Weiß Kreuz – Un viaggio nei problemi dei killer prezzolati – parte 9 – Finale

Questa settimana gran finale di Weiß Kreuz, ragazzi, reggetevi forte perché proverete emozioni mai provate prima.

Nel corso di questa ultima puntata di Weiß Kreuz, i Weiß si accordano per fare irruzione nel luogo dove la Estet farà il rituale.

Vi tralascio tutti i particolari dell’assurda irruzione in un posto pieno di guardie con un telepate e un veggente, vorrei ricordare, fatto sta che dopo numerose morti e pericoli scampati i quattro si dividono e Omi finisce in una stanza piena di raggi laser attivati stile Entrapment.

Io penso “Vai, c’è la scena d’azione di Omi che evita i raggi per non far scattare l’allarme.” Sì, come no. Omi scivola subito facendo scattare tutte le sirene possibili. E il bello è che ciò non comporta nulla, perché i Weiß arrivano dai membri della Estet e non importa che questi abbiano poteri quasi pari a quelli degli Schwarz e pari perfino alla Force di Star Wars, non importa, i nostri quattro eroi li ammazzano tutti tranne uno.

Il vecchio avanzato scappa nascondendosi in un passaggio segreto che non aveva ragione nessuna per essere situato lì e che non poteva essere azionato da nulla. Ma continuiamo. Fino ad ora una parte del rituale era stata cominciata, interrotta poi dall’arrivo dei Weiß ma, quando Aya si avvicina al tavolo dove pensa di riabbracciare sua sorella, scopre invece che il rituale stava per essere eseguito su Sakura. Eh, che colpo di scena.

Dopo una squallida scena d’amore represso tra Aya e Sakura che non volevo proprio vedere, passiamo di nuovo alle risate col vecchio di fronte agli Schwarz. Questi, finalmente, si rivelano per quello che sono: potenti creature alle quali non frega nulla di lavorare per qualcuno. Brad infatti comunica che il rituale lo eseguiranno loro stessi e che non hanno bisogno della Estet per governare il mondo.

E infatti Brad fa un discorso senza una piega; santo cielo, è logico che loro siano creature in grado di governare il mondo, in un cartone serio chi potrebbe fermarli? Ma bello. Il vecchio ha di fronte Farfarello che lo guarda come solo lui sa guardare brandendo il suo lungo stiletto. Commento del vecchio: “Quali sono le tue intenzioni?

Ma buon uomo, l’hai guardato bene? Cosa pensi voglia farti? Non so se il vecchio abbia avuto il tempo di rispondersi. Schuldig commenta “Adesso non ci sono più ostacoli” e i Weiß comparendo “E noi chi siamo?

La risata successiva che vi scaturirà spontanea dipenderà da questa visione dei quattro Weiß con in mezzo a loro Sakura che si sono portati dietro…perché? Nella speranza che muoia? Ma che testa hanno? Tra le idiozie di questi ultimi minuti di combattimento c’è il fatto che Manx (tizia membro della Kritiker e amica dei Weiß) spara a Brad. Spara ad un veggente, certo. Si vede che era distratto ma, chissà perché, non mi sento di dire che Brad si distrae facilmente.

Amo ancora di più Farfarello mentre sbatte la testa di Ken contro il muro. Ripetutamente. E poi prende a calci Omi. Che meraviglia. Il finale di Weiß Kreuz fa schifo, ve lo dico con molto tatto. Come potevano risolvere questa situazione? Ma facendo crollare tutto il palazzo su tutti i personaggi (tranne Sakura, la sorella di Aya e Manx) che vengono sepolti dalle macerie e finiscono pure sott’acqua.

Grazie, bello. Ma non solo. La sorella di Aya si risveglia proprio mentre tutto crolla e saltella vicino a Sakura come fosse una marmottina (è stata in coma solo due anni, eh?) e Sakura le racconta subito tutto ciò che è successo mentre lei dormiva. Chissà come sarà contenta Aya di ascoltare le belle notizie. Fortunatamente a noi viene risparmiato almeno questo.

Ma non ci viene risparmiato il finalino a sorpresa; quello in cui tutto torna sereno con Sakura che riprende la scuola e Aya che decide di occuparsi del negozio di fiori. Da un’altra parte, sulla scena di un crimine, compaiono quattro ragazzi (sì, sì, proprio loro) che minacciano i delinquenti di turno promettendo di ristabilire la legge.

Sì, va bene. Ma gli Schwarz? Chi cavolo vi ha detto che a noi interessa sapere cosa ne è stato di questi quattro e non degli Schwarz? Ma come vi permettete? Nagi, col potere che ha, è finito sotto le macerie? Ovviamente no, se si sono salvati ‘sti quattro fessi… E allora perché non dirci dove sono gli altri? Sono molto infastidita. Al di là del fatto che le trame sono terribili, penso sia questo l’aspetto più fastidioso dell’anime: l’aver creato personaggi invincibili (soprattutto in gruppo) e di non aver dato loro giustizia. Va beh…è finita.

In compenso vi dico, con tutta la serietà possibile, che i due OAV sono da guardare. Bella grafica, trama interessante e scene scorrevoli, non “saltellanti” come nell’anime dove, soprattutto nell’azione, si usano i fotogrammi fissi. I personaggi e le loro sensazioni sono più curati e, devo ammetterlo, perfino Ken e Omi ci guadagnano. Quindi, di fatto, sono bellissimi personaggi tutti, purtroppo mal utilizzati. Mi sarebbe piaciuto vedere gli Schwarz in un OAV, ma tanto nessuno mi ascolta mai.

Grazie a tutti per avermi tenuto compagnia in questo lungo viaggio nei problemi dei killer prezzolati e se avete voglia di farmi sapere cosa pensate dell’anime, se l’avete mai visto, commentate pure qui sotto. A presto!

Len Irusu
Scrivere rappresenta tutto ciò che sono, il resto è aria. Conviviamo in tanti nella mia testa e stiamo tutti una favola. Amo ciò che si lascia interpretare: non ho bisogno di sapere tutto, ditemi qualcosa, il resto me lo invento io. Libri, film, serie tv, videogiochi, manga, comics, anime, cartoni, musica... da tutto ciò che è intrattenimento posso imparare tanto e posso soprattutto trarre ispirazione, quindi ringrazio che esista. Ciò non significa che io non possa criticare anche ciò che amo, lo amo ugualmente senza per quello esserne accecata. It's fine to be weird. Live free or die. Canzoni della mia vita: The Riddle (Five for Fighting), Una Chiave (Caparezza), Dream (Priscilla Ahn). Film della mia vita: Donnie Darko, Predestination, Big Fish, The Shape of Water, Men & Chicken... Non esistono sessi, non esiste una sola forma d'amore, non è tutto bianco, non deve sempre vincere la maggioranza se la maggioranza è ferma nel Medioevo.