The book of Boba Fett – Ecco cosa ci racconta il secondo episodio!

Le ragioni di Boba Fett per diventare un signore del crimine galattico sono state oscure fino ad ora. L’episodio 2 di The book of Boba Fett ci fornisce alcune risposte. Scopriamole assieme!

The book of Boba Fett episodio 2

The book of Boba Feet ha svolto un lavoro ammirevole nel dare corpo sia al personaggio che al pianeta di Tatooine. Lo stesso Fett è sempre stato abbozzato in modo molto sottile prima del suo cameo esteso in The Mandalorian. La nuova serie ha sfruttato appieno l’opportunità per colmare alcune lacune significative. Nel processo, il suo destino si è intrecciato con quello di Tatooine e i fan di Star Wars stanno guardando a lungo il pianeta più leggendario del franchise.

ATTENZIONE: quanto segue contiene spoiler di Star Wars: The book of Boba Fett “Capitolo 2: Le tribù di Tatooine”, ora in streaming su Disney+.

Nell’episodio 2 di The book of Boba Fett  troviamo il nostro protagonista sempre più invischiato nella scena politica locale. La narrazione della serie coglie l’occasione per risponde elegantemente ad alcune grandi domande sul perché sta facendo quello che sta facendo. Serve non solo a dargli una motivazione più forte, ma anche a esplorare i dettagli della vita sull’amatissima Tatooine.

The book of Boba Fett episodio 2

Alcune domande però sorgono spontanee!

La stagione 2 di The Mandalorian si è conclusa con Fett e la sua Fennec Shand che uccidono Bib Fortuna e prendono il controllo del suo impero sotterraneo. Il criminale Twi’lek lo aveva governato dalla morte di Jabba the Hutt in Star Wars: Episodio VI – Il ritorno dello Jedi, lasciando a Fett un potere considerevole se fosse stato in grado di tenerlo stretto. Eppure da quel momento è sorta la domanda: perché Fett dovrebbe voler essere un boss del crimine? In precedenza aveva lavorato come cacciatore di taglie come suo padre Jango e si era guadagnato una reputazione in tutta la galassia prima ancora di catturare Han Solo e il suo gruppo durante gli eventi di Star Wars: Episodio V – L’impero colpisce ancora. Cacciare i fuggitivi è molto lontano dal fare il padrino con i traslocatori e gli agitatori locali. Quindi la domanda rimane: perché Fett sta facendo questo?

Scopri il mondo delle serie tv nella sezione dedicata. La trovi proprio QUI

The Book of Boba Fett Stagione 1, episodio 2, “Le tribù di Tatooine”

L’episodio ci fornisce una risposta concreta. Dopo un breve preludio ai giorni nostri in cui i parenti sopravvissuti di Jabba contattano Fett, il resto dell’episodio trasmette un flashback dei giorni immediatamente successivi alla sua fuga dalla fossa di Sarlacc. Dopo aver conquistato la fiducia della tribù locale dei Tusken Raider, assiste all’attacco di un treno volante in corsa che lascia diversi membri della tribù morti. Promette loro che fermerà il treno, cosa che realizza prima arruolando un quartetto di hover bike della banda locale e poi guidando una festa di razzia di Tusken sul treno stesso.

L’assalto al treno costituisce la maggior parte del terzo atto dell’episodio e rende omaggio sia alle classiche rapine ai treni occidentali che a film come Lawrence d’Arabia. Quest’ultimo presentava un attacco simile a una ferrovia nel deserto. Quando i nostri protagonisti (nell’episodio 2 di The book of Boba Fett) fermano il veicolo, apprendono il motivo degli attacchi del treno. Viene per volere dei trafficanti di spezie, che usano il territorio dei Tusken per spostare il loro contrabbando. Fett dice loro che dovranno pagare un pedaggio se desiderano continuare a utilizzare il percorso e che nessun altro Tusken dovrà essere ucciso. L’atto consolida il suo status con la tribù, che lo onora rendendolo uno di loro.

The book of Boba Fett episodio 2

Per concludere

Con la scomparsa dell’Impero Galattico, l’attività della malavita è molto meno regolamentata e, sebbene possa aver gestito un treno pieno di criminali, altri gruppi potrebbero presto seguirlo. I primi due episodi hanno mostrato più che sufficienti potenziali piantagrane per dare ai Tusken problemi simili, dai sinistri cugini “gemelli” di Jabba al doppio sindaco di Mos Espa. Agendo come il “daimyo” dominante di quel territorio, Fett ha il potere di proteggere la casa del Popolo della Sabbia e tenerlo al sicuro dalle incursioni di fuori dal mondo.

Non è ufficiale, almeno non ancora, ma “Le tribù di Tatooine” chiarisce quanto siano diventati importanti i Tusken per Fett. Questo potrebbe essere visto già nel suo celebre ritorno al canone di Star Wars in The Mandalorian Stagione 2, Episodio 9, “The Marshal”, dove è apparso con un bastone di Gaffi Tusken e un fucile a tracolla. Indicava che i Tusken erano una parte più integrante della sua identità rispetto a prima che cadesse nella fossa di Sarlacc, cosa che le “Tribes of Tatooine” ha ora confermato. Il cambiamento apportato dall’associazione di Fett con i Tusken è enorme, e qualunque siano le ragioni per cui ha preso il posto di Jabba, devono tenerne conto.

Vi ricordo che i primi due episodi della saga sono disponibili su Disney plus

Marco Salati
Scrive come tesi di laurea “ Il cinema nella mente” perché per lui la relazione tra cinema e psicologia è tutto. Ama vivere nel sogno, o semplicemente far vivere i suoi di sogni, purché questi vengano vissuti in maniera personale. Non dimentica mai che “In ogni strada di questo paese c'è un nessuno che sogna di diventare qualcuno” e in quel viaggio cosi folle “ Perdersi è meraviglioso”.