QuesTavern Brandy: a tutta birra! – Recensione librogame – Infinity Mundi

Su Nerdream torniamo a parlare di Librogame, ma al timone di questa recensione non ci sarà il nostro esperto redattore Roberto “PowerBob” Bucciarelli, per un motivo molto semplice! QuesTavern Brandy: a tutta birra! lo ha scritto proprio lui e quindi non poteva recensire una sua stessa opera (forse…).

QuesTavern Brandy: a tutta birra! – Recensione – Una doverosa premessa…

C’è già un conflitto di interessi nel vedere me, il direttore del nostro magazine, recensire il lavoro di un proprio redattore, ma per bilanciare il tutto ho deciso di comprare la mia copia del librogame di Roberto come avrebbe potuto fare un qualsiasi mortale, senza utilizzare una press copy gratuita e quindi, avendo speso le mie pecuniae, sarò imparziale e spietato!

Cercherò però allo stesso tempo di strappare una risata al nostro Robertone nazionale, utilizzando un po’ il suo stile, che tanti lettori ha fatto sbellicare (me compreso).

Ed allora bando alle ciance, andiamo a scoprire qualcosa in più su questo librogame interattivo digitale, che per quante volte ho nominato “Roberto” mi sento già come Sophia Loren!

Siamo di fronte ad un librogame digitale, creato sotto forma di App per smartphone e tablet, disponibile già su sistemi sia Android che iOS, con una struttura semplice ed intuitiva adatta sia ai lettori di librogame più navigati che ai neofiti.

Lo sviluppo della App è del team di Infinity Mundi, già avvezzo a questo tipo di prodotti editoriali, la scrittura è come già detto del nostro PowerBob e, ad impreziosire il tutto, troviamo delle splendide illustrazioni, opera di Alessandro “JailbreakArts” Lalli.

Parto facendo una premessa, prima ancora di andarvi a parlare della storia e delle sue caratteristiche.

Trovo vincente l’idea di trasportare il librogame in una App dedicata tutta sua, perchè questo formato ha reso il prodotto interattivo in maniera semplice ed immediata e, considerando la sempre più bassa percentuale di lettori seriali e la sempre più alta percentuale di persone che non hanno un attimo di tempo per fare qualcosa, l’avere a portata di mano il tutto in ogni momento (sedute plenarie al bagno comprese…) fa si che ogni momento sia quello giusto per proseguire con l’avventura narrata.

Alla fine parliamoci chiaramente, il telefonino non ci abbandona quasi mai durante la giornata e quindi utilizzarlo come mezzo di fruizione è la scelta che più paga a livello di probabilità di utilizzo.

Ed è arrivato il momento di parlare della storia!

Siamo di fronte ad un prodotto che cerca di liofilizzare al suo interno tantissimi rimandi alla nerd culture di cui siamo promotori da quando il progetto del sito è nato!

Si parte da una storia ad ambientazione fantasy medioevale, con QuesTavern epicentro dell’avventura.

QuesTavern è una locanda per eroi, dove chiunque può trovare la persona giusta al momento giusto per risolvere qualche intricato problema! Sarà nientepopòdimenochè il Re Gink in persona ad entrarci questa volta per ricevere aiuto!

Un drago sputafuoco gigante ha rubato sua figlia il giorno prima delle nozze! Serve un eroe, anzi, perchè no? Un’eroina! 

Ed è qui che facciamo la conoscenza della protagonista del libro, tale Brandy, arciera mezz’elfa ubriacona!

Sarà ben chiaro, fin dalle prime battute della narrazione (ma è già tutto spiegato nel regolamento iniziale) che troveremo anacronismi non da poco e fusioni narrative con tutt’altri generi, in un mix letale di serietà ed ironia, umorismo sith ed elementi pulp.

Avremo piccoli cameo di personaggi molto noti, rivisitati per l’occasione e delle dinamiche interattive ben posizionate, che guideranno attraverso le nostre scelte Brandy nell’avventura.

Grazie alla presenza di finali multipli e di collezionabili il titolo ha anche un’ottima rigiocabilità, in quanto verrà naturale voler sbloccare tutti i finali, collezionare tutte le immagini dei personaggi della storia incontrandoli tutti e, non ultimo, collezionare tutti i DISTINTIVI DELLE MORTI… si avete letto bene! Non si “platinerà” il gioco sconfiggendo nemici, ma trovando la morte in tutti i modi possibili e immaginabili perchè ad ogni morte della nostra eroina il gioco ci sbloccherà un distintivo relativo a quella determinata morte.

La App ovviamente salverà la storia un attimo prima della morte della nostra Brandy, rimettendoci poi in campo pronti a riprendere l’avventura e fare una scelta differente che ci consenta di non morire male di nuovo!

Provare non costa nulla! Più di così non si può fare…

Provare non costa nulla” è riferito sia a Brandy, che può provare ogni soluzione senza la paura di dover ricominciare da capo, sia a voi lettori, che potete scaricare la App gratuitamente, immergervi nella prima parte dell’avventura e poi, se soddisfatti scegliere di pagare per sbloccare il resto, se insoddisfatti venire qui nei commenti e prendervela con Roberto… (Io non c’entro nulla! – ndr)

Trovate la App Android a QUESTO LINK e la App iOS a QUESTO LINK

A mio parere vale la pena fare un tentativo, perchè se siete lettori del sito avete nelle corde sicuramente il piglio giusto per confrontarvi con questa nerdosissima avventura.

Sarà bello vedere quali altre soprese ci riserverà la locanda di QuesTavern e quali altri eroi verranno per intrattenerci e divertirci.

Ed ora, dopo una vagonata di meme autocelebrativi che ho egoisticamente inserito solo per il nostro caro PowerBob, vi lascio ad una carrellata di immagini relative al Librogame!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Valerio Vega
Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo Commodore64”