The Young Pope – Episodi 1 e 2 – SlowFood TV

The Young Pope – Episodi 1 e 2 – SlowFood TV

Recensione senza spoiler dei primi due episodi della serie SKY Atlantic firmata da Paolo Sorrentino.

DAL VANGELO SECONDO PAOLO

Se non fosse stato reso noto il fatto che dietro “The Young Pope” ci fosse la mano di Paolo Sorrentino siamo sicuri che in molti avrebbero comunque assegnato questa paternità alla serie andata in onda su SKY Atlantic Venerdì 21 Ottobre con i primi due episodi.

Ed allora è semplice iniziare dicendo che le critiche si divideranno come le acque di Mosè con i Sorrentiniani da una sponda e gli anti-Sorrentiniani dall’altra. Se volessimo stare nel mezzo, lo diciamo subito, chiederemmo ai detrattori del regista di dare una chance alla serie.

Se volessimo stare nel mezzo, lo diciamo subito, chiederemmo ai detrattori del regista di dare una chance alla serie.

Per quanto lo stile inconfondibile del regista, la sua lentezza e la sua follia siano insite nei primi due episodi, siamo certi che potrebbe valere la pena chiudere un occhio e stringere i denti nei momenti più “indigesti” agli amanti della praticità (assente almeno fin qui).

CAST AWAY

6aedcad550Non vogliamo parlare del film con Tom Hanks, ma dirvi piuttosto che il cast è lontano dai cast delle serie tradizionali, perchè abbiamo nomi che potrebbero benissimo finire nella lista casting di un film internazionale da oscar.

Se non vi bastasse trovare il nome di Jude Law, sappiate che avrete a che fare anche con una Diane Keaton sugli scudi, un Silvio Orlando mai banale e James Cromwell, giusto per citare i principali.

HBO, Canal+ e SKY si sono davvero fatti in quattro, riuscendo a vendere The Young Pope in oltre 80 paesi ed a gettare le basi per un qualcosa che potrebbe rimanere impresso nella storia delle serie TV sia per la qualità che per la serie di controversie che genererà.

IL PULCINO PIO XIII

Come promesso non vi spoileriamo nulla della trama, ma un accenno ai personaggi ci sta. Le vicende andranno ad immaginare l’arrivo di un nuovo Papa, nominato Pio XIII, interpretato appunto da Law, giovane ed americano, che nasconderà dentro di se misteri, vizi e virtù, andando ad incastonarsi nel fragile equilibrio di una chiesa cattolica altrettanto oscura e misteriosa sotto numerosi aspetti.

Tra dialoghi che spesso saranno veri e propri incontri di fioretto e scene ai limiti dell’assurdo ma cui si potrà sempre trovare un significato recondito, l’impatto finale sullo spettatore c’è, ed è massivo.

Alla fine prevalgono sensazioni come stupore e voglia di capirci di più, di proseguire nel racconto della storia per avere un quadro più completo del presente e del futuro delle scene narrate.

Vi invitiamo dunque alla visione di The Young Pope senza remore alcune, benchè convinti che questo non sia un prodotto facile da gestire e digerire.

Diteci come sempre la vostra se vi va…

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”

Lascia un commento