Wronged Us – E’ ispirato a Resident Evil e Silent Hill!

Wronged Us è un gioco open world survival horror in terza persona ispirato a Dark Souls, Resident Evil e Silent Hill visibili nel suo design.

L’imminente Wronged Us cerca di attingere alle radici horror di iconici franchise come Resident Evil e Silent Hill e creare un’esperienza senza precedenti.

Molti giochi al giorno d’oggi possono raramente essere classificati in un singolo genere, con il mix pot dell’industria dei videogiochi che influenza costantemente i progetti degli sviluppatori. Oltre a Resident Evil e Silent Hill, Wronged Us si ispira anche all’Ultimate Game of All Time dei Golden Joystick AwardsDark Souls. Sebbene la serie di FromSoftware sia spesso riconosciuta per la sua difficoltà, i suoi progressi nel design del mondo si fanno ancora sentire fino ad oggi, incoraggiando i giocatori a esplorare il suo mondo ma raramente assistendoli nelle loro avventure. Con una storia inquietante come Silent Hill, un gameplay che ricorda i moderni giochi di Resident Evil e un open world ispirato a Dark SoulsWronged Us è una fusione di molteplici influenze videoludiche del passato.

A proposito del gioco:

Wronged Us è un gioco basato su una storia cinematografica ambientato in una piccola città. Il giocatore esplorerà una città dettagliata e abbandonata, affrontando orrori psicologici, risolvendo enigmi e combattendo mostri lungo la strada. I giocatori saranno anche liberi di esplorare diverse parti della città, interagendo con vari NPC lungo il percorso.

Il gioco è ancora in fase di sviluppo e non c’è ancora una data d’uscita ufficiale, uscirà su PC e console nel 2023.

Sembra un titolo interessante, questo survival horror open world, voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra nei commenti qui sotto!

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”