Tutorial ed impressioni – Chai, una bella tazza di tè con il gioco da tavolo della Little Rocket Games!

Chai – Little Rocket Games – Tutorial

Grazie alla localizzazione della Little Rocket Games, finalmente arriva sui tavoli italiani anche Chai! Un gioco da tavolo strategico rilassante e piacevole che mostra i denti grazie a dei componenti davvero stupendi. La versione utilizzata in questo tutorial è la Deluxe che, a dispetto dell’edizione base, offre le monete in metallo ed il tappeto di gioco disegnato!

Chai è un titolo strategico di stampo prevalentemente family per 1-5 giocatori ideato dal duo Dan e Connie Kazmaier e dalla durata media di circa 20-60 minuti per partita (range notevole, influenzato dal numero di partecipanti). Questa sua attitudine verso un’esperienza di gioco più godibile ed immediata per tutti, lo rende un titolo adatto veramente a tutti, grandi e piccoli (un 8+ secondo me giusto).

Panoramica di gioco

La meccanica di gioco a dir poco immediata richiede di soddisfare le varie carte cliente, andando a creare la miscela di tè da loro richiesta. Ogni giocatore avrà a disposizione delle azioni per acquisire tessere aroma di tè e segnalini di altri ingredienti provenienti dalla dispensa. Inoltre sarà possibile riservarsi dei clienti con anticipo, per permettersi di servirli senza troppa fretta.

VI SPIEGO IL REGOLAMENTO DI CHAI…

Ma non perdiamo altro tempo e andiamo subito a vedere come si gioca a Chai grazie al mio video tutorial, proprio qui sotto, dove vi spiego il regolamento nel dettaglio. Fatto ciò, potrete poi scoprire le mie impressioni sul gioco e se volete approfondire ulteriormente l’argomento, potete andare a leggere la recensione completa di Alessandra!

Vi ricordo brevemente che potete trovare questo e tantissimi altri video sui giochi da tavolo all’interno del mio canale Youtube “La Ludoteca di AleBoardGamer”. E se vi piacciono i miei lavori, potete iscrivervi al canale e cliccare sulla campanellina per non perdere le prossime (tante) novità!

LE MIE IMPRESSIONI SU CHAI…

Chai è una vera meraviglia per gli occhi. Poi per quelli che come me hanno avuto la fortuna di potersi godere anche i due add-on esclusivi (playmat e monete in metallo tutte intagliate), lo è ancora di più. A dire il vero, però, con tutto questo ben di Dio mi sarei aspettato un titolo un po’ più “complesso” dal punto di vista propriamente ludico. E invece ho scoperto che Chai è a tutti gli effetti un family-game di superlusso che strizza l’occhio a giocatori casual, alle famiglie, ma anche ai giocatori con più esperienza che lo troveranno come un modo per rilassare piacevolmente i neuroni.

Le tessere aroma

Il flusso di gioco è scorre che è una meraviglia e lo si impara in pochi minuti, grazie ad azioni chiare e mirate e ad un regolamento tanto essenziale quanto esaustivo; gli esempi raffigurati rendono subito chiaro il concetto, togliendo ogni dubbio sul nascere. I giocatori si trovano a dover gestire un discreto numero di informazioni e la forte interazione indiretta obbliga ad osservare bene anche l’operato degli avversari. A volte il gioco si trasforma in una mini-corsa, nel tentativo di servire un determinato cliente prima degli altri.

Seppur ritengo che Chai sia ben bilanciato in tutte le sue azioni, devo ammettere che mi piace un sacco la zona del mercato, la sezione puzzle dove dobbiamo acquisire le importanti tessere aroma di tè. Ogni presa risulterà molto importante per le nostre future mosse, così come per quelle degli sfidanti. Bisognerà anche sfruttare al meglio le abilità delle carte che si attivano quando ci riserviamo un cliente, un ottimo modo per compiere azioni anche quando non ne abbiamo la possibilità. Ah, consiglio spassionato, utilizzate sin da subito la variante che vi toglie dei punti nel caso in cui non riusciate a servire tutti i clienti da voi riservati: dà un senso ad un’azione altrimenti troppo vantaggiosa.

Vi consiglierei l’acquisto di Chai? A me è piaciuto molto, quindi la risposta è sì. Ma devo essere onesto ed il mio consiglio vira quasi del tutto a quelli che cercano un titolo leggero e semplice nelle sue meccaniche, facile da intavolare e da giocare con bimbi, ragazzi e con chi non ha molta esperienza nel mondo dei giochi da tavolo. Se invece cercate un titolo impegnativo e complesso, allora con molta probabilità Chai non è il titolo che state cercando.

UNA FOTOGALLERY DEDICATA A CHAI

Un grosso grazie a TE per avermi dedicato qualche minuto del tuo tempo ed aver letto questo articolo! Ti ricordo che puoi seguirmi anche su Instagram (AleboardGamer) e su Youtube (La Ludoteca di Aleboardgamer). Ci si vede alla prossima recensione!

Alessandro “AleBoardGamer” Pugliese

 

Alessandro Pugliese
Classe '83, fiero torinese ed assiduo instagramer con lo pseudonimo "aleboardgamer", si diverte a spiegare regolamenti sul suo canale Youtube "La Ludoteca di AleBoardGamer". Amante dei giochi da tavolo sin dalla tenera età di sei anni quando gli vennero regalati titoli d'antologia come Brivido, Hero Quest e L'isola di Fuoco, la sua missione è quella di espandere il credo dei boardgames per distogliere l'attenzione dagli smartphones e convincere le persone a riunirsi attorno ad un tavolo per socializzare, sviluppare l'ingegno e soprattutto divertirsi.