Warrior seconda stagione in arrivo

Il primo trailer italiano della seconda stagione di Warrior era stato diffuso da Sky nel settembre del 2020. Warrior 2 era pronto ad uscire il 2 ottobre dello scorso anno, ma una serie di rinvii hanno fatto slittare la data di uscita, all’ormai prossimo 30 marzo 2021.

Warrior è un dramma d’azione in costume ambientato durante le brutali guerre Tong nella Chinatown di San Francisco della seconda metà del 19° secolo.

La serie è incentrata su Ah Sahm (Andrew Koji), un immigrato cinese prodigio delle arti marziali che arriva a San Francisco in circostanze misteriose. Dopo aver dimostrato il suo valore come combattente, Ah Sahm trova un posto per se stesso come uomo di punta per la Hope Wei, una delle più potenti Tongs (famiglia del crimine organizzato) di Chinatown.

Warrior serie tv
Warrior serie tv

Warrior la serie

Negli anni ’70, Bruce Lee ebbe un’idea per una serie televisiva su un combattente, profondo conoscitore delle arti marziale, nel selvaggio West. Ha lottato per convincere gli studios ad accettare la serie a conduzione asiatica, ed è morto nel 1973, senza vedere il suo concetto materializzarsi. L’anno seguente, la Warner Bros lanciò la serie Kung Fu, con l’attore caucasico David Carradine nel ruolo di un monaco Shaolin in viaggio nel vecchio West.

Quattro decenni dopo, il concetto del maestro di arti marziali e campione di cha-cha è stato finalmente realizzato con la serie originale targata Cinemax, Warrior. Alcune delle coreografie di combattimento sono strappate direttamente dalle coreografie di Lee nei suoi film.

Lo show, che inizierà la sua seconda stagione il 30 marzo, è basato sugli scritti originali di Lee. Warrior è creato da Jonathan Tropper (Banshee), che serve anche come showrunner. Justin Lin (regista di Fast & Furious 9 e Star Trek Beyond), Shannon Lee (figlia di Bruce) e Brad Kane (Lodge 49, Black Sails) sono i produttori esecutivi.

Ecco cosa sappiamo della seconda stagione di Warrior

Cinemax ha mantenuto il silenzio sulla trama generale della seconda stagione dello show, ma Parade.com a reso noto alcuni episodi come anteprima.

La seconda stagione di Warrior sembra continuare con le schermaglie tra le gang rivali, Hop Wei e la Long Zii, che combattono per il dominio di Chinatown nel mezzo del crescente fervore anti-cinese.

Ah Sahm si unisce a un fight club sulla Barbary Coast ma, come tutti sanno, la prima regola del fight club è non parlare del fight club. Bill continua a servire come esecutore per i Fung Hai, anche se con riluttanza, e Penny continua a gestire la Mercer Steel dopo la morte di suo padre.

Con i Long Zii e gli Hop Wei che traggono entrambi profitto dal commercio dell’oppio, i Young Jun e Ah Sahm cercano altre fonti per aumentare il loro margine di profitto mentre Leary si vendica.

Warrior immagine tratta dalla serie tv
Warrior immagine tratta dalla serie tv

Cosa è successo nella prima stagione di Warrior?

La prima stagione di 10 episodi è stata a dir poco piena d’azione. Ah Sahm si è trovato in così tante situazioni difficili, da immigrato a prigioniero a esecutore, ad amante a coolie. È stato iniziato, poi evitato e infine invitato di nuovo all’Hop Wei tong.

Era in contrasto con sua sorella, Mai Ling, che guida Long Zii, un tong rivale. Iniziò una relazione con la moglie del sindaco, Penelope, che in seguito mise fine alla loro torrida relazione, facendo cadere Ah Sahm in depressione.

Ah Toy (Olivia Cheng) ha ucciso un magnate immobiliare dopo che lui ha cercato di ricattare lei e il suo socio in affari. La proprietaria del bordello ha anche imparato il Lal, la giovane schiava che ha salvato da una vita di prostituzione è un’esperta spadaccina come lei.

L’agente Lee viene picchiato duramente dai Fung Hai tong come ritorsione per l’uccisione da parte di Bill di uno dei loro esattori. È ricoverato in ospedale, vicino alla morte. Per risparmiare a Lee e alla sua famiglia altri danni, Bill accetta di diventare il nuovo esattore dei Fung Hai. Comincia le sue estorsioni ai debitori dei Fung Hai mentre sta ancora pattugliando Chinatown come ufficiale della legge.

Diciamo che è stata messa molta carne al fuoco nella prima stagione. Aspettiamo la seconda stagione di Warrior per vedere l’evoluzione di questa concitata situazione.

Warrior il cast della serie Tv
Warrior il cast della serie Tv

Warrior il cast della seconda stagione

Nel cast della seconda stagione di Warrior ritroveremo il protagonista Andrew Koji. Che torna a vestire i panni di Ah Sahm, affiancato da Olivia Cheng e dalla sua Ah Toy e da Jason Tobin, interprete del giovane Jun.

A condividere la scena con loro in Warrior 2, i seguenti attori con i rispettivi personaggi:

  • Joanna Vanderham sarà Penelope Blake
  • Dianne Doan sarà Mai Ling
  • Kieran Bew sarà Bill O’Hara
  • Dean Jagger sarà Dylan Leary
  • Tom Weston-Jones sarà Richard Lee
  • Hoon Lee sarà Wang Chao
  • Langley Kirkwood sarà Walter Buckley
  • Christian McKay sarà il sindaco Samuel Blake
  • Perry Yung sarà padre Jun
  • Joe Taslim sarà Li Yong
  • Dustin Nguyen sarà Zing

Per i nuovi episodi, sono già state annunciate alcune new entry:

Chen Tang (Bosch) sarà Hong. Un uomo un po’ eccentrico ma non meno letale, inviato dalla Cina per unirsi alle file dell’Hop Wei tong.

Celine Buckens (Free Rein) sarà Sophie Mercer, una giovane donna ribelle, che si scontra con le costrizioni della sua educazione di sangue blu, che attraversa le linee familiari per abbracciare la causa dei lavoratori irlandesi.

Miranda Raison (Dark Heart) interpreterà Nellie Davenport. Una ricca vedova che usa le fortune del marito per alleviare la situazione delle giovani ragazze costrette alla prostituzione.

Maria Elena Laas (Vida) avrà un ruolo ricorrente come Rosalita Vega. Una donna messicana dura, astuta e opportunista che gestisce un famigerato fight club sulla famosa Barbary Coast di San Francisco.

Altre produzioni interessanti Sky

Sky in questo periodo sta riservando per i suoi abbonati numerose serie. Ultima nel suo catalogo The Investigation che tratta l’omicidio di Kim Wall rivisitandolo in una miniserie di sei episodi targati HBO.

Marco Salati
Scrive come tesi di laurea “ Il cinema nella mente” perché per lui la relazione tra cinema e psicologia è tutto. Ama vivere nel sogno, o semplicemente far vivere i suoi di sogni, purché questi vengano vissuti in maniera personale. Non dimentica mai che “In ogni strada di questo paese c'è un nessuno che sogna di diventare qualcuno” e in quel viaggio cosi folle “ Perdersi è meraviglioso”.