Dio Esiste e vive a Bruxelles – Jaco Van Dormael (2015) – Recensione

Dio Esiste e vive a Bruxelles – Jaco Van Dormael (2015) – Recensione

Per la rubrica Cinema di Seconda Mano, dedicata ai film oramai assenti dalle sale cinematografiche, vi presentiamo un film di Jaco Van Dormael del 2015 prodotto da Francia, Lussemburgo e Belgio, dal titolo Dio Esiste e vive a Bruxelles.

LA TRAMA

Dio è un uomo gretto e malefico che vive perennemente vestito con una canottiera alla “Mago Oronzo” unta e bisunta in un trilocale insieme alla lunatica moglie e alla figlia ribelle EA (si avete capito bene si chiama proprio EA). Grazie al suo computer riesce a decidere delle sorti degli esseri umani in modo totalmente diverso da come tutti si aspetterebbero che Dio si comporterebbe. Sarà proprio la figlia EA, stufa di vivere perennemente segregata in casa a ripercorrere le orme di suo fratello JC (Jesus Christ ovviamente…) morto tempo addietro proprio dopo una fuga dal trilocale per andare a conoscere gli esseri umani più da vicino. EA viaggerà attraverso la lavatrice di casa sua, direzione Bruxelles, alla ricerca di 6 nuovi apostoli per scrivere insieme il “Nuovo Nuovo Testamento“.

UN FRITTO MISTO LEGGERO

Se l’incipit della trama è fenomenale ed infatti corrisponde ad un inizio film sbalorditivo, che fa letteralmente sobbalzare dalla poltrona per prestare maggiore attenzione allo schermo e prepararsi a gustare per intero un film che sembrerebbe essere un piccolo capolavoro, lo sviluppo della trama stessa risulta invece deludente.

Van Dormael infatti si perde in una macedonia di tematiche irriverenti e grottesche che finiscono per strappare più di una risata, ma non appagano del tutto.

Il troppo a volte storpia e la moltitudine di sillogismi finisce per saturare la mente dello spettatore e rendere la trama via via sempre più banalotta, fino ad un finale alla “volemose bene” che strizza l’occhio alle masse, ma alla fine non convince del tutto.

DEJAVU’

A livello stilistico il film provocherà l’effetto dejavù a tutti quelli che hanno amato il Fantastico Mondo di Amelie… La pellicola di Van Dormael ne prende spunto in molte scelte di campo ed inquadrature.

Uniamoci un incedere simile al film Una Settimana da Dio, e il quadro è completo.

Ne viene fuori un’opera sicuramente positiva, divertente e sopra la sufficienza, ma alla fin fine sembra più un’occasione sprecata che un obiettivo centrato.

Il film può comunque essere visto senza remora alcuna se si ha voglia di farsi quattro risate in compagnia con qualche spruzzatina di riflessioni impegnate qua e là.

Articolo a cura di Nerdream.it
Data
Titolo
Dio Esiste e Vive a Bruxelles
Voto
31star1star1stargraygray

Dio Esiste e vive a Bruxelles – Jaco Van Dormael (2015) – Recensione

Dio Esiste e vive a Bruxelles – Jaco Van Dormael (2015) – Recensione
67%

Editor Rating

 

DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES

IN SINTESI

Un film che parte benissimo, prosegue benino e finisce maluccio... Le risate alla fine non mancheranno, ma che peccato aver sprecato un'occasione così! A cavallo tra Il Fantastico Mondo di Amelie e Una Settimana da Dio, vi mostrerà un lato di Dio che non avreste mai osato immaginare.

PRO&CONTRO

PRO

  • Cast quasi tutto sconosciuto oltre i confini francesi, ma che si comporta davvero bene
  • Incipit interessante
  • Le risate non mancano

CONTRO

  • L'idea di base viene sviluppata troppo e male
  • Il finale è davvero deludente

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”

Lascia un commento