Dogtooth (2009) – Speciale sul film di Yorgos Lanthimos

Dogtooth
Dogtooth

Dogtooth un film di Yorgos Lanthimos. Lungometraggio greco che ha vinto Un certain regard al Festival di Cannes. Grazie alla collaborazione con Koch Media siamo entrati in possesso del Blu-Ray.

Dogtooth (2009) - Speciale sul film di Yorgos Lanthimos Cinema Cinema & TV Recensioni Tutte le Reviews
Dogtooth di Yorgos Lanthimos

Dogtooth – Alcune informazioni sulla trama

Il film si apre con tre figli adulti riuniti intorno ad un registratore che spara parole e le loro definizioni. Non sarebbe un’apertura interessante se non fosse che la parola “mare” è descritta come “una grande poltrona in pelle”. Più avanti nel film, sentiamo una delle figlie chiedere alla madre di “passarle il telefono”, gesticolando verso la saliera. Questo film si concentra su una famiglia inquietantemente protetta e istruita in casa, composta da madre, padre, due figlie e un figlio.

I nomi non vengono mai menzionati, anche se in più occasioni una delle figlie viene chiamata “la maggiore”, portando lo spettatore a chiedersi se le sia mai stato dato un nome. La madre non esce mai di casa. Il severo padre va al lavoro ogni giorno e fa tutte le commissioni, assicurandosi di fermarsi al cassonetto di fronte alla loro tenuta per tagliare le etichette della spesa. Non viene mai spiegato perché i genitori tengono il guinzaglio così stretto ai loro figli. Bizzarro che il padre porti a casa una prostituta per il figlio, che la usa come forma di sfogo sessuale. In contrapposizione un gattino che si avventura nel loro cortile può scioccare il quieto vivere della famiglia.

In Dogtooth i genitori creano un mondo totalmente insulare, stranamente teatrale e talvolta brutale per i loro figli. Fino a che punto questo spettacolo dell’orrore, comicamente nero e quasi dadaista, rivela verità più ampie su ciò che possiamo definire, famiglie “patogene” di oggi?

Scopriamo qualcosa in più su Yorgos Lanthimos

Lo sceneggiatore-regista Yorgos Lanthimos dimostra di essere un manipolatore del pubblico alla pari di Michael Haneke, che incasina le nostre teste in modi che sono sia brillanti (Cache) che efferati (Funny Games). Lanthimos dispone con cura ogni fotogramma, spesso lasciando l’azione cruciale appena oltre il bordo dello schermo. È una tecnica esasperata fin dall’inizio, vorresti che lui facesse una panoramica o inclinasse la macchina da presa in quel punto definito, ma alla fine ti rendi conto che il regista ci sta trattando come questi genitori trattano i bambini. Ci permette di vedere solo quello che vuole, non quello di cui abbiamo “bisogno”.

Dogtooth (2009) - Speciale sul film di Yorgos Lanthimos Cinema Cinema & TV Recensioni Tutte le Reviews
Scena tratta da Dogtooth di Yorgos Lanthimos

Qualcosa in più sulla trama di Dogtooth

Diventa sempre più chiaro che uno di questi ragazzi sta per scattare, solo che non si è sicuri di quale, e quando. È interessante che i genitori comincino a perdere il controllo quando lasciano che il sesso scivoli nel loro mondo claustrale. Hanno ingaggiato una donna per venire a “servire” il loro figlio una volta alla settimana e la sua presenza ha un effetto a catena su tutta la famiglia. Lei è essenzialmente il serpente nel loro squilibrato giardino dell’Eden.

Dogtooth flirta con il sadismo, ma è molto più di una trovata malata. Il film alla fine funziona come un’intensa allegoria, non solo di come i genitori arriveranno a espedienti assurdi per controllare i loro figli, ma anche della depravazione dell’autoritarismo in generale. Dogtooth denuncia la repressione in tutte le sue forme, suggerendo che è un modo sicuro per trasformare la società in una polveriera.

Dogtooth, Yorgos Lanthimos e il Fascismo

Lanthimos potrebbe non aver consapevolmente inteso il suo claustrofobico dramma familiare come un’allegoria del fascismo, ma è sorprendente quanto da vicino la famiglia Dogtooth assomigli effettivamente a una sorta di stato totalitario. Come la Germania di Hitler, la casa di Dogtooth è uno stato chiuso che si fonda su valori “tradizionali”. Ci si aspetta che le due figlie siano pudiche mentre il figlio è coccolato. Si insegna loro che il mondo esterno è pericoloso e può distruggerli. In una scena sconvolgente, il padre riesce a convincere la sua prole che i gatti domestici sono il loro nemico mortale, un predatore che deve essere evitato a tutti i costi. Cito Umberto Eco:

Tutti i libri scolastici nazisti o fascisti facevano uso di un vocabolario impoverito e di una sintassi elementare, al fine di limitare gli strumenti per un ragionamento complesso e critico. Ma dobbiamo essere pronti a identificare altri tipi di Newspeak, anche se prendono la forma apparentemente innocente di un talk show popolare.

Dogtooth potrebbe essere letto, quindi, come un avvertimento contro il fascismo e il controllo del pensiero in tutte le sue forme. Potremmo non vivere in uno stato fascista come la Germania nazista o l’Italia di Mussolini, ma vale la pena essere vigili per i segnali di avvertimento che potrebbero portare ad un sistema così orribile. O, per vederla in un altro modo, Dogtooth dimostra che il peggior tipo di genitori può iniziare ad assomigliare ad un paese guidato da un leader totalitario.

Dogtooth (2009) - Speciale sul film di Yorgos Lanthimos Cinema Cinema & TV Recensioni Tutte le Reviews
Immagine tratta dal film DogTooth

La svolta positiva

In entrambe le letture, la conclusione di Dogtooth è sorprendentemente ottimista. Attraverso mezzi illeciti, la figlia maggiore (Angeliki Papoulia) acquisisce alcuni film di Hollywood in videocassetta, e attraverso di essi, comincia a trovare il linguaggio per esprimere se stessa. La realizzazione del fatto che ha bisogno di fuggire dai confini soffocanti della casa. Per quanto ci provino, il padre e la madre non possono impedire che il mondo reale, con tutto il suo slang, i suoi colori e le sue tentazioni, si infiltri nella piccola isola che hanno creato per i loro figli.
Che sia nello Stato o in una famiglia, Lanthimos sembra dire, il fascismo è destinato a fallire.

Dogtooth (2009) - Speciale sul film di Yorgos Lanthimos Cinema Cinema & TV Recensioni Tutte le Reviews
Scena tratta da Dogtooth di Yorgos Lanthimos

Conclusioni su Dogtooth e Yorgos Lanthimos

Come i film successivi di Lanthimos, tra cui The Lobster e Killing Of A Sacred Deer, Dogtooth non ha esattamente fretta di spiegarsi al suo pubblico. Alcuni spettatori potrebbero trovarlo frustrante e vago, anche se è possibile leggervi ogni tipo di significato. Perché un marito e una moglie altrimenti intelligenti e benestanti decidono di esercitare un’influenza così brutale e dannosa sui loro figli? Qualche trauma collettivo li ha spinti a trasformare la loro lussuosa casa in un recinto, o è tutto nato da un conservatorismo fuorviante?

I significati precisi di Dogtooth sono discutibili, ma per questo scrittore, la più grande forza del film è la sua esplorazione del linguaggio. Può essere manipolatore e paradossale, ma allo stesso tempo è potente e delicato. Dogtooth espone tutto questo nella prima scena. I bambini senza nome sono costretti a imparare nuove parole da registrazioni dei loro genitori. Bizzarramente però, queste registrazioni stanno intenzionalmente forzando l’ascoltatore a un vocabolario completamente falso. I genitori non solo vogliono tenere i loro figli lontani dal mondo reale, rinchiudendoli essenzialmente in un complesso, ma li rendono incapaci persino di comunicare con esso. La loro manipolazione del linguaggio attraverso il loro strano sistema di educazione significa che, anche se il figlio e le due figlie dovessero sgattaiolare fuori nel mondo esterno, non avrebbero alcun mezzo reale per funzionare in una società più ampia.

Conclusioni sul film

Dogtooth dimostra quanto la visione del mondo di un bambino sia modificata e curata, in una certa misura, dai suoi genitori. Un film più recente come Hereditary (diretto da Ari Aster) mostra come i problemi, le nevrosi e altri demoni di un genitore possano essere trasmessi ai figli, che lo vogliano o no. Dogtooth evidenzia come la nostra percezione della realtà possa essere scolpita dai nostri genitori, al punto che qualcosa di quotidiano come un aereo passeggeri in volo può assumere una sorta di verità parallela.

Dogtooth (2009) - Speciale sul film di Yorgos Lanthimos Cinema Cinema & TV Recensioni Tutte le Reviews
Scena tratta da Dogtooth di Yorgos Lanthimos

Dogtooth e i suoi riconoscimenti

Vincitore di uno dei maggiori premi a Cannes (il Prix Un Certain Regard al Festival di Cannes)

nel 2009 e nominato per un Academy Award l’anno successivo, Dogtooth ha contribuito a portare lo stile cinematografico di Lanthimos a un pubblico globale. Ecco un film strano, grafico e inquietante. Non esattamente sensazionalistico, ma concreto nel suo infrangere i tabù, e decisamente eccentrico nel suo approccio alla regia – è difficile pensare a un altro film che sia allo stesso tempo così ben girato e così intento a lasciare la testa di un attore spuntare dalla parte superiore dell’inquadratura.

L’edizione Home Video da noi provata

Koch Media ha reso disponibile una versione in DVD ed una in Blu-Ray.

Abbiamo provato la seconda, in Formato Video 2,35:1 Anamorfico 1080p e Formato Audio 5.1 DTS HD: Italiano, Greco con disponibilità dei sottotitoli in italiano.

La versione è arricchita di contenuti extra, scene tagliate e Trailer originale del film. La masterizzazione è, come Koch Media ci ha abituati, di prim’ordine, senza alcun tipo di bug o difetto riscontrato durante la visione.

Non perdetevi le nostre recensioni, potete trovarle QUI!

Marco Salati
Scrive come tesi di laurea “ Il cinema nella mente” perché per lui la relazione tra cinema e psicologia è tutto. Ama vivere nel sogno, o semplicemente far vivere i suoi di sogni, purché questi vengano vissuti in maniera personale. Non dimentica mai che “In ogni strada di questo paese c'è un nessuno che sogna di diventare qualcuno” e in quel viaggio cosi folle “ Perdersi è meraviglioso”.