Valkyria Chronicles Remastered – Recensione – PS4

17 views
0

Valkyria Chronicles Remastered – recensione di Valentina Akemimas

La prima versione di Valkyria Chronicles uscì nel lontano 2008, venendo amata dagli estimatori del genere strategico ed ignorata dal resto del pubblico. Dopo una riedizione su PC per espandare l’utenza anche ai pc-gamers, SEGA decide di dedicare al titolo una rimasterizzazione su Playstation 4, presente sugli scaffali dal 17 Maggio 2016. Quest’oggi ci proponiamo di analizzarne pro e contro per decretare quanto gli sforzi della software house siano serviti a dare la giusta luce ad un titolo fino ad oggi dimenticato.

Valkyria Chronicles Remastered – La nazione neutrale.

L’Europa degli anni 30 è scossa dalla Seconda Guerra Europea, dove la Federazione deve difendere il continente dagli attacchi dell’Impero, interessato ad un minerale prezioso e disposto a tutto per ottenerlo.

Le mosse della superpotenza coinvolgono anche la Gallia, nazione indipendente e neutrale, costretta a scendere in guerra dopo un attacco subito.

Welkins, giovane spensierato ed amante della natura, ed Alicia, ragazza determinata e buona fino al midollo, sono i nostri protagonisti che, circondati da amici e sostenitori, comporranno lo Squadrone 7.

La storia si incentra su di loro, sulla loro crescita personale durante lo scorrere della guerra e sulla ricerca della comprensione delle mire dell’Impero, composto da personaggi loschi, malvagi e pronti a tutto.

Il tono della narrazione è sapientemente alternato tra fasi di leggerezza, come dialoghi e battute tra i personaggi, ed altre più pesanti, con scene di perdita e dimostrazioni di quanto la guerra può essere drammatica. Il tutto prosegue fino ad un finale ben scritto, forse prevedibile, ma senz’altro coinvolgente.

Valkyria Chronicles Remastered – Alleati e nemici.

Valkyria Chronicles è uno strategico e come tale richiede ragionamento e dedizione. Abbiamo due fasi principali in game: il quartier generale e il campo di battaglia.

Nel quartier generale possiamo far sviluppare armi da equipaggiare ai soldati per migliorarne le prestazioni, leggere il giornale per restare aggiornati sullo svolgimento della guerra, visitare i caduti per apprendere importanti lezioni e ultimo, ma non meno importante, decidere chi ci seguirà in battaglia. Infatti lo Squadrone 7 può essere composto da molti personaggi diversi, ognuno con un nome, un’identità, un’abilità, una classe e quindi una resa sul campo ben precisa. Condurre in battaglia le persone giuste non solo porterà alla vittoria ma eviterà anche ingenti perdite: la particolarità di Valkyria Chronicles è infatti la morte permanente del personaggio la cui vita giunge a 0.

Sul campo di battaglia dovremo posizionare personalmente ogni soldato, farlo attaccare e fare in modo che venga colpito il meno possibile. Dopo averci mostrato una piccola mappa con sopra la posizione alleate e nemica, dove potremo selezionare il personaggio da muovere, la visuale si sposterà in terza persona e avremo una resistenza da sfruttare per far avanzare il soldato. La resistenza va ben calcolata e sfruttata per non lasciare in pasto al nemico le nostre fila e dovremo anche puntare noi stessi l’arma contro l’avversario e fare fuoco. Una volta concluso il turno, toccherà all’Impero rispondere e dovremo attendere che la nazione abbia terminato prima di muoverci nuovamente.

Il gioco propone molti di tipi di soldati diversi, divisi in classi e ciascuno con un compito ben preciso e un’abilità particolare: gli Scout hanno più resistenza e possono arrivare più lontano, tuttavia hanno una potenza di fuoco limitata; gli Shocktrooper sono forti con le armi ma “corti di gamba”, quindi si muovono poco e limitatamente; gli Sniper sono appunto cecchini ed in quanto tali colpiscono meglio dalla distanza ecc.

Saper utilizzare tutti i personaggi e saperli alternare nel giusto ordine è fondamentale per la riuscita della battaglia. Il titolo propone anche l’utilizzo di un carro armato, utile contro gruppi di nemici ingenti ma per nulla invincibile e che va quindi attrezzato correttamente e tutelato in battaglia.

Valkyria Chronicles Remastered – Il peccato della traduzione.

Lo stile grafico di Valkyria Chronicles salta subito all’occhio: il cell shading è di ottima fattura, con disegni ben realizzati, personaggi caratteristici, ambientazioni abbastanza curate e una cromatura eccellente. Il lato tecnico non presente gravi carenze, durante le battaglie non vi ritroverete ad incorrere in bug che annullino i vostri progressi e il tutto filerà liscio e sarà interamente nelle vostre mani.

La colonna sonora è buona, non presenta brani eccellenti ma si fa ascoltare.

Il vero difetto della produzione e fattore pregiudicante la diffusione della Remastered è l’assenza, come nella versione originale per PS3, del doppiaggio italiano o quantomeno dei sottotitoli. Potremo ascoltare l’audio giapponese o inglese, mentre le scritte a schermo saranno rigorosamente inglesi. Questo è un peccato, visto che molti non si avvicinano al gioco proprio per questo motivo.

Valkyria Chronicles Remastered – La pazienza è una virtù.

La curva di apprendimento di Valkyria Chronicles è ben delineata: le prime battaglie sono più abbordabili ma ben presto il gioco diventa impegnativo e risulta molto difficile riuscire, soprattutto nella fasi finali, a giungere alla vittoria al primo colpo (…in realtà anche al secondo -ndr).

Vista la difficoltà considerevole da metà in poi e l’impegno che gestire lo squadrone richiede, 30 ore sono quelle minime richieste per completare l’avventura; a mio modo di vedere la durata è giusta in relazione al prodotto e non vi annoierete mai, a meno che non siate persone che si frustrano particolarmente dopo una sconfitta.

Il prezzo irrisorio di vendita di Valkyria Chronicles Remastered aiuta certamente a considerarne l’acquisto, poiché al giorno d’oggi 25 euro per un titolo nuovo sono veramente pochi.

Vi alleghiamo una recensione fatta nell’anno di uscita del gioco, carica di entusiasmo ma dove la sostanza rappresentata in questa recensione testuale rimane invariata!

Articolo a cura di Nerdream.it
Data
Titolo
Valkyria Chronicles Remastered
Voto
51star1star1star1star1star

Valkyria Chronicles Remastered – Recensione – PS4

Valkyria Chronicles Remastered – Recensione – PS4
9.5

Editor Rating

 

Valkyria Chronicles Remastered

IN SINTESI

Valkyria Chronicles Remastered è una buona idea, che riporta un titolo validissimo nel suo genere ma che lo fa con alcune carenze, come la localizzazione italiana. Tuttavia, per gli estimatori dello strategico o per chi fosse incuriosito dal genere, è un gioco obbligatorio.

PRO

  • Storia ben narrata
  • Formula ludica eccelsa
  • Durata in linea col genere

CONTRO

  • Mancata localizzazione italiana
  • Difficoltà tendenzialmente elevata e proibitiva per i "nuovi" del genere
About author

akemimas

Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Frase chiave per interagire con lei? "Ognuno ha la sua opinione".