FALLOUT WASTELAND WARFARE – L’apocalisse non è mai stata così divertente! – Recensione

Torna Lo Chef in armatura atomica e armato di mattarello per portarvi nel famoso mondo creato da Bethesda, questa volta trasformato in un gioco di miniature in stile skirmish davvero molto bello e ricco di contenuti.

Le bombe atomiche sono cadute ormai da tempo, alcuni dei sopravvissuti, i più fortunati, si sono nascosti per decenni nei rifugi della Vault -Tec altri hanno vagato per terre distrutte e desolate, subendo mutazioni che li hanno trasformati in mostri deformi e privi di raziocinio.

FALLOUT è un mondo distopico post apocalittico creato dalla mitica software house Bethesda che gode ancora di successo e longevità.

In questi ultimi anni, come è avvenuto per altri titoli ispirati ai videogames, sono usciti diversi giochi ambientati in questo mondo devastato dalla guerra nucleare e dalle radiazioni.

Ma oggi voglio farvi conoscere in maniera più dettagliata Fallout Wasteland Warfare.

Si tratta di un gioco in stile skirmish, un vero e proprio wargame ricco di miniature in resina e plastica in scala 32 mm davvero molto belle e con fedelissime riproduzioni di personaggi che trovate nei videogames.

Creato da James Sheahan, l’edizione inglese è curata da Modiphiuslo starter set del gioco è per 2 giocatori ma è possibile espanderlo fino ad 8 sopravvissuti.

La durata va dai 45 ai 120 minuti in base anche allo scenario e la missione che sceglieremo, l’età consigliata è di 14+

La cosa veramente interessante è che il gioco è stato tarato per giocare delle splendide partite con diverse modalità, giocatore vs giocatore, cooperativo o addirittura in solitario.

In Fallout Wasteland Warfare sarà possibile creare il proprio team di personaggi utilizzando una vasta scelta tra tutte le fazioni che trovate nel videogioco, dall’abitante del Vault al Predone, dal Supermutante al Paladino della Confraternita D’acciaio, ed è possibile schierare da 3 fino a 30 miniature per creare la vostra personalissima battaglia per la sopravvivenza.

Inoltre sarà possibile scegliere tra numerosi scenari 3d perfettamente ricostruiti per aumentare in modo esponenziale l’esperienza di gioco, dai distributori Red Rocket ad altri insediamenti come Sanctuary Hills, utilizzando anche piccoli oggetti di gioco come macchine distrutte, distributori di Nuka Cola e tanto altro ancora.

Per coadiuvare il tutto è compreso un libro delle missioni da cui costruire un arco narrativo o semplicemente giocare missioni uniche con obiettivi.

La cosa fantastica che, come nel videogame, i “tappi” recuperati  durante le missioni (la moneta del gioco), potranno essere spesi per migliorare le proprie abilità o acquisirne di nuove, acquistare armi ed equipaggiamenti.

Se ami i giochi da tavolo non puoi negarti un giro sullo store super fornito di BLASONE SHOP!

Il gioco può essere anche giocato in solitario come vi accennavo prima, attraverso una IA generata dal gioco che controllerà i nemici sfruttando i loro punti di forza e replicando le tattiche di una delle fazioni.

I giocatori possono anche collaborare insieme in modo cooperativo per difendere un insediamento o per missioni narrative più avvincenti sempre contro le forze gestite dalla IA o i vari pericoli post apocalittici che si trovano ovunque nella zona contaminata.

Ma a questo punto andiamo a scoprire insieme allo Chef un piccolo unboxing, nell’attesa di un prossimo video gameplay in cui ci caleremo a tutti gli effetti nel mondo di Fallout Wasteland Warfare con i nostri sopravvissuti, tra ghoul ferali, scorpioni radioattivi, ratti talpa e tante altre creature incredibili!!!

Un grazie immenso a Chris di Modiphius

Lo Chef Ludico

Angelo Minestrini
Angelo Minestrini è noto come "Lo Chef Ludico" - Perugino d.o.c. classe '69, vive a Roma dove lavora come capo Gastronomo; Nerd senza ritegno, appassionato di videogiochi, musica anni '80 e retrowave, serie tv e cinema. Da tempi immemori coltiva una grande passione per i giochi da tavolo che ora condivide nel suo canale come Youtuber, Blogger e da qualche anno anche come Game Designer. "Il gioco ci mantiene giovani, sa regalare divertimento ed emozioni ed è come un buon piatto casereccio, se lo consumi con gli amici ha più gusto!!!"