Assassin’s Creed Valhalla consentirà ai giocatori di visitare Asgard e Jotunheim

Con il lancio di Assassin’s Creed Valhalla a meno di un mese di distanza, Ubisoft svela alcuni dei classici luoghi norreni che avremo il piacere di visitare in gioco.

In un’intervista con PCGamesN, il direttore del gioco Eric Baptizat ha rivelato che durante la visita ai vari luoghi del mondo di Assassin’s Creed Valhalla, i giocatori si avventureranno nei classici regni nordici Asgard e Jotunheim in un nuovo aspetto della serie, le missioni delle visioni. Sono state rilasciate anche nuove suggestive immagini proprio da Ubisoft, che potete vedere nel tweet di seguito:

Baptizat, che ha lavorato alla serie sin dai tempi di Assassin’s Creed: Black Flag, ha rivelato che poiché la mitologia e la religione sono una parte importante della storia e del mondo in quel momento, la sua presenza si farà sentire nel gioco attraverso le credenze dei personaggi e nelle decisioni che prenderanno. L’ultimo capitolo della serie cerca di offuscare ancora una volta le linee della storia e della mitologia, con una trama significativa per il giocatore, mentre intraprende le missioni delle visioni. Queste missioni consentiranno ai giocatori di visitare i diversi regni del gioco che inizieranno con uno sciamano di nome Valka, il veggente.

I dettagli sulla trama sono in gran parte ancora sconosciuti, tutto però si ricollega ad AC Origins, quindi c’è una continuità. E’ stato rivelato a proposito di questo, che alcuni momenti coinvolgeranno Layla Hassan, già vista in AC Origins, Layla infatti risolverà enigmi e apprenderà nuove informazioni sulla storia.

Assassin’s Creed Valhalla  uscirà il 10 novembre 2020 per PC, PS4, Xbox One e Xbox Series X / S. La versione PS5 verrà rilasciata il 12 novembre 2020.

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”