10 ottimi giochi a tema vichingo per amanti della mitologia norrena

La mitologia norrena ha affascinato le persone per secoli e anche la sottoscritta è caduta sotto i colpi dell’immaginario nordico e dei suoi correlati. Fortunatamente per noi amanti del mondo vichingo, il settore videoludico si è riempito nel corso degli anni di numerose opere narranti proprio questo immaginario: oggi ve ne proponiamo dieci, 10 giochi a tema vichingo per tutti coloro che, come me, non sanno farne a meno!

Prima di iniziare, mi sembra doveroso specificare che il seguente elenco di titoli non è ordinato secondo alcun criterio specifico: è una semplice selezione, una lista di consigli videoludici a tema dai quali attingere (io in primis).

Cominciamo!

Ancestors Legacy – PC, PS4, Xbox One, Nintendo Switch

Ancestors Legacy è un RTS a tema medievale dalle meccaniche piuttosto semplici e quindi molto adatto a chi è nuovo nel genere.

I popoli proposti dal gioco sono gli anglosassoni, i tedeschi, gli slavi e ovviamente i vichingi, con tanto di DLC che ci permette di vestire i panni di Saladino e dominare sia l’Egitto che la Siria. La resa culturale delle popolazioni proposte è più che soddisficante e nei panni del popolo nordico si respira quell’aria di “saccheggio e navigazione” che è giusto sentire, quando si fa riferimento al popolo che osannava Odino.

Il gioco vanta 40 missioni suddivise tra 4 campagne differenti, esclusa quella del DLC, e il multiplayer vi consente di dinamizzare il contenuto base scontrandovi con altri giocatori online.

Per chi volesse provarlo senza investirci sopra, inoltre, è possibile avere accesso ad una versione gratuita definita Paesant Edition, che vi consente di giocare 4 missioni single-player e 17 mappe in multiplayer.

Niente male, vero?

For Honor – PC, PS4, Xbox One

Anche se non è stato quel “colpo di mercato” che gli utenti (e la stessa Ubisoft) stavano aspettando, For Honor si è rivelato essere un ottimo titolo e uno dei migliori giochi a tema vichingo se si ama il PvP.

Le fazioni incluse nel gioco sono quella dei Cavalieri, dei Samurai e, appunto, dei Vichinghi; in seguito è stata aggiunta anche quella dei Wu Lin.

Concentrandosi sulla fazione che ci interessa, ovvero quella dei nostri amati norreni, è possibile scegliere tra ben 7 classi differenti: Razziatori, Sciamani, Berserker, Condottieri, Jormungandr, Highlander e Valchirie. Ovviamente, ogni classe ha armi, abilità e stili di gioco diversi, anche se la produzione si prende più di qualche licenza artistica e storica, questo va detto.

Tuttavia, il gioco risulta divertente e godibile. Provate a dargli una chance!

Assassin’s Creed Valhalla – PC, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S

Restando in casa Ubisoft, non si può non citare il recente Assassin’s Creed Valhalla, che ha avuto l’ardire di portare l’immaginario degli assassini nel mondo norreno e, diciamolo, di farlo anche in modo molto convincente.

Vestiremo i panni di Eivor nel viaggio di espansione verso le terre inglesi, avendo modo di incontrare alcuni tra i più iconici personaggi dell’era vichinga, come Ivar Senz’ossa, Harald Faihair, Re Alfred il Grande e molti altri.  Se avete visto Vikings (e se non lo avete fatto cospargetevi il capo di cenere e fatelo!) ne riconoscerete parecchi.

Valhalla riprende il percorso dei suoi predecessori e propone delle meccaniche RPG in un mondo open-world ricco di attività e di scenari ben realizzati, concentrandosi moltissimo sulla resa “storica e stilistica” piuttosto che sull’anima da Assassin’s Creed.

Questo lo rende un discutibile capitolo della saga, ma un ottimo gioco dedicato al mondo norreno: non perdetevelo!

The Banner Saga – PC, PS4, Xbox One, Nintendo Switch, Android

Con The Banner Saga entriamo in un campo che mi appassiona molto, ovvero quello degli strategici.

Il titolo non è solo un esponente del suo genere di grande valore, grazie soprattutto al giusto bilanciamento della difficoltà offerto e alla buona varietà di unità schierabili e di gestione del sistema a turni, ma è anche un gioco dall’anima artistica e narrativa invidiabili.

La storia si basa largamente sulla mitologia norrena, attingendo a piene mani da un immaginario che ben si presta alla narrativa che Stoic Studio aveva in mente per il suo prodotto e che restituisce  ai giocatori un’esperienza interessante, drammatica e dall’aria “epica”.

La resa artistica, poi, non è assolutamente discutibile e bastano pochissimi screenshots del gioco per conquistare qualsiasi scettico.

Consigliatissimo.

The Elder Scrolls V: Skyrim – PC, PS3, PS4, PS5, Xbox 360, Xbox One, Xbox Series X/S, Nintendo Switch

Scusateci eh, ma un gioco che gira praticamente su tutte le piattaforme passate e presenti poteva essere escluso da una selezione del genere?

Skyrim è certamente uno dei titoli ad ispirazione nordica più famosi di tutti i tempi e la sua nomea è dovuta non solo ad un’ottima qualità (bug a parte), ma anche ad una delle atmosfere più centrate dell’universo videoludico.

Il mix tra guerrieri, dei, draghi e magia restituisce un’avventura sicuramente indimenticabile e un’esperienza immancabile per chi ama andarsene a zonzo tra la neve.

Quindi su, cosa aspettate a comprare una delle 1000 edizioni presenti sul mercato?

Jotun – PC, PS4, Xbox One, Nintendo Switch

Jotun è sicuramente uno dei titoli più sconosciuti di questa lista, nonché uno dei più sottovalutati.

Ambientato in un mondo chiaramente ispirato alla mitologia norrena, il gioco ci mette nei panni di Thora, un guerriero caduto in disgrazia che dovrà redimere se stesso agli occhi degli dei sconfiggendo delle gigantesche creature elementali, gli Jotun.

Ovviamente, sconfiggendoli tutti potrà avere accesso al Valhalla… e incontrare Odino.

Abbatterli non sarà semplice, a causa delle loro molteplici abilità, ma il nostro guerriero non sarà impreparato e grazie anche alle nostre capacità di gestione dei pericoli, e dei nostri stessi poteri, potrà incedere nell’avventura.

Sicuramente non sarà il capolavoro che stavate aspettando, ma dal punto di vista artistico e da quello del setting norreno non ha nulla da invidiare a nessuno!

Northgard – PC

Inseriamo nella nostra lista un altro RTS, che male non fa!

In Northgard prendiamo il controllo di uno dei molteplici clan presenti e ci espandiamo nel tentativo di colonizzare l’intera landa omonima, imbattendoci in altri clan rivali e in creature di ogni genere, selvagge e non-morte.

Il gioco ci complica la vita abbattendo sui nostri vichinghi gli elementi e costringendoci a calcolare ogni raccolto, spostamento e minima scelta per sopravvivere agli imprevisti generati dal cambiamento stagionale.

Il titolo offre 11 clan tra i quali scegliere, ognuno con abilità specifiche, sebbene la maggior parte sia inclusa in un DLC a pagamento.

L’esperienza base, in ogni caso, offre parecchia soddisfazione e il divertimento, nonché l’impegno, è assicurato.

Hellblade: Senua’s Sacrifice – PC, PS4, Xbox One, Xbox Series X/S, Nintendo Switch

Si, lo so: ammettere che i vichinghi erano una gran brutta gatta da pelare non è semplice per noi amanti del loro mondo, ma giocare ad Hellblade: Senua’s Sacrifice ci facilita sicuramente il compito.

Parlare di questo titolo non è semplice, in quanto l’opera di Ninja Theory offre un’esperienza particolarissima e fortemente narrativa, con un gameplay risicato e ampiamente criticabile, ma quello che posso sicuramente dirvi è che la storia di Senua vi cambierà… e molto.

La mente della protagonista è il vero perno dell’esperienza e il team si è impegnato a restituire la visione di un soggetto affetto da disturbi mentali nel migliore dei modi, mostrandoci attraverso gli occhi di Senua un mondo che non è mai stabile, in bilico tra reale e irreale.

Gli sviluppatori sono arrivati a collaborare sia con pazienti ricoverati preso istituti di recupero che con neuropsichiatri di rilievo, pur di rendere l’esperienza il più vera possibile.

E tutto (e quando dico tutto, intendo TUTTO) in Hellblade ci destabilizza, ci fa porre domande e ci offre un’esperienza qualitativamente elevatissima, sia dal punto di vista grafico che sonoro, con un sound design invidiabile da produzioni AAA ben più famose.

Un gioco unico, indescrivibile e da giocare, a mani bassissime.

God of War – PS4, PC

God of War è stato, contro ogni mia personalissima aspettativa, uno dei migliori giochi ad ispirazione norrena che abbia mai giocato. E fidatevi, non avevo grandi speranze.

Il lavoro di Santa Monica è stato eccellente, soprattutto considerato il passaggio da un mitologia molto diversa come era quella greca, ed il team è stato capace di restituire ai giocatori non solo la splendida storia di Kratos ed Atreus, ma anche una panoramica sull’immaginario norreno e su gli dei che lo popolano di grande valore.

Inoltre, lo stile di gioco selezionato dagli sviluppatori ben si adatta ad un’avventura nettamente più matura e complessa, ambientata in un mondo ricco di nuove divinità da fronteggiare, ma con una nuova responsabilità sulle spalle: essere padre.

Un prodotto imperdibile.

Valheim – PC (Accesso Anticipato)

Concludiamo la rassegna vichinga con un titolo di quest’anno, un open-world dallo stampo survival che sta incantando gli appassionati: Valheim.

In realtà, il gioco non propone chissà quali innovative meccaniche di gameplay che possano far esplodere le nostre menti e stregarci… ma funziona, e funziona benissimo.

Il mondo ostile proposto dagli sviluppatori non va affrontato in quella incessante solitudine che gran parte delle produzioni affini incoraggiano, ma cooperando attivamente con gli altri giocatori, al fine di trovare le tecniche di sopravvivenza più adatte ad ogni situazione.

Inoltre, il gioco è ancora in Accesso Anticipato, e moltissimi aspetti potranno essere migliorati o implementati. Il prodotto è qualitativamente in divenire… teniamolo d’occhio!

Fateci sapere se questo elenco vi è stato utile e se il vostro viaggio alla scoperta dei prodotti “nordici” si è arricchito di nuovi tasselli.

Inoltre, se avete ulteriori consigli, condivideteli con noi!

Valentina Malara
Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!