The Great Ace Attorney Chronicles – Recensione – PlayStation 4, Nintendo Switch, PC

The Great Ace Attorney Chronicles non è solo l’ultimo capitolo di un brand originale e molto amato in Giappone, ma anche l’episodio che si propone come obiettivo quello di far comprendere le origini dello stesso a tutti gli amanti (e non) delle vicende di Phoenix Wright! Uscito il 27 Luglio 2021 e comprensivo dei due capitoli The Great Ace Attorney: Adventures e The Great Ace Attorney 2: Resolve, inediti in Italia fino ad oggi, il gioco ci propone un nuovo protagonista e uno stile unico, tipico del brand: andiamo a vedere più nello specifico di cosa si tratta!

The Great Ace Attorney Chronicles – Recensione – Avvocati all’improvviso!

Una storia di giustizia, legge, investigazione e moralità: questo potrebbe essere un pratico riassunto della narrativa base di The Great Ace Attorney Chronicles.

L’avventura che ci attende ci porterà a vestire i panni di Ryunosuke Naruhodo, uno studente che si ritrova invischiato all’interno di un caso di omicidio dove, la sfortuna vuole, lui sia il principale indiziato per il ruolo dell’assassino. Questa controversa vicenda ha però dei risvolti nettamente positivi: grazie all’esperienza vissuta nel primissimo episodio del gioco, Ryunosuke scopre di voler fare l’avvocato e permette a noi videogiocatori di accompagnarlo in una serie di processi uno più stravagante dell’altro!

I colpi di scena sono costanti, i casi vengono spesso ribaltati e i personaggi che li costellano fanno parte di un cast eclettico, ricercato e bizzarro, in piena linea con i predecessori della produzione. L’ambientazione differente, posta a metà tra Giappone e Londra di metà 1800, permette inoltre di avere qualche piccola novità in termini di mezzi per la risoluzione dei casi, molto apprezzata in sede di gioco.

Vi è anche una marcata vena umoristica, con situazioni che vi faranno lacrimare dalle risate e battute al limite della demenza che strapperanno un sorriso anche ai videogiocatori più seriosi, senza tuttavia fare perdere di vista i bei messaggi che il gioco cerca di inviarci.

È bene però tenere a mente che il brand di Ace Attorney è molto particolare e risulta essere, in più frangenti, una vera e propria visual novel con interazione ridotta all’osso e molti, MOLTI dialoghi a cui assistere in modo più o meno passivo. La longevità delle linee di dialogo è infatti, a tratti, fin troppo prolissa e ripetuta, elemento che spinge a premere compulsivamente il pulsante “avanti” e a rovinare un po’ il ritmo dei processi.

Se consideriamo, infine, che per giocare ad un prodotto del genere bisogna necessariamente distaccarsi da criticità e razionalità, gettandosi in una dimensione di sospensione dell’incredulità marcata, va da sé comprendere che il gioco non è alla portata di tutti.

La produzione è però di pregevole fattura, nella sua peculiarità, e se si riesce a restare al di là del confine tra “appagante” e “frustrante”, approcciandola con la giusta mentalità, saprà regalare parecchie soddisfazioni.

The Great Ace Attorney Chronicles – Recensione – Formula vincente.

Il gameplay di The Great Ace Attorney Chronicles è rimasto fondamentalmente invariato rispetto alla formula del resto del brand.

I momenti interattivi della produzione non sono concentrati solo nei processi, dove dovremo assistere alle testimonianze e confutarle qualora non ci sembrino in linea con la nostra idea in merito al caso, ma anche nell’ispezione delle scene del crimine. Qui, dovremo risolvere enigmi di difficoltà più o meno alta che abbiamo apprezzato molto, anche se gli sviluppatori permettono comunque di avere accesso ad una serie di consigli e aiuti.

Durante il processo potrete presentare le prove per controbattere le tesi dei testimoni e avrete un numero limitato di errori da fare, oltre il quale vedrete la scritta Game Over stagliarsi sullo schermo.

Non serve dire altro in merito alla componente ludica della produzione, poiché il titolo è pronto a riservarvi qualche sorpresa che siamo certi apprezzerete e che noi non vogliamo assolutamente anticiparvi!

Come accennato poco sopra, la difficoltà del gioco ci ha convinti e sfidati quanto basta, ma è destinata ovviamente a variare a seconda della vostra predisposizione nei confronti di prodotti simili. Anche per la longevità possiamo fare un discorso similare, poiché la trama di The Great Ace Attorney Chronicles si divide in 5 episodi che variano in durabilità dalle 4 alle 5 ore ciascuno, ma che sono ovviamente sensibili alle vostre tempistiche di ragionamento e risoluzione dei casi. Ad ogni modo, la durata complessiva dell’avventura dovrebbe attestarsi sulle 30 ore.

The Great Ace Attorney Chronicles – Recensione – Non parliamo la stessa lingua!

Lo stile anime utilizzato in-game è delizioso, capace di impreziosire un comparto grafico tutto sommato gradevole. La caratterizzazione visiva dei personaggi è eccentrica quanto basta e certe facce, ne siamo certi, non usciranno dalla vostra memoria per parecchio tempo! Benissimo anche per il comparto tecnico vero e proprio: la nostra partita si è svolta su PlayStation 4 base e non abbiamo riscontrato alcun tipo di criticità.

Una nota decisamente dolente (per l’ennesima volta nel brand, aggiungerei) è invece la localizzazione italiana assente: comprendo assolutamente che non si voglia ricorrere ad un doppiaggio vero e proprio in un titolo del genere, che tra l’altro guadagna punti se ascoltato in giapponese, ma i sottotitoli e i menù in italiano sarebbero un’aggiunta non solo gradita, ma necessaria anche per espandere il pubblico di riferimento. Un vero peccato.

Ottima la colonna sonora, dove ogni brano riesce a sottolineare le diverse situazioni proposte e dove alcune tracce finiranno nella vostra playlist a tema videoludico!

Valentina Malara
Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!