God of War: Ragnarok – Il combattimento consentirà più “espressività” ai giocatori

God of War: Ragnarok darà ai giocatori molti più strumenti da usare durante il combattimento con i nemici, che saranno più impegnativi.

La rivelazione ufficiale di God of War: Ragnarok al PlayStation Showcase della scorsa settimana è stata seguita da molti altri nuovi dettagli sul gioco che sono venuti alla luce e uno degli elementi del gioco su cui abbiamo appreso alcune cose interessanti è il combattimento. Il combattimento di God of War (2018) era meccanicamente eccellente così com’è, ma parlando in un’intervista con IGN, Eric Williams che sostituisce Cory Barlog come regista per il prossimo sequel, ha affermato che Ragnarok si espanderà su quelle basi in vari modi.

Una delle cose su cui Williams dice che il Santa Monica Studio si è concentrato durante lo sviluppo di God of War: Ragnarok è l’espansione del set di strumenti per consentire una maggiore varietà ai giocatori di essere più espressivi in ​​combattimento” God of War 2 e Ghost of Sparta sono probabilmente i due giochi preferiti su cui ho lavorato”, ha detto Williams, che ha lavorato a tutti i precedenti titoli principali di God of War“C’era un metodo per entrambi quei giochi, prendere la base e poi dire: ‘Sai una cosa, andiamo in profondità sul servizio di fan. Andiamo alla grande sulla varietà, ma non di più solo per avere di più. Più che fosse adeguatamente strutturato.”

“Per essere la prima volta da regista, prenderò le lezioni di storia del passato e le userò per provare a farlo. Quindi in Ragnarok , quello che stiamo cercando di fare nello specifico con Kratos, stiamo cercando di dare molta più espressività al giocatore”.

Williams ha spiegato che quell’espressività arriverà da varie fonti, inclusa la progressione attraverso l’attrezzatura. Nel frattempo, anche Atreus sarà più coinvolto nei combattimenti“Il modo in cui lui e Kratos si uniscono, è cresciuto un po’, quindi ha molti più follow-up e configurazioni per Kratos”, ha detto Williams.

Ha aggiunto che anche i nemici saranno più capaci di affrontare tutte le minacce che i giocatori possono porre e avranno anche alcuni dei loro assi nella manica“Ovviamente le creature devono avere strumenti per contrastarlo, altrimenti le distruggerai”, ha spiegato Williams“Quindi le creature hanno cose nuove a cui dovrai pensare, ‘Oh, potrei aver bisogno di abbatterle prima con Atreus, o farlo con Kratos.”

“Ci sarà un po’ più di conversazione con i nemici con tutti i nuovi strumenti. Ma poiché puoi avere strumenti diversi, allora hai conversazioni diverse, quindi puoi spingerli in un modo o in quell’altro.”

Infine, Williams ha fatto riferimento al momento nel  trailer di God of War: Ragnarok in cui Kratos usa le sue Blades of Chaos per tirarsi su da una sporgenza più alta, essenzialmente usandole come un rampino. Come spiega, quella meccanica consentirà più incontri verticali, “quasi il re della collina” nel gioco, e che i nemici trarranno vantaggio anche dalla verticalità degli ambienti.

“La varietà fine a se stessa non è affatto una cosa scontata per noi. È lì per servire a ciò che stiamo cercando di fare”, ha detto Williams. “Kratos si aggrappa alla sporgenza con una catena e poi si scontra con il nemico e se ne va, non potresti fare cose del genere nella versione del 2018. Ora c’è un po’ di verticalità, quindi cambia il modo in cui un giocatore si esprime sul campo di battaglia.

God of War: Ragnarok verrà lanciato nel 2022 per PS5 e PS4SIE Santa Monica Studio ha anche confermato che sarà il gioco finale della saga norrena della serie.

Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”