LCK Spring Season 2023 – Day 2

LCK Spring Season 2023 – Day 2

Korea, Seoul Arena LoL Park, seconda giornata del campionato casalingo della Major League coreana.

Kwangdong Freecs vs Hanwha Life Esports

Day 2 che vede scontrarsi due team che negli ultimi anni non hanno saputo incidere nè in casa nè a livello internazionale. Quello che risalta subito all’occhio però è l’ambizioso progetto che gli HLE hanno deciso di perseguire in questa stagione tramite l’ingaggio dei due campioni del mondo Kingen (toplnaer e MVP della finale dei mondiali) e Zeka (midlaner spesso accostato all’inarrestabile Faker) e del precedente campione del mondo Viper (botlaner degli EDG vincitori della massima serie mondiale nel 2021).

Come evidenziato nella prima giornata le composizioni e i ban iniziano a cambiare. In questo game 1 infatti seppur i team si affidano a campioni solidi, i ban mettono in risalto nuovi campioni tornati pericolosi nell’ultimo periodo (Vi, Ryze, Kassadin).

Dati alla mano, la caratura delle due fazioni è nettamente a favore degli HLE, ma i KDF non temono l’avversario e si impongono rapidamente con 2 kill nei primi 3 minuti (favoriti da un ottimo gank di Bulldog in top ed un pessimo gank in bot da parte del jungler avversario). I primi 25 minuti sono di dominio esclusivo dei KDF. Nel tentativo di arginare l’armata avversaria Zeka e compagni vedono nel baron un’ottima via d’uscita, ma la sua conquista viene subito punita da un ottimo teamfight condotto dai KDF che dimezzato i vantaggi del buff ottenuto dagli HLE. La partita sembra a senso unico, ma silenziosamente i campioni del mondo si caricano la squadra sulle spalle e ripristinano l’equilibrio sul tabellone costringendo i KDF alla difensiva. La disfatta arriva al minuto 40 quando i KDF per tornare in carreggiata lasciano scoperta la base per acquisire i vantaggi offerti dalla cattura del drago maggiore; mai scelta fu più infausta perchè in solitaria gli stessi Kingen e Zeka assaltano il nexus avversario, con Dudu e il suo Aatrox come ultimo baluardo di difesa, portando agli HLE il primo match di questa best of three.

Secondo game che vede scelte sulla falsa riga del primo, ma con ritmi decisamente più calmi sopratutto nell’early game. Sarà solo al minuto 8 che la bot dei KDF battezza il tabellone delle kill. Gli stessi KDF provano dunque a riproporre il gioco aggressivo del game 1 ma gli HLE sembrano aver preso le misure e comandano per tutto il mid game. Minuto 20 primo baron per gli Hanwha Life che permette loro di affacciarsi alla base nemica; secondo baron che arriva poi al minuto 27 ipotecando il game. Da quel momento un massacro pressochè unilaterale permette agli HLE di privare il nexus avversario di ogni difesa. Sentenza definitiva al minuto 33 dopo una triple kill di Zeka che ricorda a tutti perchè sia lui ad essere stato definito l’erede di Faker. Punteggio finale che vede dunque gli HLE portare a casa il primo punto del campionato.

Nongshim RedForce vs BRION

Seconda best of three che vede nuovamente due squadre che faticano a fare la propria storia. Gli NS considerati i rookies del torneo e i BRION che hanno collezionato molte terze posizioni ma mai il primato assoluto. Che sia questo il loro anno?

Anche questo game vede ban piuttosto ricorrenti come quello di Kassadin e la comparsa di nuove coppie sfavillanti in bot come Zeri e Lulu.

La partita entra subito nel vivo con Umti che invade subito la giungla degli NS. Quella pressione si estende poi anche in bot dove saranno i BRO ad aprire le danze del tabellone delle kill impostando il proprio gioco. Se sotto non funziona allora facciamo funzionare il sopra, ed è con questa idea che gli NS guadagnando terreno in top. Mid game di stallo per entrambe le squadre finchè un assalto in mid da parte dei BRO si concluderà con due torri per loro e due kill per gli avversari. La landa torna a movimentarsi con il primo baron che al minuto 29 vede i BRO conquistare il buff, ma perdere 4 dei loro nel successivo teamfight proposto dagli NS. Minuto successivo altro giro altra corsa, ma stavolta gli NS non lasciano superstiti e si portano a casa un ace che fa presagire il finale di partita. League of Legends però non va mai dato per scontato e con un finale copia carbone del primo game del giorno, mentre gli NS lottano per il drago maggiore, Morgan con la sua Fiora in solitaria abbatte il nexus avversario concludendo il game al minuto 39. Insomma, oggi il drago maggiore non s’ha da fare.

Lo svantaggio non sembra influire sugli NS che nel game 2 prendono subito vantaggio in oro e in kill con due ottime azione in top. Stesso andamento nel mid game che vede gli NS al comando, ma con un tabellone non troppo proibitivo per i BRO che hanno molto margine d’azione. Minuto 22 che infatti capovolge il game con un teamfight che li riporta in testa su tutti i fronti (gold, kill, obiettivi di mappa). La landa diviene palcoscenico di schermaglie non incisive finchè al minuto 29 altro giro altro ace per i BRO che indisturbati si recano dal nexus avversario firmando il loro primo punto di questo spring split dell’LCK.

E anche questa giornata si è conclusa. Voi cosa ne pensate?

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime news e sulle ultime novità dello store, non dimenticare di seguirci su Instagram (Nerdream.it e  Nerdream Store), Facebook e Telegram!
Lorenzo Filipponi per gli amici "Phil", classe '98, ha prima imparato a tenere in mano un mouse e poi a camminare. Appassionato di ogni tipo di videogiochi ha raggiunto l'apoteosi con la serie dei Souls, seppur non disdegna affatto giochi di stampo competitivo. La scoperta di anime e manga gli sottrae anche l'ultima parte non nerd rimasta. Questi suoi interessi lo portano a pensare che divertendosi avrebbe potuto contemporaneamente creare dei contenuti da condividere con gli altri, intraprendendo la strada dello youtuber e dello streamer. Constantemente alla ricerca del miglioramento spera di realizzare qualcosa che possa essere apprezzato da chi condivide le sue stesse passioni, ma ora deve andare: "Passo e chiudo. El Psy Congroo".