Base Spaziale, l’espansione print&play gratuita per Wild Space di Playagame Edizioni

Ottime notizie per tutti i possessori di Wild Space! La Playagame Edizioni ha reso disponibile una mini-espansione intitolata Base Spaziale, la quale è scaricabile gratuitamente dalla pagina ufficiale del gioco. E’ una versione print&play composta da un totale di 4 fogli A4 (1 per il regolamento e tre per le sei plance Base Spaziale).

L’obiettivo di fondo di Base Spaziale è quello dare ai giocatori la possibilità di giocare più carte e svolgere più azioni, oltre ai soliti canonici 10 turni. Come potete vedere dalle immagini, oltre al regolamento, l’espansione fornisce sei differenti basi spaziali che riescono a garantire un’ottima variabilità tra le partite. E come funziona?

Prima di iniziare la partita, ogni giocatore ne sceglie una casualmente e la piazza davanti a sé: sopra ogni base vanno piazzate le 5 navicelle che, prima di atterrare su un qualsiasi pianeta, potranno ora sfruttare (non obbligatoriamente) l’azione raffigurata nel loro riquadro di partenza, sempre e solo se il requisito richiesto viene rispettato. Ad esempio, prima di atterrare su un pianeta, la navicella verde nell’immagine qui sotto può pescare 2 carte, scartando una carta orso dalla mano.

Sono riuscito a giocare un po’ di partite a Wild Space con l’aggiunta di Base Spaziale ed il mio parere è molto positivo. Effettivamente, il gioco diventa un po’ meno stretto dando ai giocatori la chance di poter giocare 5 carte in più, concatenando altrettante combo; ma è anche vero che difficilmente si riesce a sfruttare tutte e cinque le postazioni di partenza dalla Base Spaziale, soprattutto nel primo turno con le sole 3 carte in mano. Detto ciò, credo che in futuro alternerò a partite con e senza questa mini-espansione: è vero che permette di giocare più carte, ma ciò che adoro di Wild Space è proprio il suo essere “corto e spietato” in quei 10 turni!

LINK UFFICIALE DA CUI POTER SCARICARE BASE SPAZIALE

Alessandro Pugliese
Classe '83, fiero torinese ed assiduo instagramer con lo pseudonimo "aleboardgamer", si considera con orgoglio un nerd di prima classe. Amante dei giochi da tavolo sin dalla tenera età di sei anni quando gli vennero regalati titoli d'antologia come Brivido, Hero Quest e L'isola di Fuoco, la sua missione è quella di espandere il credo dei boardgames per distogliere l'attenzione dagli smartphones e convincere le persone a riunirsi attorno ad un tavolo per socializzare, sviluppare l'ingegno e soprattutto divertirsi.