PT – Nel bene e nel male nel cuore di tutti

All’inizio di questo agosto abbiamo festeggiato il settimo anniversario di PT, la demo giocabile di Silent Hill, è una delle storie più strane dell’industria dei videogiochi negli ultimi dieci anni, ed è un titolo con un’eredità che continua a vivere, nel bene e nel male nel cuore di tutti.

Quando è stato rivelato Silent Hill per la prima volta come un misterioso gioco horror alla Gamescom 2014, c’è stato un periodo di tempo in cui sembrava che fosse l’unico titolo di cui si parlava. C’è stata una folle corsa per capire meglio cosa fosse esattamente questo titolo, e solo quando abbiamo finito la demo abbiamo avuto una grande rivelazione. Come si è scoperto, la demo era un teaser interattivo per l’ultimo capitolo della serie Konami, Silent Hill.

L’eccitazione che circondava PT era come la tempesta perfetta. La demo stessa si concludeva con un teaser per il gioco in arrivo, rivelando il cast e la troupe stellari che avrebbero lavorato al titolo e che sarebbero stati guidati dall’icona del settore Hideo Kojima. Uno degli interpreti sembrava essere Norman Reedus di The Walking Dead e includeva il coinvolgimento del regista Guillermo del Toro. In seguito sarebbe stato anche rivelato che il famoso artista giapponese di manga horror Junji Ito avrebbe collaborato al progetto.

In una estromissione molto pubblica, Kojima è uscito da Konami e, con esso, Silent Hills è stato cancellato. La società ha compiuto un ulteriore passo avanti, rimuovendo la demo di PT dal PlayStation Store.

Questa cancellazione della demo e la successiva cancellazione del progetto hanno portato a una pioggia di contenuti ispirati a PT. Diversi fan remake della demo sono apparsi su PC nel corso degli anni, mentre cercavano di riprendere ciò che è stato portato via da Konami. Giochi come Visage hanno avuto una chiara influenza dalla demo, come dimostrato da una campagna Kickstarter di successo relativo rilascio nell’ottobre del 2020. Altri titoli come Allison Road sono stati successivamente cancellati.

C’è anche Layers of Fear di Bloober Team, un altro titolo che ha mostrato la sua influenza su PT , e un caso interessante in cui anni dopo, gli sviluppatori avrebbero finito per catturare l’attenzione di Konami stessi. Resta da vedere se qualcosa verrà fuori da questa “alleanza d’affari” annunciata da Konami, ma è decisamente interessante vedere una squadra che era chiaramente ispirata da uno dei loro progetti tagliati ora avere una sorta di coinvolgimento che potrebbe portare alla rinascita dello stesso.

È abbastanza facile dire che PT ha lasciato un’eredità più grande di quasi tutte le altre demo mai rilasciate. Prendiamo ad esempio Resident Evil 7: Biohazard. Sebbene Capcom abbia affermato in seguito che il gioco era in sviluppo prima dell’uscita di PT, le somiglianze sembravano inizialmente stridenti, specialmente per una serie che stava facendo la sua prima incursione in prima persona. Ciò è stato ulteriormente consolidato quando al pubblico è stato dato un primo sguardo al gioco in modo simile a come è stato rilasciato PT.

Prima che il titolo fosse svelato ufficialmente, Capcom ha rilasciato una demo per PSVR intitolata Kitchen. Questa demo ci ha dato un’idea iniziale di come sarebbe stato il gioco e di come sarebbe stato eseguito in VR, uno degli aspetti più importanti del prodotto finale.

Questo processo di pensiero si estenderebbe anche all’uscita di quest’anno di Resident Evil: Village. Nell’ultimo capitolo della serie horror, c’è un’area in particolare che sembra direttamente ispirata alla demo di Kojima.

Anche anni dopo la sua uscita e la sua partenza molto pubblica da Konami, il gioco lo segue ancora. Sebbene il fervore intorno alla demo abbia iniziato a diminuire considerevolmente quando era chiaro che Death Stranding non era in qualche modo legato a PT.

Per Kojima, a questo punto sembra che PT sia quasi la vita che imita l’arte, almeno dal punto di vista di un estraneo. È un fantasma di un gioco ormai morto che continua a perseguitarlo con ogni mossa che fa nel settore. Sembra che a ogni importante conferenza stampa o spettacolo di premiazione che ha avuto luogo nell’ultimo anno sia stato collegato un qualche tipo di voce sul revival di Silent Hill. Ciò ha portato a continue speculazioni, lasciando solo i fan a bocca asciutta più e più volte poiché non si materializza mai.
Alessia Lara Padawan
Alessia Lara Padawan – Romana, youtuber, nerd fino al midollo, adora film, serieTV, cartoni animati ed è malata da anni di una grave forma di dipendenza dai videogames. Il suo motto è: “Se credi anche lontanamente che ne valga la pena… allora GIOCALO!”