Charlize Theron risponde al re-casting di Furiosa

Charlize Theron Furiosa – news di Pietro “OnlyApples” La Selva

In seguito all’annuncio di un re-casting di Furiosa per il prequel di Mad Max in arrivo, Charlize Theron esprime il suo punto di vista.

 

Mad Max: Fury Road ha scosso il mondo tempo fa, precisamente nel 2015, non solo riscuotendo successo sia di critica che al botteghino, ma anche collezionando un bel bottino di premiazioni e nomination all’edizione degli oscar di quell’anno. I fan hanno aspettato a lungo di vedere altro di quell’universo narrativo, e l’annuncio di un re-casting per il prequel su Furiosa, in arrivo, ha riscosso un po’ di scetticismo da parte degli stessi, ed ora anche l’attrice originale, Charlize Theron, ha deciso di dire la sua.

Durante un’intervista con Hollywood Reporter, la Theron si è mostrata comprensiva per questa scelta, ma allo stesso tempo lievemente delusa. Il prequel di Mad Max racconterà in modo dettagliato il background narrativo di Furiosa, scavando molto nel suo passato. George Miller ha pensato alla possibilità di usare una tecnologia di ringiovanimento digitale per poter usare la stessa attrice, ma i risultati non rispettavano le aspettative e l’idea è stata infine scartata.

Quando le è stato chiesto del re-casting, la Theron ha detto: “Sì, devo dire che mi si spezza un po’ il cuore, sicuramente. Sono molto affezionata a quel personaggio, e sono contentissima di aver contribuito nel plasmarla, anche in piccola parte. Sarà per sempre un personaggio al quale penserò e che mi farà riflettere. Ovviamente mi piacerebbe vedere la sua storia continuare, ma se George [Miller] cede che questa sia la strada giusta, io mi fido di lui.”

Non è infatti detto che la Theron non possa tornare per un eventuale sequel in futuro. L’universo di Mad Max non è di certo concluso dopotutto, e gli scrittori hanno dichiarato in passato di avere abbastanza materiale per fare almeno altri due film, uno dei quali il prequel su Furiosa.

Fonte: GameRant

 

Pietro La Selva
Il suo vero nome è Pietro, è del '94 ed è appassionato di videogiochi e di altre forme di intrattenimento, come film e libri, soprattutto a tema fantascientifico. Insomma, il classico nerd ma senza il QI sopra la media. Si nutre di mele pixellose quasi ogni giorno, che di certo non gli levano il medico di torno.