Arslan Senki – Recensione – AnimeMania

Arslan Senki – Recensione – AnimeMania (di Andrea Rebek)

Arslan Senki è un anime tratto dal manga “La leggenda di Arslan” scritto da Hiromu Arakawa, autrice di Fullmetal Alchemist, adattando la light novel scritta da Yoshiki Tanaka.

FIRST LOOK

L’anime è ambientato durante una guerra in cui l’impero di Lusitania attacca il regno di Pars di cui il nostro protagonista principale Arslan è principe.

Già dall’inizio vediamo come il principe non sembri adatto al comando o almeno così non è riconosciuto dal popolo, infatti Pars è conosciuto come un regno combattivo, con una cavalleria eccelsa e l’attuale re Andragoras è per tutti un grande combattente, cosa che non è il principe.

Egli infatti sembra piuttosto ingenuo e ha una grande bontà d’animo ed è proprio per questo che riuscirà però a farsi alleati in lungo e in largo.

LA TRAMA

A parte un piccolo prologo dove vengono presentati proprio il principe ed il regno nella sua interezza, la vera storia inizia con la prima battaglia del nostro quattordicenne principe.

Una battaglia apparentemente sicura, infatti il regno di Pars schiera quasi l’interezza del proprio esercito per fermare l’avanzata dei lusitani verso la capitale, ma qui succederà una disgrazia!

Infatti l’esercito di Pars verrà completamente schiacciato dalla strategia degli avversari e il principe si troverà in pericolo, per poi venir salvato da Daryoon il miglior combattente dell’esercito, ed insieme a lui riuscirà a sfuggire alla battaglia.

Nel frattempo il re, nella retroguardia, decide di chiamare la ritirata, cosa mai successa prima durante il suo regno, ma questa cosa non raggiungerà mai le orecchie degli uomini in battaglia.

Si spargerà infatti la voce che lui sia scappato.

Durante la ritirata il re cadrà vittima di un’imboscata in cui incontrerà l’antagonista principale: “Silvermask”, ossessionato da Andragoras e da Arslan per motivi che scopriremo più avanti.

A seguito della battaglia il re verrà dato per disperso e il principe per morto e i lusitani arriveranno tranquillamente verso la capitale che grazie alle grandi strategie di “Silvermask” verrà conquistata facilmente.

Da qui inizierà l’avventura del nostro principe, che vagando per Pars, ormai territorio nemico, cercherà nuovi alleati per poter riconquistare la capitale e il suo regno tra intrighi e combattimenti.

L’ANIME

Di per se l’anime non presenta chissà quale disegno, infatti l’ambiente è quasi sempre piuttosto tetro, il che però ben rappresenta la cupa essenza della guerra.

L’anime mostra gli artigli nella caratterizzazione dei personaggi principali.

Una cosa che si nota subito infatti sono i personaggi principali e si notano soprattutto perché sono gli unici ad essere disegnati bene.

In effetti tra migliaia di persone è utile che risaltino subito agli occhi i characters principali, sia che facciano parte della cerchia del principe, siano essi dei nemici o degli alleati.

Tutti i personaggi principali avranno un bel carattere, facilmente riconoscibile sin dalla prima volta che li incontreremo.

Il vero punto di forza della serie però risiede nella trama, che se vi prende non vi mollerà più, tra intrecci e intrighi strani, nei 33 episodi delle prime due stagioni, non potrete lamentarvi.

Inoltre non mancherà mai, in tutti questi episodi, una battaglia. Che sia una battaglia tra due eserciti con decine di migliaia di uomini o uno scontro contro una piccola pattuglia, il tema sarà sempre trattato, rendendo ogni singolo episodio molto avvincente.

Le battaglie sono abbastanza realistiche, così tanto da sembrare un documentario di guerre medievali a volte, se non fosse che ovviamente per il fatto che i nostri personaggi principali hanno una forza enorme, che equivale a 5 mila uomini… Ma questa è una necessità per portare avanti la storia e dargli un tocco di “incredibile”.

TERZA STAGIONE

Purtroppo ancora non si sa nulla sulla messa in onda di una eventuale terza stagione, ma data la popolarità dell’anime e nonostante il genere, si presume che ci sarà un continuo.

Vedendo come è finita la seconda stagione non c’è dubbio che l’intenzione sia quella di proseguire, ma non si sa in quale forma, infatti contando che si sta andando verso la battaglia che dovrebbe mettere fine alla saga girano voci che al posto di una serie di 4/5 episodi possa uscire semplicemente un film conclusivo.

In qualunque di questi casi noi aspettiamo con ansia la sua uscita.

CONCLUSIONI

Arslan Senki è di sicuro un grande anime, trascinato da una grande trama e un ottima caratterizzazione dei personaggi.

Nonostante tratti un genere poco seguito ha avuto abbastanza successo. Cosi tanto da far arrivare fino a qui il suo gioco: Arslan the Warriors of Legend.

Questo è il tipico musou giapponese con poche novità ma comunque accattivante per gli amanti del genere e della saga, per chi fosse interessato al gioco lo trova qui.

Invece chi fosse interessato alla light novel o al manga li troverà qui.

Articolo a cura di Nerdream.it
Data
Titolo
Arslan Senki
Voto
41star1star1star1stargray

Arslan Senki – Recensione – AnimeMania

Arslan Senki – Recensione – AnimeMania
88%

Editor Rating

 

ARSLAN SENKI

IN SINTESI

Anime interessante e ben strutturato, con una trama convincente ed un'ottima caratterizzazione dei personaggi, questo Arslan Senki ci ha convinto molto ed è sicuramente un anime da recuperare per tutti coloro che amano le ambientazioni cavalleresche del passato e le battaglie campali, ma adatto anche ad un pubblico più vasto e meno di nicchia proprio per la buona realizzazione globale.

PRO & CONTRO

 PRO

+ Protagonisti caratterizzati in maniera superba

+ Battaglie e scontri in ogni puntata

+ Trama avvincente

CONTRO

- Solo due stagioni ed un epilogo troppo vicino

- Colori molto cupi

Cosa ne pensi?

Autore dell'articolo: Andrearebek

Youtuber, ragazzo come tanti con la passione per i videogames, fa gameplay, crea e monta video da PS4 di tutto ciò che gli piace. Sarebbe favorevole al ritorno della ghigliottina per gli "iscritto ricambi". Coltiva anche la passione per i MANGA che divora tra un gameplay e l'altro! CANALE YOUTUBE - PAGINA FACEBOOK

Lascia un commento