Vanagloria: The Card Game – Recensione – Vanagloria Games

0

Vanagloria: The Card Game – Recensione di Alessandra Canini

Se il fantasy non fa per voi, venite a ricredervi con questo titolo; tra stregoni che evocano spade magiche ne vedremo delle belle.

 

Vanagloria Games è una casa editrice indipendente. Appassionati di giochi da tavolo, sviluppano le loro idee con un’attenzione particolare agli standard di qualità e con questo loro secondo titolo ci faranno viaggiare in una bella ambientazione dark fantasy.

Vanagloria The Card Game ci porterà in mondo magico, quella stessa magia che verrà usata per impossessarci dell’essenza pura con cui dominare il mondo fatato a colpi di spade.

In breve

Questo gioco di carte competitivo inizia mettendo ognuno sul tavolo il primo stregone di tre in nostro possesso. Da qui inizia la scelta se attaccare l’avversario oppure difendere, potenziare o duplicare il nostro stregone. Ad ogni turno scegliamo 2 carte da assegnare al/ai nostri stregoni anche in base alla progressività del nostro avversario. I turni sono rapidi e al termine di ognuno, se avremo il nostro stregone al 100% della sua concentrazione, guadagneremo i punti a disposizione in quel momento e rimetteremo il nostro stregone allo 0%.

Vanagloria: The Card Game – Recensione – Nel dettaglio

Il setup è veloce, ognuno prenderà il proprio mazzo da scegliere tra il blu e il rosso, composto da 15 carte di cui scarteremo subito una carta scudo se giocheremo in 2. Poi si distribuiscono ad ognuno casualmente, per una partita a 2 giocatori, 5 carte punti e facciamo ancora un mazzo di altre 10 carte punti da mettere al centro. Siamo pronti per iniziare.

Tutti cominciano con il primo stregone davanti a se rivolto con lo 0% di concentrazione in alto e si rivela una carta punti dal mazzo centrale, quella sarà la “quantità di energia” che dovremo conquistare. Ora possiamo assegnare, tutti in contemporanea, 2 Carte Azione coperte al nostro stregone che possono essere:

Carta Duplicazione (Duplication), ci farà mettere in gioco un altro stregone che non potrà essere attaccato in questo turno (3 stregoni totali in nostro possesso)
Carta Concentrazione (Focus), fa aumentare del 50% la concentrazione dello stregone a cui è assegnata
Carta Evoca Spada (Summon Sword), lo stregone a cui è assegnata andrà equipaggiato con la Carta Spada Magica (Magic Sword) da mettere sotto di lui, ma visibile
Carta Attacca (Attack), lo stregone equipaggiato con la Spada Magica può attaccare uno stregone dell’avversario a cui si riduce del 50% la concentrazione, se stava a 0% ritornerà nella sua mano perdendo l’equipaggiamento se ne era in possesso; se lo stregone attaccato era allo 0% ma unico in gioco, rimarrà in gioco perdendo l’eventuale equipaggiamento
Carta Scudo (Shield), lo stregone con questa carta non subirà alcun danno da un attacco sia se svelata prima sia se svelata durante un attacco avversario

Terminata questa fase si procederà, in ordine di turno, a svelare le Carte Azione assegnate ai nostri stregoni, risolvendo immediatamente l’effetto prima di far svelare al giocatore successivo la sua Carta Azione.
Quando un giocatore rivela la sua ultima carta il turno sarà terminato alla fine del giro in cui tutti i giocatori avranno svelato lo stesso suo numero di Carte Azione. Quindi se un giocatore ha più stregoni degli altri non potrà rivelare tutte le sue azioni.

Ora il giocatore che avrà più stregoni con concentrazione al 100% si aggiudicherà la carta punti svelata ad inizio partita, si rimetteranno tutti gli stregoni al 100% nuovamente allo 0%, si rivelerà una nuova carta punti, si riprenderanno nella propria mano tutte le Carte Azione.

Una volta terminato il mazzo centrale dei punti si inizierà ad usare il proprio mazzo punti. Il vincitore del turno prenderà quella in cima al proprio mazzo, l’altro la scarterà. Si continua così fino al termine delle carte punti.

Il vincitore sarà colui con più punti ovvero con “quantità di energia” maggiore che userà per sottomettere tutti al suo dominio!

Vanagloria: The Card Game – Recensione – Impressioni

Vanagloria The Card Game è un filler strategico, veloce e con poche regole. Potremo usare varie tattiche per superare e vincere un turno, anche anticipando un po’ le mosse che farà il nostro avversario perché in alcuni casi sarà facile capire dove e quali carte giocherà. Se intavolato con 3 o 4 giocatori questo diventa meno prevedibile e controllabile.

Possiamo tranquillamente dire che il gioco dà come la sensazione di essere stato sfoltito da ogni regola speciale che poteva o complicarlo o renderlo più accattivante.

Il gioco nel complesso è buono, portabilissimo ovunque vista la sua dimensione ridotta.

E’ vero che è un gioco strategico, ma la pesca del mazzo punti personale ha una componente aleatoria che non lascia indifferente

Le grafiche mi sono piaciute molto, Stefano Andrieri ha fatto un bellissimo lavoro con esse. In particolare le carte stregone, duplicazione e concentrazione le trovo magistrali. Peccato siano uguali per ogni giocatore.

La qualità delle carte è assolutamente, senza alcun dubbio, ottima! Spesse, alta grammatura. Anche se hanno la scritta in inglese questa non ha alcuna importanza in quanto il gioco non è dipendente dalla lingua e le immagini sono esplicative.
Specifico infatti che il regolamento è in lingua italiana e inglese, stampato su un foglio A4 fronte retro.

Un ringraziamento speciale all’editore Vanagloria Games per avermi omaggiato della copia.
Vorrei precisare che questo non ha avuto alcuna influenza sulla mia valutazione.

TIRIAMO LE SOMME…

Genere strategico, fantasy
Ideato da Adamo Bencardino
Edito da Vanagloria Games
Giocatori 2 giocatori (ad ogni scatola si aggiungono 2 giocatori)
Età consigliata 14+
Durata partita 30-40min 

Gioco di carte fantasy con strategia alla base, ma con una grande influenza nella pesca delle carte punti. Molto soggettiva è la piacevolezza delle illustrazioni, a me hanno colpito particolarmente. Veloce, facile da imparare e intavolare. Ottima qualità delle carte le cui danno pochissime azioni a nostra disposizione. Ogni mazzo aggiunge 2 giocatori, infatti in 3 o in 4 il gioco gira meglio piuttosto di un faccia a faccia che rende più scontata la mossa dell’avversario. Consigliato se volete un titolo leggero, con poche nozioni da imparare e da portare ovunque.

PRO
– Carte spesse con grafiche ammirevoli

– Tascabilità, ottimo da portare in vacanza
– Costo contenuto, che addirittura si riduce ad ogni mazzo aggiuntivo

CONTRO
– Poche azioni a disposizione
– Immagini stregoni uguali per ogni giocatore

Articolo a cura di Nerdream.it
- Data
- Titolo
Vanagloria The Card Game
- Giudizio
31star1star1stargraygray
-
Vanagloria The Card Game
-
Vanagloria Games
Software Category
Board game
About author

Alessandra Canini

Alessandra1982giochidatavolo - E' una “desperate mom housewife”; avida consumatrice di Giochi da Tavolo, librigame, LEGO, Serie TV e Blockbuster. Vive nella campagna romana da dove riesce a vedere la Contea. Rossa per scelta… tutta colpa de La Sirenetta! Assidua frequentatrice della cittadina di Arkham nel Massachusetts.