Nintendo e Sony potrebbero facilmente sfidare il Game Pass, ma lo faranno?

Grazie ad anni di ingenti investimenti e sviluppo, il servizio Game Pass di Microsoft è attualmente al di sopra di tutti i prodotti e servizi simili anche di Nintendo e Sony

E Nintendo e Sony cosa offrono? Il Game Pass ha praticamente tutto ciò che si può desiderare da un abbonamento mensile di gioco: una sana libreria di titoli legacy, molte nuove versioni di alto profilo, nuove aggiunte praticamente ogni mese e un prezzo accessibile. Anche con le recenti espansioni apportate ai rispettivi servizi online, né SonyNintendo offrono quel tipo di valore e servizio. Però potrebbero. Se una delle due società si impegnasse veramente a realizzare i propri prodotti come ha fatto Microsoft, potrebbero facilmente competere con Game Pass. Si tratta solo di sfruttare effettivamente i propri punti di forza.

È sorprendente che Microsoft sia riuscita a spingere Xbox così avanti rispetto alla concorrenza. Da anni ormai non solo i giochi sono sempre più orientati verso i servizi in abbonamento, ma praticamente tutti i media lo hanno fatto. Realizzare il “Netflix of Gaming” non è affatto un’idea nuova, eppure Microsoft era praticamente sola nei suoi sforzi fino a poco tempo fa. A partire dal loro enorme progetto di compatibilità con le versioni precedenti e dai titoli interni, l’azienda ha lentamente e attentamente integrato il proprio prodotto nel servizio di cui godono molti giocatori oggi. Sia Sony che Nintendo hanno i mezzi per fare qualcosa di simile e probabilmente dovranno farlo se non vogliono perdere completamente il loro spazio.

Sony, sembra essersi finalmente svegliata di fronte a questa realtà; il recente annuncio di PS Plus Premium ne è la prova. Arriverà in tre livelli, ma non è ancora confermato se anche il livello più costoso conceda agli abbonati l’accesso alle nuove versioni. Inoltre, i giochi di console legacy come PS2 e PS3 sono in gran parte disponibili solo per lo streaming tramite l’inclusione di PS Now.

Il numero di giochi disponibili nel livello più alto sembra essere maggiore di quello attualmente disponibile su Game Pass, ma non importa molto se detti giochi non sono così desiderabili. Il presidente e CEO di Sony Jim Ryan ha dichiarato che i loro partner di terze parti sono a lavoro sul servizio, ma finora si è rifiutato di approfondire cosa significhi esattamente. In breve, se ciò non significa l’accesso dal primo giorno per le nuove versioni, PS Plus Premium avrà comunque difficoltà a competere con Game Pass. Anche rendere disponibili per il download più titoli dovrà essere una priorità.

Per quanto riguarda Nintendo, probabilmente non sta ancora cercando di competere direttamente con Sony e Microsoft in questo spazio, ma farebbe comunque bene a offrire un servizio comparabile. Per ragioni note solo a loro, l’azienda si è apparentemente impegnata a non dare ai propri clienti quello che vogliono. In un certo senso, ha fatto di tutto per fare il contrario.

I primi esempi di ciò includono la disponibilità bizzarramente limitata di giochi come Super Mario 3D All-Stars e Super Mario 35. C’era ed è ancora una forte domanda per entrambi i giochi, ma Nintendo semplicemente non consentirà ai clienti di acquistarli. Limitare la disponibilità dei prodotti digitali non aumenta infatti le vendite: assicura solo che l’azienda perda sugli acquisti futuri. Questo non si applica a Super Mario 35 poiché è stato offerto gratuitamente come parte di Nintendo Switch Online, ma c’è da chiedersi perché un’azienda renderebbe attivamente il suo prodotto meno prezioso. Tali azioni non rendono esattamente i clienti desiderosi di acquistare.

Per quanto riguarda in particolare Nintendo Switch Online, tuttavia, ci sono buone probabilità che l’unico motivo per cui la maggior parte degli utenti è abbonata sia perché è necessario per il multiplayer online. Togli quella funzione ed è probabile che la maggior parte abbandonerà immediatamente il servizio. Anche a soli 20 dollari (18 euro) all’anno, il servizio di base semplicemente non ne vale la pena. L’azienda ha una così vasta libreria di classici che dura da oltre quarant’anni, eppure la società insiste nell’offrire solo un’infarinatura casuale di giochi dell’era NES e SNES. Se uno vuole giocare ai giochi N64 (e solo a una manciata), allora deve pagare per l'”espansione” di sessanta dollari (54 euro).

Sebbene sia Microsoft che Sony abbiano avuto problemi a offrire ai propri utenti una sorta di accesso a titoli più recenti, Nintendo non mostra ancora alcun segno di voler offrire lo stesso. L’editore è come un drago seduto sul suo tesoro d’oro, contento di dormirci sopra assicurandosi che nessun altro possa goderne il contenuto. Questo è il motivo per cui apparentemente ogni annuncio di prodotti come “Nintendo Switch Online + Expansion Pack” è stato accolto così negativamente dai fan. L’azienda dovrebbe ormai sapere cosa vogliono i propri clienti, eppure sembra non avere alcun problema a ignorare quei desideri, non importa quanto ci tengano i fan. Fino a quando questo non cambierà e Nintendo aggiungerà effettivamente un valore reale al servizio, Nintendo Switch Online rimarrà probabilmente appena tollerato per gli utenti Switch.

È strano pensare a Microsoft come all’esempio da seguire, ma non si può negare che attualmente offre il miglior servizio di abbonamento ai giochi. Sony potrebbe potenzialmente recuperare, ma offrirà un livello di valore simile? Nintendo,  è seduta su una miniera d’oro in gran parte non sfruttata e potrebbe facilmente offrire il servizio di abbonamento di gioco online più prezioso in circolazione se smettesse di stare semplicemente a guardare.

Voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra!

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”