Panini Magazine – La Rivista Ufficiale di Peppa Pig ora disponibile!

La Rivista Ufficiale di Peppa Pig

Il 10 gennaio è arrivata in edicola una nuova rivista che farà impazzire i giovani fan della celebre serie animata.

In regalo con il primo numero l’esclusiva macchina fotografica e tanti adesivi per immergersi al meglio nel mondo di Peppa Pig!

Panini Magazines presenta il primo numero di La Rivista Ufficiale di Peppa Pig, che ogni mese porterà i più piccoli nel coloratissimo mondo dell’amatissima e omonima serie tv animata. Peppa Pig, insieme al suo fratellino George e ai loro amici, è pronta a far divertire tutti i bambini con nuove, fantastiche, avventure e tante curiose sorprese.

Ogni numero de La Rivista Ufficiale di Peppa Pig è ricco di contenuti e giocose attività che terranno incollati i lettori dalla prima all’ultima pagina. Al suo interno è possibile trovare divertenti storie da leggere, giochi, pagine da colorare, ricette (come la “cioccolata calda degli orsi polari”, presentata sul primo numero) e tanto altro ancora, per divertirsi e crescere insieme ai simpatici personaggi dell’iconica serie animata. La rivista è pensata per rendere divertente l’apprendimento dei bambini, sostenendone allo stesso tempo lo sviluppo delle capacità.

Inoltre, in allegato a La Rivista Ufficiale di Peppa Pig, non mancheranno meravigliosi gadget e sorprese esclusive che si ispirano al mondo di Peppa Pig! Con la prima uscita, in regalo, l’esclusiva macchina fotografica e un set di adesivi. Con la nuova rivista non sentirete mai la mancanza di Peppa Pig e di tutti i suoi amici.

Il primo numero de La Rivista Ufficiale di Peppa Pig è disponibile dal 10 gennaio al prezzo di 4,90 €.

Valerio Vega
Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo Commodore64”