Tutorial giochi da tavolo – The King is Dead – Studio Supernova

Panoramica di gioco

Con questo video tutorial voglio insegnarti a giocare a The King is Dead, una riedizione deluxe di un grande titolo di Peer Sylvester (datato 2015) e portato in Italia grazie alla localizzazione dei ragazzi di Studio Supernova.

The King is Dead è un gioco da tavolo strategico per 2-4 giocatori, le cui partite hanno una durata che può variare dai 30 ai 45 minuti. Molto essenziale dal punto di vista dei materiali (comunque di ottima fattura), il titolo di Sylvester propone una profondità di gioco che ha sicuramente pochi eguali. L’ambientazione ci porta in un’antica Britannia, la quale ha appena perso il proprio Re. Quindi, gallesi, inglesi e scozzesi faranno di tutto per conquistare il posto sul trono. I giocatori dovranno cercare di muovere tutte e tre le fazioni in gioco con lo scopo di ottenere la maggiore influenza della fazione che dominerà più territori britannici. Come? Con astuzia, strategie e solamente otto carte.

Ma non perdiamo altro tempo ed andiamo subito a vedere come si gioca a The King is Dead grazie al mio video tutorial, proprio qui sotto, dove vi spiego il regolamento nel dettaglio. E se volete sapere cosa ne penso del gioco, non perdetevi la mia recensione completa!

Vi ricordo brevemente che potete trovare questo e tantissimi altri video sui giochi da tavolo all’interno del mio canale Youtube “La Ludoteca di AleBoardGamer”. Inoltre, se vi piacciono i miei lavori, potete iscrivervi al canale e cliccare sulla campanellina per non perdere le prossime (tante) novità!

Alessandro Pugliese
Classe '83, fiero torinese ed assiduo instagramer con lo pseudonimo "aleboardgamer", si diverte a spiegare regolamenti sul suo canale Youtube "La Ludoteca di AleBoardGamer". Amante dei giochi da tavolo sin dalla tenera età di sei anni quando gli vennero regalati titoli d'antologia come Brivido, Hero Quest e L'isola di Fuoco, la sua missione è quella di espandere il credo dei boardgames per distogliere l'attenzione dagli smartphones e convincere le persone a riunirsi attorno ad un tavolo per socializzare, sviluppare l'ingegno e soprattutto divertirsi.