Xbox Series X: ecco l’analisi termica ed energetica della console

Xbox Series X si è presentata con un aspetto molto imponente, una “piccola torre” che si vende come la console più potente della prossima generazione e che ha giustificato il suo design inusuale proprio al fine di contenere tale potenza, minimizzando il surriscaldamento delle componenti hardware e massimizzando le prestazioni. Una volta finita nelle mani della stampa, la console è stata analizzata, per comprendere se questa strategia ha avuto un buon esito!

Eurogamer.net ha pubblicato un’analisi dedicata alle prestazioni energetiche e termiche della nuova console di Microsoft, che vi riportiamo qui di seguito riassunte in forma breve.

La console, innanzitutto, risulta molto silenziosa e le dimensioni e il design fuori dai canoni standard hanno permesso al calore di disperdersi in altezza se posizionata in verticale, per come è stata concepita.

Per quanto riguarda il consumo energetico della macchina, Yakuza: Like a Dragon si attesta tra i 140 e 160 watt, mentre Dirt 5 parte dai 160w e sale spesso oltre i 170: entrambi i titoli rimangono sulla linea di consumo di una Xbox One X.

Il test su Gears 5 ha invece generato considerazioni differenti, alla luce dell’impatto del sistema Smart Delivery sulla console, capace di offrire un gioco ripulito e ottimizzato; il carico sul sistema è comunque notevole, con 200w di consumo e un picco di 211. Soprattutto con questi titoli viene compresa la natura da 314w dell’alimentatore e il tipo di costruzione del sistema stesso.

Insieme all’analisi energetica è stata poi considerata la temperatura generata dalla macchina: il processore e le schede sono posti al centro dello spettro termico, con una temperatura di 48-49 gradi sulla superfice. La base della console risulta fredda, mentre il punto più alto della console è il più caldo. La temperatura massima registrata in quel punto è di 62 gradi e l’aria calda, come detto prima, è destinata ad uscire dalla “testa” di Xbox Series X: posizionatela in modo da non ostruirla!

Riassumendo, il consumo energetico risulta eguale o comunque similare a quello di Xbox One X nonostante il carico della console sia maggiore; il riscaldamento c’è, ma la forma di Xbox Series X fa sii che vi sia un getto d’aria calda solo in testa alla console e che il corpo centrale scaldi poco, risultando a temperatura ambiente per la maggior parte delle ore di gioco.

Sembra quindi che la filosofia “più grande è più bello” stia funzionando sia in casa Microsoft, alla luce di quanto detto fino ad ora, sia in casa Sony, con una PlayStation 5 che tra ventole e sistema a raffreddamento liquido cerca di mantenersi bilanciata in ambito di temperature.

Ne sapremo comunque di più una volta che le nuove console saranno nella nostra postazione da gioco!

Valentina Malara
Amante di videogiochi e libri fin dalla nascita, ha poi sviluppato una grande passione per tutto ciò che è nerd. Originaria della terra del bergamotto e del piccante, vanta radici nordiche niente male e ha una passione irrefrenabile per il mondo animale. Logorroica e amante delle discussioni costruttive, datele un argomento di conversazione a vostro rischio e pericolo!