Il Bucato – Recensione – Hiridia

Il Bucato – Recensione gioco da tavolo – Hiridia

Oggi vi racconto di un piccolo e divertente gioco da tavolo per bambini… fare le lavatrici non sarà mai stato più piacevole, ecco Il Bucato!

Quant’è vero che i bimbi vogliono copiare tutte le nostre faccende di casa? “Mamma posso aiutarti a cucinare?”, “Mamma posso aiutarti a passare l’aspirapolvere?”, “Mamma posso aiutarti a fare la lavatrice?”. A casa mia queste domande sono all’ordine del giorno, cerco di accontentarli mettendo in conto che inevitabilmente mi ci vorrà un po’ di più a fare tutto il resto.

Con il gioco Il Bucato sarà divertente vederli alle prese nel riempire le lavatrici facendo attenzione ai colori o alla cacca dei piccioni! Divertimento assicurato per tutta la famiglia!

Il Bucato Recensione Hiridia

IL BUCATO – COME SI GIOCA in breve…

Distribuiamo ad ogni giocatore una plancia, un Gettone, un segnalino Lavaggio Sbagliato e 6 Indumenti pescati a caso dal sacchetto. Gli Indumenti devono essere per ora tutti rivolti dal lato che li mostra sporchi.

All’inizio di ogni turno peschiamo Indumenti fino ad averne 6 nella nostra riserva, dopodiché se abbiamo panni stesi ad asciugare ritiriamoli solo dopo aver controllato il meteo. Tiriamo dunque il dado richiesto, se uscirà il Sole vorrà dire che sono belli asciutti e possiamo utilizzare la nostra azione per ritirarli; se uscirà come risultato la Pioggia, lasceremo il bucato steso per un ulteriore turno; se invece il risultato del dado sarà la temibile Cacca di Piccione, dovremo scegliere un filo e rimettere tutti gli indumenti su di esso all’interno del sacchetto. Si può usare il gettone Asciugatrice solo una volta in tutta la partita, in tal caso non ci sarà bisogno di lanciare il dado.

Scopri l’unboxing ed il setup del gioco! CLICCA QUI!

Il Bucato Recensione Hiridia

Una volta pescato e controllato il meteo avremo a disposizione fino a due delle seguenti azioni:

CARICARE LA LAVATRICE: prendiamo i nostri vestiti sporchi e mettiamoli nella nostra lavatrice la cui non potrà contenerne più di 5. Il lavaggio durerà fino al turno successivo. Se gli indumenti sono tutti dello stesso colore il lavaggio andrà sicuramente bene, se invece ci sono indumenti di colori diversi sarà necessario lanciare il dado e stabilire se il lavaggio sarà corretto o sbagliato. Nel primo caso sarà possibile stendere i vestiti, nel secondo caso posizioneremo accanto alla lavatrice il segnalino del lavaggio sbagliato quindi attendere un nuovo turno al termine del quale il lavaggio avrà sicuramente successo.

STENDERE UN BUCATO LAVATO: preleviamo i vestiti dalla lavatrice e stendiamoli sui due fili disponibili con il loro lato pulito visibile. Se un filo è già occupato anche con un solo indumento da un precedente lavaggio, questo non potrà contenerne altri, quindi gli indumenti rimarranno nella lavatrice.

RITIRARE IL CAPO ASCIUTTO: gli indumenti asciutti possono essere ritirati e conservati accanto la plancia.

La partita volge al termine nel momento in cui il sacchetto è privo di indumenti. Da questo momento si giocherà fino a che un giocatore termina tutte le tessere dalla riserva, nella lavatrice e nei fili stesi. Si conteranno gli indumenti messi da parte e chi ne avrà di più sarà il vincitore.

Seguimi sul sito! Trovi tutte le mie recensioni e molto altro a QUESTO LINK!

IL BUCATO – RECENSIONE – Impressioni del gioco

Indubbiamente la cosa che mi ha colpita al primo istante sono state le illustrazioni, e non solo a me! I miei figli appena hanno visto la scatola non vedevano l’ora di sbirciare all’interno. L’idea, seppur semplice di fare le lavatrici per cercare di vincere la partita, li ha entusiasmati.

La tematica infatti non potrebbe essere più familiare, si respira la vita quotidiana della famiglia in tutto e per tutto, cosa che a loro e tutti noi rassicura e conforta.

Pochissime regole rendono il gioco fruibile a chiunque, i bambini saranno sollevati di non avere mille cose da ricordare.

Tutto estremamente naturale: riempi la lavatrice, stendi e asciuga. Le piccole difficoltà nell’imprevisto del 50% di non riuscire in un lavaggio di capi di colore misto o poco più del 33% di essere bagnati dalla pioggia o quell’unica possibilità che esca dal dado a 6 facce la cacca di piccione rende il tutto divertente, realistico e inaspettato.

Passeremo quei 10-20 minuti spensierati al tavolo con i bimbi tra sorrisi e serenità. Un pizzico di strategia è richiesta, ma verrà a loro molto naturale visto che la tematica li porterà a fare un ragionamento logico per averlo già magari vissuto o sentito dai genitori o nonni mentre fanno realmente il bucato.

L’unico dubbio che ho è che con il passare del tempo i bimbi lo potrebbero cominciare a trovare ripetitivo viste le poche azioni a disposizione.

Il gioco è a tratti frustrante per i più piccini a cui capita di non riuscire a ritirare il bucato per vari turni di seguito.

Materiali buoni, dadi piccini in legno e plance assolutamente adorabili fronte retro specchiate per destrorsi e sinistrorsi, ognuna con uno scenario differente. Potremo scegliere la nostra casa in base all’arredamento e al luogo in cui si vuole vivere…

Ad esempio avremo a disposizione una plancia con la lavatrice posizionata in un seminterrato e la parte esterna per stendere i panni avrà un piccolo cortile abitato da un cagnolino adorabile che fa amicizia con un topino; oppure la lavatrice in uno stanzino delle faccende e fuori una splendida fattoria con maiali, galline e oche; o la lavatrice nella cucina e l’esterno di un balcone in città con uno scoiattolo e uccellini qua e là; l’ultima plancia con la lavatrice in bagno e fuori un piccolo giardino con un gattino che gioca assieme ad un riccio. Piccole scenette in cui ci si possono raccontare tante storie adorabili.

Alessandra1982giochidatavolo

Un ringraziamento a Hiridia Edizioni per avermi fornito la copia del gioco da recensire.
Alessandra Canini
Alessandra1982giochidatavolo - E' un'avida consumatrice di Giochi da Tavolo, Librigame, LEGO, Serie TV e Blockbuster. Lavora in diversi settori del suo più divertente hobby, ovvero i GdT! Vive nella campagna romana da dove riesce a vedere la Contea. Assidua frequentatrice della cittadina di Arkham nel Massachusetts.