The Falcon And The Winter Soldier – Perché Bucky ha detto di aver fallito due volte?

Bucky Barnes ha detto a Karli Morgenthau di aver fallito due volte combattendo per qualcosa di più grande di lui. Spieghiamo a quali due perdite si riferisce Bucky.

Attenzione: SPOILER per The Falcon and The Winter Soldier 

Nel finale di The Falcon and The Winter Soldier , Bucky Barnes (Sebastian Stan) ha detto a Karli Morgenthau (Erin Kellyman) di aver fallito due volte, ma cosa voleva dire?

Bucky e il nuovo Capitan America, Sam Wilson (Anthony Mackie), hanno affrontato i Flag-Smashers e hanno fermato il loro tentativo di rapire i membri del Global Repatriation Council di New York City. Con l’aiuto di John Walker (Wyatt Russell), i supereroi hanno vinto, quindi Bucky non si riferisce all’arresto dei Flag-Smashers come uno dei suoi fallimenti.

Esaminando le due volte in cui Bucky crede di aver fallito nel combattere per qualcosa di più grande di lui, le guerre ovvie a cui si riferisce sono la Seconda Guerra Mondiale e il conflitto dei Vendicatori con Thanos (Josh Brolin).

Quando Bucky Barnes, arruolato nell’esercito degli Stati Uniti, credeva davvero nella causa cercando la sconfitta dei nazisti, proprio come il suo amico d’infanzia Steve Rogers (Chris Evans), ha vissuto due battute d’arresto. Per quanto riguarda questo aspetto, Bucky si riferisce probabilmente a come cadde da un treno mentre combatteva contro l’Hydra al fianco di Capitan America in Siberia nel 1945, ma in realtà c’è un precedente fallimento di questo tipo a cui Bucky potrebbe anche pensare, ovvero quando il suo reggimento, il 107 ° fanteria, divenne Hydra POWs. Parliamo di quando Bucky è stato usato come cavia con il Super-Soldier Serum da Arnim Zola (Toby Jones) prima di essere salvato da Capitan America. Per Barnes, che ci si riferisca al primo o al secondo episodio, nel complesso il suo ruolo nella seconda guerra mondiale deve equivalere a un gigantesco fallimento da parte sua.

Il secondo grande fallimento a cui Bucky deve riferirsi è Thanos che sconfigge gli Avengers durante Avengers: Infinity War.

Mentre i supereroi e gli eserciti di Wakanda sconfissero i Figli di Thanos, non riuscirono a fermare lo stesso Titano Pazzo.

Lo schiocco del Guanto dell’Infinito di Thanos ha spazzato via metà della vita nell’universo e Bucky era tra i miliardi che si sono trasformati in polvere. In effetti, i Vendicatori sopravvissuti hanno dovuto far fronte alla sconfitta contro Thanos per cinque anni, eppure Bucky non si dà abbastanza credito per aver preso parte alla più grande vittoria dei Vendicatori quando ogni supereroe e difensore della Terra ha finalmente ucciso Thanos in Avengers: Endgame .

È vero che Bucky ha giocato solo un piccolo ruolo in quella vittoria, ma ha lo stesso diritto di essere orgoglioso di esserne uscito vittorioso come chiunque altro partecipante.

Anche se quel trionfo è stato anche contaminato dalla morte di Tony Stark (Robert Downey Jr.), al cui funerale Bucky ha partecipato , e dalla partenza di Steve Rogers dalla linea temporale… Due perdite mica da poco!

In verità, Bucky ha combattuto praticamente in ogni guerra dalla seconda guerra mondiale come Soldato d’Inverno , e raramente ha fallito le sue missioni, ma allo stesso tempo non può contare i numerosi omicidi e crimini che ha compiuto come vittorie e quindi ha cercato di espiarli da quando è tornato in vita nel Blip.

Non essere in grado di aiutare Steve Rogers a fermare il Teschio Rosso (Hugo Weaving) durante la seconda guerra mondiale e non riuscire a fermare Thanos la prima volta devono essere i 2 fallimenti a cui Bucky si riferisce, ma per fortuna ha concluso The Falcon and The Winter Soldier con un enorme e meritata vittoria.

Valerio Vega
Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo Commodore64”