Beyond: Due Anime – Recensione (PS3 – PS4) – A Spasso con Lara

Beyond: Due Anime – Recensione (PS3 – PS4) – A Spasso con Lara

Recensione del gioco Beyond: Due Anime, a cura di LaraPadawan

I SOGNI DELLA QUANTIC DREAM

Dopo avervi parlato del bellissimo e indimenticabile Heavy Rain, eccomi qui a esprimere tutto il mio consenso per un altro capolavoro firmato “Quantic Dream” ovvero Beyond: Due Anime.

Uscito nel 2013 su Play Station 3, feci l’enorme sbaglio di non considerarlo per niente, ma ho avuto la possibilità di recuperarlo su Play Station 4 e con mia grande sorpresa ne sono rimasta letteralmente rapita.

Non si può fare un paragone con il predecessore, perché qui il tema portante è totalmente differente; lì avevamo di fronte un thriller psicologico, qui affrontiamo la tematica della morte e quel che succede una volta “passati oltre”.

maxresdefaultIl contributo di attori di spessore come il bravo Willem Dafoe ed Ellen Page (riprodotti minuziosamente per il gioco) contribuiscono alla riuscita di questo titolo, ovviamente molto cinematografico.

LA STORIA

Nathan Dawkins (Willem Dafoe) è uno scienziato del governo che studia i poteri inspiegabili di Jodie Holmes (Ellen Page) arrivata al laboratorio di quest’ultimo in tenera età.

Dawkins diventerà praticamente il padre adottivo della bambina, che crescendo sentirà sempre più il bisogno di una vita normale.

57s6beyondApprofondiamo un po la storia di Jodie e di altri due personaggi che l’accompagneranno in questa avventura… Sin dalla nascita Jodie è connessa con un’entità soprannaturale, di nome Aiden, che con i suoi poteri la difende da qualsiasi pericolo (non voglio svelarvi di più perché è da giocare non da raccontare).

Abbiamo poi il belloccio della situazione, ossia l’agente della CIA Ryan Clayton, interpretato dall’attore Eric Winter, incaricato di formare una giovane Jodie per metterla, con il contributo fondamentale di Aiden, al servizio del governo in missioni altamente pericolose.

IL GIOCO


Anche in questo titolo le decisioni avranno le loro conseguenze
, il gioco infatti fonda le sue basi sul meccanismo delle scelte multiple, che influenzeranno lo scorrere degli eventi e sui temutissimi quick time events, che daranno quel pizzico di adrenalina che non guasta alle produzioni di questo tipo (che se fossero incentrate solo sui dialoghi potrebbero portare alla noia). Fortunatamente i personaggi sono ben caratterizzati e gli attori che hanno prestato i loro volti al gioco sono riprodotti con una fedeltà eccezionale.

Inoltre grazie all’ottimo porting da PS3 a PS4 si può ora godere di effetti di luce notevolmente migliorati ed un frame rate davvero costante sui 30fps a 1080p rendono un già buon comparto tecnico ancor più interessante e visivamente accattivante.

beyond-due-anime-300x200Alla fine di ogni capitolo è stato aggiunto un riepilogo che permette di confrontare le proprie scelte con quelle di altri giocatori, sistema usato anche dai titoli TellTale, cosa che sicuramente incuriosice e può talvolta aumentare il livello della longevità, ispirando il giocatore a provare nuove strade da intraprendere nel gioco.

In conclusione se cercate un titolo capace di farvi riflettere ed amate il mondo del cinema, beh allora questo è il gioco giusto per voi!

MYNERDOMETRO 4/5 nerdometronerdometronerdometronerdometro nerdometro2

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: LaraPadawan

Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!” CANALE YOUTUBE CANALE TWITCH PAGINA FACEBOOK PROFILO TWITTER

2 thoughts on “Beyond: Due Anime – Recensione (PS3 – PS4) – A Spasso con Lara

    Marco Talenti

    (14 novembre 2016 - 20:26)

    Bellissimo gioco Lara, mi sono recuperato il tuo gameplay,ottimo concorso su tutto quello che hai scritto.

    LaraPadawan

    (15 novembre 2016 - 9:47)

    Grazie Marco lieta ti sia piaciuto 🙂

Lascia un commento