Little Rocket Games – Buona la prima! In live chiacchierando di Eterea, Rune e non solo…

0

Little Rocket Games Live – news di Valerio Vega

Abbiamo partecipato in incognito alla live Facebook organizzata da Little Rocket Games, casa editrice indipendente (tutta italiana) di giochi di società, per conoscere più da vicino alcuni dei loro progetti più interessanti… Ecco come è andata!

 

Era un debutto quello fatto dai ragazzi di Little Rocket Games nel “magico” mondo delle live su Facebook, ma ci è sembrato di stare a guardare un format rodato, dove il padrone di casa, Giampaolo Razzino, fondatore della casa editrice, si è mosso alla grande, mettendo tutti a proprio agio, spettatori compresi.

Insieme a lui c’erano Marco Salogni, illustratore di alcuni prodotti di LRG, ed il mitico Nazareno Zemilio, autore di Rune e founder di Zemilio Entertainment.

I tre hanno parlato di tante cose, ma i punti cardine sono stati 2: Eterea e Rune.

Eterea è l’ultimo progetto di casa LRG, giunto sul mercato da pochissimo tempo, ma lasciando subito il segno.

Il gioco, di cui sulle nostre pagine ha già parlato la nostra Alessandra con un tutorial, è un titolo straordinariamente innovativo, che sembra portare il mondo dei videogiochi sul tavolo da gioco, con un vero e proprio GdR d’azione messo al servizio dei giocatori.

La sinossi ci parla di una storia affascinante, con la principessa ETEREA incatenata nel cuore del primo mondo dai suoi figli, custodi di sei chiavi per sei dimensioni, che hanno rovesciato il trono decisi ad impadronirsi dei principi fondamentali per poter regnare sull’universo intero! Nostro compito sarà quello di sconfiggerli per liberare la principessa… Insomma mica pizza e fichi!

I ragazzi si sono concentrati molto sul sottolineare alcuni aspetti importanti del gioco, cercando di far capire in primis che, sebbene possa sembrare a prima vista un titolo ostico da affrontare, a tratti complesso, è in realtà molto più gestibile di quanto si possa pensare.

Dal setup veloce di circa un quarto d’ora, al regolamento corposo, ma mai ostico o indigesto, che si arriva a lasciare da parte già dopo la prima partita, è quindi un prodotto che può essere giocato veramente da tutti e che non deve intimorire per la sua stazza imponente! 

Eh si, perchè uno dei temi trattati è stato anche quello dell’enorme scatola che custodisce il gioco, con la promessa che, superando alcuni problemi tecnici, ci sarà una riedizione più compatta.

Insomma, Eterea è un gioco che va scoperto, di cui non bisogna avere paura, ma che anzi proprio per queste sue caratteristiche riesce a stupire ancora di più!

Una parentesi sul lato artistico del gioco è stata aperta grazie alle parole dell’illustratore del gioco Marco Salogni, con un simpatico siparietto che lo ha visto dibattere con Giampaolo delle idee di base piuttosto bizzarre con le quali ha dovuto combattere per realizzare le opere di gioco!

Grande risalto è stato dato ai boss, ovvero ai figli della principessa Eterea, come l’oramai epico Nebulosa Testa di Cavallo (giusto per farvi capire il senso del termine “idee di base bizzarre”), ed è stato bello scoprire anche qualcosa in più sulla genesi del gioco e sul fatto che sia nato partendo dall’idea che si doveva creare un boardgame nel quale si potessero creare alberi e buchi neri!

Ebbene si… Alberi e buchi neri hanno dato origine ad un anno e mezzo di lavoro, che ha poi portato alla creazione di questa vera perla del panorama indie italiano nell’universo dei giochi da tavolo. C’è stato modo di capire tanto del “dietro le quinte” di gioco e soprattutto di capire la passione che è stata profusa nella creazione del titolo.

Si è poi passati a parlare di Rune, anche grazie alla presenza del suo creatore, ovvero di Nazareno Zemilio.

In questo caso il primo punto della narrazione del team di LRG è stato quello di sottolineare come ci trovassimo di fronte ad un gioco per certi versi opposto al vertice rispetto ad Eterea, con una confezione piccola piccola, che può far pensare ad un gioco di carte sempliciotto o banale, ma che in realtà custodisce un concentrato di potenzialità non da poco.

Rune, per le stesse parole di Zemilio e Razzino, ha il potenziale per diventare virale e per occupare un posto nelle collezioni di qualsiasi giocatore.

Ci si è soffermati molto sull’idea di gioco, sulla sua semplicità, con un regolamento di meno di una pagina, sul setup immediato e sul suo essere essenziale ma mai banale.

Per chi non conoscesse il titolo siamo di fronte ad un gioco di carte strategico dove tramite l’ausilio di carte e meeple dovremo conquistare punti per battere l’avversario grazie al posizionamento tessere e controllo area.

Si è parlato brevemente della versione digitale del gioco e della difficoltà nel realizzare in digitale delle idee che sulla carta appaiono semplici quando realizzate nel mondo reale e si è parlato soprattutto delle differenze tra il gioco 1vs1 e quello 2vs2, arrivando a paragonare il gioco 2vs2 ad una moderna briscola (tra le risate generali – ndr) e si è anche in questo caso dato risalto alla storia che sta dietro al gioco e ne ha portato alla nascita, con Zemilio che ha parlato del fatto di aver creato il titolo nei ritagli di tempo durante un lavoro più grande sul quale è ancora impegnato!

Sintetizzando abbiamo quindi capito i punti cardine di Rune: divertimento, semplicità di setup, partite brevi da 10 minuti, scatola tascabile e portabile ovunque, insomma un mix esplosivo in attesa dell’estate non trovate?

Il finale della live è stato dedicato ad una piccola carrellata sui progetti futuri, con in primis il progetto dei librigame editi da LRG, ovvero la saga di Child Wood (di cui vi parleremo nel dettaglio a breve), che tornerà con un nuovo capitolo molto presto e con alcune novità che saranno spiegate meglio prossimamente e che ovviamente contiamo di proporvi sulle pagine del nostro sito.

I saluti finali hanno anche dato modo ai tre ragazzi di proporre un giveaway, attivo al momento della stesura di questo articolo, per vincere una copia fisica di Rune! (LINK AL GIVEAWAY)

Insomma buona la prima, per Little Rocket Games che si conferma una realtà molto molto interessante!

E voi cosa ne pensate di Eterea e Rune? Ditecelo nei commenti se vi va…

 

About author

Valerio Vega

Valerio "Raziel" Vega: Napoletano a Roma, Tecnico Ortopedico di giorno, Retrogamer compulsivo di notte. Creatore del progetto Nerdream, amante del cinema, delle serieTV, dei fumetti e di tutto ciò che è fottutissimamente NERD, sogna una vecchiaia con una dentiera solida ed il pad di un NES tra le mani. Il suo motto è “Ama il prossimo tuo come hai amato il tuo commodore64”