Halo Infinite – Prestazioni impressionanti su Xbox Series X e Xbox One X

Gli ultimi test tecnici di Halo Infinite sono in pieno svolgimento. Lo scorso fine settimana, l’azione è iniziata con il trio di mappe che abbiamo visto nell’anteprima iniziale, supportato da nuove mappe di gioco, opzioni di allenamento offline e il debutto a sorpresa di una nuova mappa “Behemoth“.

I test di Halo Infinite continuano questo fine settimana e l’arrivo di grandi battaglie a squadre è allettante. Sulla base di ciò che si è giocato, le versioni console sembrano complessivamente più impressionanti e ci sono buone notizie in termini di miglioramenti alle modalità di prestazioni del gioco su Xbox Series X e, forse sorprendentemente, Xbox One X.

Tuttavia, la verità è che per la maggior parte, la composizione tecnica di Halo Infinite è per lo più invariata rispetto al debutto del test multiplayer del gioco. Quindi, per ricapitolare, Xbox One S è chiaramente la versione più sfidata. Tenta di funzionare a 1080p ma ha un ridimensionamento dinamico della risoluzione aggressivo, spostando in modo indipendente il conteggio dei pixel su entrambe le risoluzioni orizzontali e verticali. Questo può sembrare piuttosto approssimativo, una situazione non aiutata da un limite di 30fps che vede i nuovi fotogrammi distribuiti in modo non uniforme, aggiungendo ulteriore choppiness. Tuttavia, è Halo Infinite, è giocabile e anche se sarai svantaggiato giocando contro gli utenti Xbox su qualsiasi altra console, è comunque divertente.

Xbox Series S? Ancora una volta, è per lo più invariato dalla prima volta che abbiamo visto il codice multiplayer e funziona senza intoppi a quelli che sono essenzialmente 60 frame al secondo bloccati. Non ci sono pretese a 1440p qui: stai ottenendo un’esperienza coerente a 1080p e mentre viene ancora utilizzato lo scaling dinamico della risoluzione, è difficile trovare aree in cui si notano cali consistenti. Tuttavia, la modalità 120Hz trovata nel primo volo di prova è sparita. Quando abbiamo dato un’occhiata per la prima volta, in realtà ha funzionato in modo più fluido rispetto alla modalità equivalente della serie X, ma la risoluzione potrebbe raggiungere i minimi di 540p. Forse 343 Industries sta avendo un ripensamento.

Nel frattempo, la modalità prestazioni della Serie X è chiaramente in uno stato molto migliore rispetto a prima. Con l’eccezione di cadute di fotogrammi una tantum (essenzialmente invisibili all’occhio umano), è un blocco di 120 fotogrammi al secondo, con una finestra DRS di circa 1080p a 1440p. A parte alcune animazioni a 60 fps, il movimento e la fluidità sono eccezionali, la grafica regge bene nonostante la risoluzione fluttuante e, nel complesso, è un trionfo. È interessante notare che l’accesso a 120 fps viene ottenuto tramite qualità/prestazioni che non funzionava affatto nella prima anteprima. Questa volta, l’opzione funzionana, consentendo di passare tra le modalità 60fps e 120fps ma solo se il trattino è impostato su un’uscita a 120Hz. Non sorprende che se sei impostato su un’uscita a 60 Hz, otterrai solo la modalità qualità, che sembra offrire un intervallo di scaling dinamico 1800p-2160p. Entrambe le opzioni funzionano fondamentalmente senza problemi e in questo momento, Series X offre l’esperienza migliore.

Ma forse la più grande sorpresa nell’ultimo round di test è Xbox One X, che al suo debutto sembrava impressionante con una grafica simile all’esperienza di Series X ma era limitata a 30 fps, con molti meno problemi di frame pacing rispetto alle versioni One S . Hai l’aspetto, ma fondamentalmente uno sparatutto in prima persona ad alta velocità che gira a 30 fps non si sente così bene e ti mette in svantaggio rispetto ai giocatori della serie Xbox. Ancora una volta, l’interruttore qualità/prestazioni è stato corretto e la sorpresa è che quest’ultima opzione ora offre 60 fps, il che non è proprio stabile come l’esperienza della serie, ma è davvero molto, molto vicino. Ancora una volta sembra simile alla modalità prestazioni della Serie X che funziona a metà del frame-rate, con un intervallo di risoluzione dinamica corrispondente da 1080p a 1440pI 60 fps hanno resistito anche nella mappa Behemoth più ampia, che è più aperta e con veicoli. Le prestazioni possono scendere negli anni ’50, ma il miglioramento rispetto alla modalità di qualità è trasformativo.

Basandosi almeno sulle proiezioni della scorsa settimana, è il PC che è preoccupante. Innanzitutto, in modo simile al primo volo, l’esecuzione con v-sync su uno schermo a 60Hz richiede l’utilizzo del limitatore a 60fps in-game, che in realtà sembra funzionare invece a 57-59fps, causando balbuzie (superate solo disattivando v-sync e abilitandolo con il pannello di controllo della GPU). Visualizza le animazioni delle armi spesso sembrano aggiornarsi a una velocità inferiore rispetto al resto del gioco, mentre abbiamo scoperto che anche con impostazioni basse a 1440p, un RTX 3090 non poteva eseguire costantemente il gioco a 120 fps, con prove che suggeriscono che la GPU non è vicina al pieno utilizzo. Daremo un’occhiata all’aggiornamento di questo fine settimana, ma la nostra esperienza della scorsa settimana non è stata positiva.

E questa è l’eccezione e non la regola, perché sicuramente da una prospettiva multiplayer, Halo Infinite si sta configurando molto, molto bene su console. A parte la rozza versione base per Xbox One, tutti hanno la possibilità di giocare a uno sparatutto in arena brillante e coinvolgente, veloce, fluido e reattivo. È Xbox One X che ci ha sorpreso di più questa volta ed è bello vedere che le capacità della macchina non sono state trascurate e che c’è una strada da percorrere per eguagliare le prestazioni di base della nuova ondata di macchine. In effetti, sotto diversi aspetti, sta mettendo in evidenza Xbox Series S in termini di caratteristiche grafiche.

Sì, ci sono alcuni difetti (glitch grafici e bot “bloccati” su macchine di ultima generazione, interruttori di prestazioni/qualità che devono essere ripristinati manualmente ad ogni gioco), ma il gioco ha debuttato con grandi aspettative e i miglioramenti sono impressionanti.

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”