UNA FEMMINA di FRANCESCO COSTABILE sarà presentato al 72º Festival Internazionale del Cinema di Berlino

UNA FEMMINA, il film d’esordio di Francesco Costabile, verrà presentato al 72º Festival Internazionale del Cinema di Berlino nella sezione Panorama.

Il film è liberamente ispirato al romanzo Fimmine Ribelli. Come le donne salveranno il paese dalla ‘Ndrangheta di Lirio Abbate – Edito da Bur Rizzoli.

Il soggetto è firmato da Lirio Abbate ed Edoardo De Angelis, mentre il film è prodotto da Attilio De Razza, Pierpaolo Verga, Nicola Picone ed Edoardo De Angelis. Una produzione Tramp Limited O’ Groove in collaborazione con Medusa Film e con Prime Video

NELLE SALE DAL 17 FEBBRAIO distribuito da Medusa Film

SINOSSI

Rosa è una ragazza inquieta e ribelle, vive con sua nonna e suo zio in un paesino della Calabria, tra monti e fiumare secche. La sua quotidianità viene improvvisamente stravolta da qualcosa che emerge dal suo passato, un trauma che la lega indissolubilmente alla misteriosa morte di sua madre.
Quando Rosa si ritrova vittima di un destino già segnato, decide di tradire la sua famiglia e cercare la propria vendetta di sangue.
Ma quando questa famiglia è la ‘Ndrangheta ogni passo può rivelarsi fatale.

“Pronto…ci si? Sai che fai, domani matina chiami l’avvocato. Ci damu i sordi, così veni e ti piglia. Così vedi a tua figlia, chi non staci bona.”

“No, dassa tutto Cetta! Pé l’anima di morti Cetta. Decidi, o cu nui o cu igli.”

“Cetta, ‘ndai u fai così. Jeu stasira parru cu l’avvocato. Giurami chi domani matina parri cu igliu.”

“Picchì jeu sugnu distrutta Cetta, jeu staiu morendo, capiscisti? Tu non capisci Cetta, ti stannu usandu… Scjgli, o nui o igli. Capiscisti?”

“Allura, si domani non chiami a chistu, scordati i mia, i nui e i figlita. U capiscisti? Cetta…”

Dialogo estratto dalla sceneggiatura di Una Femmina, ispirato alla reale intercettazione telefonica di una donna di ‘Ndrangheta

Il regista Francesco Costabile dichiara:

Non potevamo trovare un’anteprima internazionale più appropriata.
Una femmina è un film dove la violenza sul corpo delle donne è al centro della narrazione. Quella di Rosa è la storia di tante donne che si ribellano a destini già segnati.
Per me è un onore esordire in un Festival così attento alle politiche di genere. Siamo entusiasti per questo felice approdo. 

Valerio Vega
Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo Commodore64”
Available for Amazon Prime