Dai Dark – Recensione – Planet Manga

Dai Dark – Planet Manga – Recensione

Vi ha colpito Dorohedoro e volete provare a leggere qualcos’altro di Q Hayashida? Allora ecco pronto per voi il suo nuovo manga dal tratto inconfondibile. Paliamo di Dai Dark.

Dai Dark – Recensione – Informazioni Generali

Scritto e disegnato da Q Hayashida, Dai Dark è uno shonen di genere dark fantasy, in corso di serializzazione dal marzo 2019 sulla rivista giapponese Shogakukan’s Monthly Shonen Sunday. Al momento i capitoli sono raccolti in 4 tankobon mentre in Italia sono stati pubblicati i primi due da Planet Manga.

Dai Dark – Recensione – Trama

Zaha Sanko è un alieno dell’oscurità famoso in tutto l’universo come il “tesoro più prezioso dello spazio“, perché si dice che chiunque riesca a impossessarsi delle sue ossa possa esaudire qualsiasi desiderio. Il ragazzo per questo vive continuando a lottare e fuggire, aiutato soltanto dal compagno robot Abakian, capace di trasformarsi in uno zaino che Zaha porta sulle spalle, detto “Bagaglio Oscuro“. Il suo obiettivo è trovare chi offre desideri per le sue ossa, così da ucciderlo e poter vivere finalmente in pace (fonte Wikipedia con correzione).

Acquista Dai Dark sul nostro NerdStore! C’è anche il bundle con la variant di Dorohedoro.

Stile di disegno

Lo stile di disegno di Q Hayashida, come scritto all’inizio, è inconfondibile. Le tavole sono, nella maggior parte dei casi ben definite, con personaggi che si distaccano completamente dallo sfondo o che sono pienamente parte di esso, quasi come a voler creare un gioco dove bisogna trovare il personaggio. La sua cura dei particolari che si denota nelle tavole è sicuramente un elemento importante per l’autrice. Lo stile stesso dell’autrice sposa a pieno quello che è il genere “horror” del manga.

Caratterizzazione dei personaggi

Al momento (Dai Dark 2), oltre i due personaggi principali, l’autrice ci sta presentando diversi membri fondamentali per la storia. I personaggi risultano divertenti e ben distinguibili tra loro (non sempre scontato). Alcuni di essi ricordano molto quelli della sua opera precedente prima citata ma questa è consuetudine di molti mangaka. Non si ha tanto in più sui personaggi principali ma questo è anche dovuto al fatto che si è solo all’inizio della storia, sicuramente, una delle scoperte più interessanti riguarda Shimada Death

La storia

La storia, in questi primi due volumi, risulta un po’ lenta. L’autrice ci sta facendo vivere e scoprire man mano le abitudini dei personaggi e il mondo in cui si trovano. All’interno dello svolgimento non mancano scene di combattimento che al momento però risultano ancora troppo veloci e con i personaggi principali alquanto OP.

Dai Dark – Note Personali

Viene naturale fare il paragone con Dorohedoro, anche se poche sono le componenti che unificano i due titoli. Personalmente prenderò ancora qualche volume per capire se proseguire o meno la lettura di Dai Dark che ahimè, al momento, mi ha divertito in alcuni casi ma lasciato indifferente in altri. Spero che nei prossimi volumi la storia cominci a svilupparsi in maniera più attiva lasciando un po’ da parte lo “slice of life” per far spazio all’obiettivo principale. La domanda sorge spontanea: consiglierei Dai Dark? Al momento nì, sicuramente per chi vuole avvicinarsi alle storie di Q Hayashida non è quella da cui cominciare. Le cose che mi tengono legato al titolo sono il tratto, ovviamente, e il voler capire qualcosa in più sulla particolarità delle ossa del protagonista… eh già! Sono proprio un tipo curioso.

Carmine "Luffy" Migliaro
Carmine "Luffy" Migliaro - Salernitano emigrato in Veneto per lavoro. Assistente manageriale dall'anima Nerd. Fin da piccolo amante dei "cartoni animati giapponesi", inizia a collezionare manga e fumetti dal 2006 e da quel momento non ha più smesso. Nel 2020 pubblica il suo primo libro fantasy e inizia il proprio percorso su Youtube dove parla di una delle sue più grandi passioni: i Manga. A tener compagnia a quest'ultimi nel circolo delle passioni ci sono anche i giochi da tavolo, i lego, il disegno, i film, serie TV e... meglio fermarci perchè la lista è lunga. Il suo tipico saluto è "Sayonara!" ma la sua citazione preferita resta "Che la forza sia con voi"