Silent Hill 3 – Perché Heather Mason è il miglior personaggio del franchise?

Perché Heather Mason di Silent Hill 3 è il miglior personaggio del franchise? Scopriamolo insieme!

Heather Mason di Silent Hill 3 è un ottimo esempio di come un personaggio possa diventare di spessore con una personalità tutta sua ben definita. In un genere come l’horror, è probabile che vedrai i personaggi principali relegati a una posizione di potere o qualcuno che finisce per essere completamente fuori dal coro in questo senso. Ciò che rende Heather così avvincente è che non rientra in nessuna di queste categorie: una protagonista che non è eccessivamente preparata ma è tutt’altro che debole e che quasi si rifiuta di essere spaventata da qualsiasi cosa orribile che si svolge intorno a lei.

Dopo essersi ritrovata a partecipare riluttante ai piani di una setta per portare un nuovo dio nel mondo, Heather si reca nella città di Silent Hill per contrastare le loro azioni, scoprendo anche i segreti del suo passato. Silent Hill  è una serie che pone una forte attenzione ai pensieri introspettivi, e quando si leggono le riflessioni di Heather ogni volta che si esaminano gli elementi del gioco, si incontrano le sue osservazioni spiritose e spesso sorprendentemente accurate su argomenti a tutto tondo. Una grande rappresentazione di ciò si presenta sotto forma di punti di salvataggio del gioco, che sono un simbolo rosso noto come Halo of the Sun. Guardando i punti di salvataggio, fa spesso commenti ironici su di essi, chiedendosi se le farà di nuovo male la testa se lo fissa, o se sarà maledetta in qualche modo se calpesta uno che si trova sul pavimento.

C’è una natura concreta con cui risponde a situazioni che non si vedono spesso nei giochi horror, che tendono a favorire i protagonisti che sono avvolti dal mistero. Poiché il gioco non è pieno fino all’orlo di filmati, spesso impari di più su Heather attraverso i suoi processi di pensiero interiore piuttosto che attraverso i filmati stessi. È un personaggio che sta facendo i conti con gli orrori che la circondano e, a causa della sua personalità e dei suoi legami con il mondo, la sua presenza rende l’esperienza unica nello spazio dei giochi horror.

Ciò che la rende così speciale, in particolare per quanto riguarda i giochi, è il modo in cui la sua personalità si manifesta attraverso i suoi pensieri. Basta guardare il resto degli altri giochi del Team Silent per vedere quanto si differenzia da quelli che l’hanno preceduta e da cosa è venuto dopo. Nello specifico, quando diamo un’occhiata a Harry nell’originale Silent Hill, vediamo un uomo sopra la sua testa, che intraprende un viaggio per riconquistare sua figlia. In Silent Hill 2, James si comporta quasi come se fosse in un sogno, e noi come giocatori stiamo svelando il mistero insieme a lui. 

Silent Hill 4 ci dà facilmente il protagonista più debole nei quattro giochi di Team Silent, poiché Henry si presenta più come un tipico protagonista di un gioco di ruolo in bianco e nero, con poco o niente per dargli qualsiasi tipo di vera personalità. Nel frattempo, un’adolescente di 17 anni come Heather eccelle in queste situazioni ultraterrene. A causa della sua età, ha un certo atteggiamento che è diverso da ogni altro protagonista della serie fino a questo punto, poiché le sue osservazioni sugli eventi orribili di cui è circondata finiscono per essere più come un adolescente infastidita che come qualcuno che ha paura per la propria vita.

La cosa grandiosa è che non è un personaggio frustrante da interpretare, ma piuttosto si presenta come un personaggio realista; ha accettato la situazione in cui si trova ed è consapevole di cosa deve fare per uscirne. È anche un personaggio davvero unico in quanto, mentre giochi, scopri che ha un’eredità dietro di sé di cui il pubblico è consapevole solo se ha già familiarità con la serie. La sua connessione con l’originale Silent Hill consente una pietra di paragone familiare che è utile per creare una comprensione più profonda delle sue motivazioni.

Un altro aspetto interessante di Heather è il fatto che non si spaventa così facilmente. Al di fuori del capitolo di apertura, che la vede spinta nell’altro mondo mentre deve affrontare i mostri, si abitua rapidamente agli orrori che la circondano. Per i nuovi arrivati, questo potrebbe sembrare un po’ strano, dato che a volte sembra quasi che sia ignara della situazione. Tuttavia, mentre giochi, è facile capire perché potrebbe sembrare stanca mentre interagisce con questi mostri infernali. C’è davvero solo un punto nella seconda metà del gioco in cui mostra di essere veramente spaventata, e questo non comporta nemmeno un confronto con i mostri. Invece, è una reazione a qualcosa che un personaggio le rivela riguardo ai mostri che ha ucciso.

Questo è perfettamente rappresentato man mano che il gioco progredisce. Quando Heather arriva effettivamente a Silent Hill nella seconda metà del gioco, lentamente ma si abitua più agli orrori che la circondano. Questo raggiunge un punto di rottura durante un importante combattimento con un boss, ed è costretta a confrontarsi con nemici temibili mentre fa anche i conti con i suoi ricordi fino a quel momento soppressi. Il Team Silent ha fatto un ottimo lavoro nell’aggiungere chiaramente un punto di divisione nella storia del gioco ed è una bella direzione narrativa per Heather.

Fino a questo punto ha dovuto suddividere rapidamente in compartimenti una serie di eventi orribili. Dopo questa divisione, diventa chiaro che, sia lei che il giocatore, sono ora pronti per gli orrori di ciò che la città di Silent Hill deve lanciarle contro. Heather non chiede mai veramente aiuto, ed è chiaro quanto sia indipendente all’inizio quando deve combattere i mostri nei primi momenti del gioco. La sezione finale di Silent Hill 3 è una delle aree più orribili della serie, ma dal modo in cui Heather la attraversa penseresti che sia normale routine.

C’è una chiara comprensione di come ora ha accettato le sue situazioni passate e presenti. Quasi 20 anni dopo la sua uscita iniziale, HeatherSilent Hill 3 continuano a resistere. Nel tempo i giochi del Team Silent hanno continuato a crescere in popolarità, ed è comprensibile quando hai personaggi simpatici e unici come Heather nei ruoli principali. Non è mai un personaggio definito o paralizzato dalle sue paure, ma usa invece i suoi traumi e le esperienze passate per andare avanti nella sconfitta del male.
Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”