Dice Hospital – Recensione e Tutorial – Alley Cat Games

Dice Hospital – Recensione

“Dottore chiami un Dottore!”. Infermieri e specialisti sono attesi in sala operatoria, un paziente dado è in gravi condizioni. Servono tutto il tuo ingegno e la tua capacità gestionali per far funzionare al meglio il divertentissimo Dice Hospital.

Dice Hospital è un gioco di dadi e strategia per 1-4 giocatori, ideato dal duo Kordonsky-Nudd, dalla durata media di circa 45-90 minuti per partita, in base a quale modalità di gioco si decide di affrontare. Le dinamiche di gioco sono molto semplici, una volta capito il meccanismo tutto fila liscio, anche se incastrare al meglio tutte le azioni a disposizione richiede una certa esperienza ed attitudine per questo genere di gioco; quindi, il 10+ sulla scatola lo ritengo corretto.

Meeple chiami un meeple!

Le meccaniche di gioco prevedono l’utilizzo massiccio di dadi e del piazzamento lavoratori, i quali riescono a creare un ottimo mix di alea e strategia pianificata. Se infatti il lancio dei dadi e la conseguente scelta dell’ambulanza sono lasciate un po’ al caso, tutto il resto è farina del sacco dei giocatori: scegliere il giusto avanzamento ad ogni turno è fondamentale per poter utilizzare correttamente tutti i meeple a disposizione.

COME SI GIOCA A DICE HOSPITAL…

Ma non perdiamo altro tempo e andiamo subito a vedere come si gioca ad Dice Hospital, grazie al mio video tutorial proprio qui sotto, in cui vi spiego il regolamento nel dettaglio. Fatto ciò, potrete scorrere l’articolo e scoprire le mie impressioni sul gioco!

LE MIE IMPRESSIONI SU DICE HOSPITAL…

Dice Hospital l’ho cercato per mesi, anzi per anni. Non vi è mai capitato di volere a tutti i costi un gioco, perchè sapete con certezza che vi piacerà un sacco? Ecco, dopo tutto questo tempo, finalmente sono riuscito a reperirlo e, neanche a dirlo, Dice Hospital non mi piace tanto, ma tantissimo. Dadi, dadi, un trionfo di dadi: il fascino del dado che “po’ esse piuma o po’ esse fero” è qualcosa di irresistibile, e se poi lo abbiniamo alla meccanica del piazzamento lavoratori… beh, wow!

Dice Hospital è un gioco che entra perfettamente nelle mie corde e rappresenta al meglio i miei gusti ludici, cercare di sopperire alla sfortuna con acrobazie intellettuali è da sempre una mia grande passione e stimolo per cercare di dare sempre il meglio. Il gioco prima “decide” quali dadi offrire per il turno in corso, poi sta a te ed alle tue abilità strategiche tentare di far quadrare il cerchio.

Escludendo la scelta dei miglioramenti dell’ospedale (che nasconde una grande dose strategica), Dice Hospital è uno straordinario solitario di gruppo, in cui ognuno lavora indisturbato nel tentativo di guarire più pazienti possibile, evitandone così la morte. Mi vien da dire che molti tratti del gioco fanno pensare anche ad un puzzle-game, in quanto la fase di attivazione dell’ospedale è un vero e proprio rompicapo gigante. Rompicapo e gioco che offrono così una variabilità veramente di alto livello, grazie ai tanti componenti presenti nella scatola: i poteri passivi dei direttori, le diverse abilità degli specialisti, i tanti reparti aggiuntivi e le numerosi varianti di gioco, di cui gli Eventi sono senza dubbio il top.

Dettaglio di gioco

Ho accennato ai componenti e, pur non essendo ahimè la versione deluxe con le ambulanze (che belle!), Dice Hospital offre dei materiali di tutto rispetto; del resto, quando metti insieme esagoni, dadi e meeple in legno sagomati, cosa può andare storto? E se la variabilità del gioco non ha affatto deluso, neanche la scalabilità lo fa: essendo un gioco con pochissima interazione tra i giocatori, ogni configurazione gira praticamente allo stesso modo, bene. Anche il solitario è molto piacevole, stesso flusso di gioco ma con l’aggiunta di carte apposite.

Difetti? Mah, sicuramente coloro che non amano i solitari di gruppo avranno difficoltà a digerire le partite in multigiocatore a Dice Hospital, ma consiglio di provarlo nonostante tutto, anche perchè giocarlo in solitario potrebbe alzarne di molto la reputazione. E viste le meccaniche di gioco, giocare in solo potrebbe rappresentare a sorpresa la modalità principe per il gioco della Alley Cat Games. Altro difetto teorico è la presenza fisiologica dell’alea, con così tanti dadi da lanciare e con l’impossibilità di modificarne il risultato. Ma da qui nasce proprio la parte più stimolante di tutto il gioco, ovvero fare di necessità virtù e fare il meglio con ciò che si ha a disposizione. C’è a chi piace e a chi no, vige sempre la legge del “de gustibus”.

E quindi, vuoi sapere cosa penso in conclusione di Dice Hospital? Scoprilo qui sotto nel riquadro del giudizio globale!

Un enorme grazie a TE per avermi dedicato qualche minuto del tuo tempo ed aver letto questo articolo! Ti ricordo che puoi seguirmi anche su Instagram (AleboardGamer) e su Youtube (La Ludoteca di Aleboardgamer). Ci si vede al prossimo articolo!

Alessandro “AleBoardGamer” Pugliese

Alessandro Pugliese
Classe '83, fiero torinese ed assiduo instagramer con lo pseudonimo "aleboardgamer", si diverte a spiegare regolamenti sul suo canale Youtube "La Ludoteca di AleBoardGamer". Amante dei giochi da tavolo sin dalla tenera età di sei anni quando gli vennero regalati titoli d'antologia come Brivido, Hero Quest e L'isola di Fuoco, la sua missione è quella di espandere il credo dei boardgames per distogliere l'attenzione dagli smartphones e convincere le persone a riunirsi attorno ad un tavolo per socializzare, sviluppare l'ingegno e soprattutto divertirsi.