di 7 anni, come riportato sulla scatola, ma come meccaniche direi dai 9 anni in su e come tematica non meno di 12 o addirittura 14 anni (stiamo pur sempre parlando di uccidere qualcuno con un cacciavite!).

Quindi abbiamo capito che il gioco è asimmetrico, ovvero non tutti avranno lo stesso compito e che si divide in due cicli ben distinti: il primo è risolvere le missioni per arrivare al secondo dove le armi entrano in azione. Se piace o no questo è solo soggettivo, io l’ho trovato divertente cambiare gioco per spezzare la monotonia di dover fare missioni su missioni. Così c’è la giusta dose di uno e dell’altro.

Non mi ha fatto impazzire la soluzione di dover ripescare negli scarti le tessere gioco usate per aiutare o attaccare i campeggiatori. Se io Impostore mi riprendo una tessera Attacco, chi viene dopo di me, per scegliere a sua volta la tessera, probabile che noterà la mancanza proprio di quella e scoprirà subito che io sono il mal intenzionato.

È abbastanza limitante il numero minimo di giocatori che non deve essere inferiore a tre, fin qui tutto bene, ma se si è solo in tre si dovranno usare due personaggi ciascuno. Potrebbe non essere così facile giostrarsi con il proprio personaggio campeggiatore e il personaggio Impostore.

Il gioco è economico, i materiali quindi non saranno di certo come quelli che siamo abituati a vedere nei più moderni GdT, però devo dire che il tabellone e tutte le tessere sono molto spesse, anche le plance giocatore sono rigide e assolutamente non flessibili. I personaggi in legno sono il top! Il sacchetto è in plastica resistente, ma con i bambini meglio fare attenzione che per aprirlo non lo tirino troppo per evitare strappi laterali. Le carte grandi e robuste. Il dado invece è molto piccolo con la stampa decentrata, ma di legno.

Dunque Impostore è divertente, diverso dai soliti giochi per bambini e funziona molto bene. L’unico cruccio che potrà venirvi è solo se il tema e il numero di giocatori richiesto potrebbe fare al caso dei bambini a cui lo vorreste regalare.

Se vi siete persi l’unboxing cliccate QUI per recuperarlo!

Alessandra1982giochidatavolo

Un ringraziamento all’editore Lisciani per avermi fornito la copia del gioco da recensire.
Alessandra Canini
Alessandra1982giochidatavolo - E' un'avida consumatrice di Giochi da Tavolo, Librigame, LEGO, Serie TV e Blockbuster. Lavora in diversi settori del suo più divertente hobby, ovvero i GdT! Vive nella campagna romana da dove riesce a vedere la Contea. Assidua frequentatrice della cittadina di Arkham nel Massachusetts.