Top Gun: Maverick – Un nuovo modo di riprese in volo

Top Gun: Maverick ha costruito un nuovo sistema di telecamere per le riprese delle scene di volo. Il regista di Maverick, Joseph Kosinski, conferma che ha collaborato a creare un nuovo sistema di telecamere per catturare le scene di volo “per davvero”.

Top Gun 2 riprese
Top Gun 2 riprese in volo

Il team che ha orchestrato le riprese di Top Gun: Maverick ha costruito un nuovo sistema di telecamere per riprendere le scene di volo il “live action”. Il regista Joseph Kosinski (Oblivion) dirigerà da una sceneggiatura scritta da Ehren Kruger (Transformers: Revenge of the Fallen), Erin Warren Singer (American Hustle) e Christopher McQuarrie (Edge of Tomorrow). Tom Cruise e Val Kilmer ritornano rispettivamente ai loro ruoli di Maverick e Iceman.

Scopri alcune curiosità sul dietro le quinte di KILL BILL

Alcuni cenni

L’originale Top Gun è uscito nel 1986, e continua ad essere riconosciuto come un classico americano ancora oggi. Il prossimo sequel segue Maverick, che ha lavorato per più di 30 anni come aviatore. Ora, dovrà affrontare le lotte del suo passato, mentre guida un equipaggio di nuovi aviatori. Top Gun: Maverick sarà nelle sale il 19 novembre 2021 con un piano di rilascio su Paramount+ 45 giorni dopo il suo arrivo sul grande schermo.

Il film è stato inizialmente ritardato nel 2019 per permettere al team di assicurarsi che le sequenze di volo siano le migliori possibili. Come molti altri film nel 2020, Top Gun: Maverick è stato nuovamente posticipato dopo la chiusura dei cinema a causa della pandemia di coronavirus (COVID-19).

L’importanza delle riprese in volo per Top Gun: Maverick

In una video intervista con lo YouTuber Vsauce3, Kosinski ha parlato dell’importanza della tecnologia nelle riprese di Top Gun: Maverick.

Ha spiegato come originariamente avesse perseguito l’ingegneria nella sua formazione per diventare un ingegnere aerospaziale. Da quando lavora nell’industria cinematografica, è riuscito a utilizzare il suo background tecnologico dal ruolo di regista. Ha spiegato come ha dovuto collaborare per costruire un nuovo sistema al fine di catturare pienamente l’esperienza del volo dall’interno della cabina di pilotaggio. Ecco le sue parole:

Il direttore della fotografia con cui lavoro molto, Claudio Miranda, e io avevamo lavorato con la Sony. Abbiamo testato e lavorato con loro per sviluppare il Rialto, che è una versione molto piccola del Venice. Aveva una dimensione che poi potevamo iniziare ad inserire in un jet da combattimento. Così, per Top Gun, siamo riusciti ad inserirne sei nella cabina di pilotaggio. Quattro rivolti verso l’attore e due rivolti in avanti. Non si può fingere. Ecco perché l’abbiamo girato per davvero.

Il fatto che Kosinski abbia diretto mentre il suo attore era in cielo a volare è immensamente impressionante. Oltre alle prove a terra, un sacco di duro lavoro da parte di tutte le persone coinvolte è andato nel mettere insieme questo film. Sarebbe stato bello avere il film rilasciato in tempo per il 4 luglio, il pubblico dovrà aspettare fino a novembre per vedere tutto ciò che è stato realizzato nel prodotto finale. È un bene che si siano presi più tempo per assicurarsi di rilasciare il miglior film possibile.

Avendo diretto in precedenza Oblivion e TRON: Legacy, è chiaro che Kosinski è a suo agio nel lavorare con un grande budget per consegnare un film che sia veramente un’esperienza. A giudicare da questi due film e dai trailer che sono già stati rilasciati per Top Gun: Maverick, vederlo a casa su un televisore o sullo schermo di un computer sembrerà un film completamente diverso che vederlo sul grande schermo. Solo il tempo ci dirà se la qualità del film sarà all’altezza delle grandi scarpe che deve riempire come sequel.

Marco Salati
Scrive come tesi di laurea “ Il cinema nella mente” perché per lui la relazione tra cinema e psicologia è tutto. Ama vivere nel sogno, o semplicemente far vivere i suoi di sogni, purché questi vengano vissuti in maniera personale. Non dimentica mai che “In ogni strada di questo paese c'è un nessuno che sogna di diventare qualcuno” e in quel viaggio cosi folle “ Perdersi è meraviglioso”.