Ring of Elysium – il Battle Royale che in Italia non esiste.

693 views
0

Ring of Elysium – news di Ammuffito

La battaglia prosegue e l’Asia risponde, propone un nuovo PlayerUnknown’s direttamente dall’Indonesia, Nasce ROE, ma cos’è?

Ring of Elysium – Dalla Thailandia con furore!

Una piattaforma sconosciuta in Europa, con il nome di Garena, rilascia un nuovo Battle Royale Free to play, si chiama Ring of Elysium, è 100% Indonesiano, ha una sua trama e in Italia non esiste.

Il download è molto macchinoso e il gioco si presenta in lingua Thailandese, così difficile da non dare nemmeno la possibilità di trovare un icona che ci faccia uscire dalla schermata del gioco, ma le immagini del gioco ci invogliano a continuare.

Ci armiamo di buona volontà e troviamo una patch in inglese con una video guida su Youtube. Seguita la procedura finalmente il gioco diventa abbastanza comprensibile, la schermata iniziale ci offre tre modalità tra cui scegliere, Solo, Coop o Custom, un inventario dove verranno riposti i nostri indumenti, che riceveremo nella sezione shop dove possiamo acquistare le casse, e la sezione statistiche.

LA TRAMA – Europa, una misteriosa compagnia, rapisce gli umani per sperimentare un progetto chiamato “Elysium”, un esperimento per testare lo sviluppo umano attraverso simulazioni realistiche.

Ogni persona rapita diventa un “giocatore” collegato a un sistema di Realtà Virtuale altamente sviluppato e molto pericoloso. Se un giocatore muore nel mondo della simulazione, il giocatore morirà nel mondo reale. A tutti i giocatori verranno dati nuovi ricordi, con una sola condizione di sopravvivenza, il resto deve morire.

L’unica opzione è vincere questa partita combattendo!

IL GAMEPLAY – Start! In soli 15 secondi partiamo con una Solo per prendere confidenza con i comandi.

60 persone, una mappa dalle dimensioni difficili da comprendere, un meteo variabile e un deltaplano che ci porterà alla guerra, appena scendiamo notare la somiglianza a PUBG è inevitabile, comandi completamente uguali e armi molto simili.

La mappa di ROE

Pur avendo un numero minore di giocatori nella mappa rispetto ad altri Battle Royal,  ROE riesce ad offrire dei combattimenti veloci simili a quelli di Fortnite, il Loot all’interno degli edifici è buono, pur essendo un progetto nuovo è ammirevole come già esista la possibilità di scavalcare ostacoli che invece su PUBG è stata implementata da poco. I veicoli sono molti e trovarne uno molto originale per raggiungere la Save non è affatto difficile.

La mancanza degli air drop si sente davvero troppo.

LA GRAFICA – Davvero sorprendente il motore grafico su cui è stato sviluppato il gioco, ambienti e scenari ben curati per essere un free to play appena nato, molto simile a PUBG riesce a dare una buona impressione iniziale, il meteo variabile è di certo una buona idea ma la pioggia potrebbe creare pesantezza a livello di hardware.

IL COMBATTIMENTO – Semplice, preciso ma da vicino, avete capito bene, scordatevi di fare gli sniper con un 8X da 700 metri, è indescrivibile come sia brutto questo bug grafico, ve lo lascio provare con le lacrime agli occhi come se stessi mordendo cipolle.

Finalmente un Hit Marker alla Call Of Duty e la possibilità di cambiare ottiche alla nostra arma con un semplice Ctrl+V anche mentre si sta già tenendo sotto tiro l’avversario.

Risulta essere, per i giocatori più esperti, intuitivo e gustoso così da dare la possibilità di vincere spesso, ma con una buona dose di ardenalina.

La prima partita

I BUG – Pensavo di trovarne molti di più, ma ciò che non ho potuto fare a meno di notare è la fisica dei veicoli e la loro risposta ai comandi, che sia un problema di connessione? Sicuramente un gioco da giocare ancora un po’ per fare considerazioni approfondite.

Restate sintonizzati per ulteriori news a riguardo, e nel frattempo diteci cosa ne pensate nei commenti!

About author

Ammuffito

Ammuffito: Concepito tra l'aberrazione e il caos, rappresenta lo stereotipo sbagliato del bravo ragazzo. Viandante eterno tra occultismo ed esoterismo, trascorre le sue giornate immerso nella lettura, videogame, serie TV, musica e gatti. I pochi temerari avventurieri che sono sopravvissuti, narrano che nelle sue segrete Esso racchiuda gli spiriti dell'essenza Geek e Nerd dotati di un'aura potentissima, da cui assorbe energia e conoscenza. Brama articoli tecnologici di cui ne scrive recensioni e ama gli FPS dal primo DOOM in floppy. Il suo motto: Non Hackerare agli altri quello che non vorresti fosse Hackerato a te... - PROFILO AMAZON