Top Gun: Maverick – 800 ore di filmati per il sequel di Tom Cruise

Top Gun: Maverick conta 800 ore di riprese secondo quanto dichiarato dal regista Joseph Kosinski.

Top Gun: Maverick riprese aeree

Il regista di Top Gun: Maverick, Joseph Kosinski, ha rivelato di credere di aver girato oltre 800 ore di filmati per il sequel del dramma d’azione. Kosinski si è unito al sequel del classico del 1986 guidato da Tom Cruise,  Top Gun, nel giugno 2017. Il tanto atteso sequel debutterà finalmente nelle sale il 27 maggio 2022, a seguito di numerosi ritardi rispetto alla data di uscita originariamente stimata per luglio 2019.

NOI ABBIAMO GIA’ VISTO IL FILM IN ANTEPRIMA. TROVI LA NOSTRA RECENSIONE NO SPOILER QUI

Top Gun: Maverick riprese aeree

Le parole dei protagonisti delle riprese di Top Gun: Maverick

Kosinski e Cruise hanno discusso di quanto tempo ha impiegato la produzione per assicurarsi di catturare tutte le riprese necessarie per Top Gun: Maverick. Il regista ha stimato che per il sequel sono state girate oltre 800 ore di filmati, suggerendo che la quantità di immagini catturate ha superato la totalità della trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson. Cruise ha spiegato che l’impressionante quantità di filmati girati era dovuta alle complicate riprese aeree esterne del film e alle riprese della cabina di pilotaggio in cui gli attori richiedevano istruzioni aggiuntive, con la produzione che voleva sfruttare al massimo il loro tempo limitato di ripresa sugli aerei. Dai un’occhiata alle risposte di Kosinski e Cruise di seguito:

Joseph Kosinski: 

In una giornata di 12 o 14 ore, potresti ottenere 30 secondi di buone riprese, ma con molta fatica. Ci è voluto molto tempo per ottenere il film. Mesi e mesi di riprese aeree Abbiamo girato tutte le riprese dei tre film de Il Signore degli Anelli messi insieme, penso che fossero 800 ore di riprese.

Tom Cruise: 

Abbiamo dovuto insegnare agli attori le luci, la cinematografia, il montaggio. Ho dovuto insegnare loro come accendere e spegnere le fotocamere. Gli angoli e gli obiettivi della fotocamera. Non avevamo tempo illimitato su questi jet. Se stavano salendo per 20-30 minuti, dovevo assicurarmi di ottenere ciò di cui avevamo bisogno.

Top Gun: Maverick riprese

Attenzione ai dettagli

Cruise ha contribuito a sviluppare un programma di acrobazie per i nuovi membri del cast di Top Gun: Maverick per aiutarli a familiarizzare e prepararli per le sequenze degli aerei del film. Kosinski aveva rivelato in precedenza in un’intervista del settembre 2021 che insieme all’assistenza navale durante le riprese delle intense acrobazie aeree del film, la star aveva creato un programma che avrebbe preparato i suoi co-protagonisti a gestire le forze incredibili e travolgenti che potrebbero potenzialmente sperimentare durante il volo. L’esperienza del cast con il volo ha ispirato Glen Powell, che interpreta il nuovo personaggio del tenente Hangman nel film, a investire ulteriormente nel pilotaggio, arrivando al punto di guadagnare una licenza di pilota per il ruolo.

SEI CURIOSO DI SCOPRIRE IL METODO INNOVATIVO DI RIPRESE IN VOLO? CLICCA QUI

Kosinski e l’equipaggio sono stati senza dubbio sottoposti a un’incredibile quantità di pressione durante la produzione. Oltre a dover seguire il classico di Cruise del 1986, il regista avrebbe dovuto assicurarsi che le riprese si svolgessero in sicurezza, assicurandosi nel contempo di sfruttare in modo efficiente il loro tempo per girare con l’aereo. Tuttavia, con una così grande quantità di riprese per Top Gun: Maverick, molti fan potrebbero chiedersi se avranno l’opportunità di vedere i momenti rimasti fuori dal montaggio finale, che si tratti di scene eliminate, featurette o documentari sul l’eventuale uscita in casa del film. Io spero con tutto il cuore in un cofanetto che raccolga entrambi i film e tutte le scene extra che li caratterizzano.

Top Gun: Maverick riprese aeree

Marco Salati
Scrive come tesi di laurea “ Il cinema nella mente” perché per lui la relazione tra cinema e psicologia è tutto. Ama vivere nel sogno, o semplicemente far vivere i suoi di sogni, purché questi vengano vissuti in maniera personale. Non dimentica mai che “In ogni strada di questo paese c'è un nessuno che sogna di diventare qualcuno” e in quel viaggio cosi folle “ Perdersi è meraviglioso”.