Microsoft – Il punto della situazione tra passato e futuro

0

Microsoft futuro – news di Valentina “AkemiMas” Malara

Che questa generazione sia stata movimentata per Microsoft è qualcosa di assolutamente indubbio: Xbox One ha avuto fin dal lancio un percorso tormentato, fatto di incertezze costruttive, titoli non proprio brillanti ed una strategia aziendale discutibile. La competizione ha sicuramente aggravato la situazione, con una PS4 in particolar modo, che ha saputo sfornare un titolo di successo dopo l’altro, e questo ha fatto riflettere i capoccia di Microsoft ed in particolare Phil Spencer che ora, si preparano alla next gen.

 

Se si è lasciati indietro bisogna rischiare, prepararsi, aggiornarsi in modo da prevalere in seguito: questo è il piano di Spencer che, in vista della prossima generazione, ha ascoltato il suo pubblico e cercato di migliorare già concettualmente la console che l’azienda sfornerà. 

Il percorso di redenzione si era già notato con Xbox One S e Xbox One X, due console diverse ma entrambe significative: la prima ha migliorato numerosi aspetti del modello base e la seconda ha potenziato quanto visto in precedenza, ponendosi come la macchina più forte dell’attuale generazione. Del resto la grafica è importante e ormai gli utenti sono pretenziosi; i 720p sono inaccettabili al giorno d’oggi e una console che si rispetti offre un 1080p di base e, se possibile, un 4K come opzione, cosa che entrambe le “nuove” Xbox fanno. Ovviamente il piano futuro è quello di puntare su una console capace di offrire la migliore esperienza grafica del settore!

Per quanto riguarda le esclusive, Microsoft è stata sempre accusata di non possederne, anche se, ad onor del vero, questa è un’affermazione falsa.

La generazione corrente ha saputo offrire le continuazioni di saghe importanti come Halo e Gears of War, nuove IP come Sunset Overdrive, Quantum Break e lo splendido Cuphead (ora non più in esclusiva, ma nato sotto l’ala protettiva di Microsoft) e ha inoltre sfornato uno dei giochi in concorso come titolo dell’anno, ovvero Forza Horizon 4! In vista del futuro, Microsoft ha acquisito numerosi studi e sembrerebbe stia gettando le basi per un percorso fatto di titoli importanti che diano lustro all’azienda tanto quanto quelli Playstation 4 hanno fatto con Sony in questa gen.

Ciò in cui Microsoft si è dimostrata abile, inoltre, è senz’altro il settore dei “servizi“: L’Xbox Game Pass offre numerosi titoli, anche della generazione precedente, capaci di intrattenere i giocatori per numerose ore. Tra giochi “retrò” e titoli AAA appena rilasciati, il servizio vale la spesa e ha ispirato le risposte della concorrenza. 

Potremmo nominare anche l’impegno di Microsoft nei “controller alternativi“, con l’Xbox Adaptive Controller, e l’indiscussa presenza di notevoli titoli multipiattaforma tra cui nomi importanti di stampo orientale (Kingdom Hearts III e Monster Hunter World tra tutti, come esempi), ma non è questo ciò che importa davvero: Microsoft ora guarda al futuro … ma come?

Hanno capito l’antifona e messo le carte in tavola: basta inutili discorsi sulla multimedialità e benvenuti a: potenza, servizi stabili e GIOCHI! Soprattutto quest’ultimi sembrano essere il centro del futuro della grande azienda che, capitanata da Phil Spencer, vuole guardare al futuro con ottimismo e senza preoccuparsi degli “anni di silenzio” appena trascorsi.

Buona fortuna Phil, buona fortuna Microsoft!

Fonte: thelootgaming.com

 

About author

Valentina Malara

Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!